Royal Pains

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Royal Pains
Royal Pains.png
Immagine dalla sigla della prima stagione della serie televisiva
Titolo originale Royal Pains
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2009 – in produzione
Formato serie TV
Genere medical drama, commedia
Stagioni 6
Episodi 88
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Risoluzione 1080i
Colore colore
Audio Dolby Digital
Crediti
Ideatore Andrew Lenchewski, John P. Rogers
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzione 34 Films, Prospect Park, Universal Cable Productions
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 4 giugno 2009
Al in corso
Rete televisiva USA Network
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 6 giugno 2010
Al in corso
Rete televisiva Italia 1 (st. 1-2, 4+)
La5 (st. 3)
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 10 settembre 2009
Al in corso
Rete televisiva Joi
« Some doctors still make house calls. »
(Tagline della serie televisiva[1])

Royal Pains (reso graficamente come ℞oyal Pains) è una serie televisiva statunitense prodotta dal 2009.

Ideata da Andrew Lenchewski e John P. Rogers, è interpretata da Mark Feuerstein. La serie racconta la vita di Hank Lawson, brillante medico newyorchese di pronto soccorso, che per una serie di eventi si ritrova a lavorare come medico privato per una ricca comunità benestante negli Hamptons.

Royal Pains è trasmessa in prima visione negli Stati Uniti da USA Network. In Italia è trasmessa dal canale pay Joi, e in chiaro da Italia 1 e La5.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Hank Lawson è un giovane e promettente medico di un pronto soccorso di New York. Durante un concitato pomeriggio, sceglie di occuparsi prima di un ragazzo gravemente ferito, piuttosto che del maggior finanziatore dell'ospedale per cui lavora. Nonostante la scelta di Hank sia stata moralmente e legalmente giusta, gli viene intentata causa e licenziato in tronco. Dopo che tutto il suo mondo gli è crollato addosso, decide di lasciare la città e di trasferirsi negli Hamptons, meta vacanziera di ricche e benestanti famiglie, dove si reinventa come "medico a domicilio".

Prima stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Royal Pains (prima stagione).

Ancora scottato per il licenziamento, Hank accetta l'invito di suo fratello Evan, un giovane commercialista, a trascorrere un piccola vacanza negli Hamptons per distrarsi un po'. Qui le sue capacità mediche colpiscono Boris, un ricco signore tedesco che vive in un grande castello del luogo, che gli propone di diventare il suo "medico a domicilio". Inizialmente Hank rifiuta: fondamentale è l'incontro con Jill, la responsabile dell'Hamptons Heritage, l'ospedale della contea. Per Hank è un colpo di fulmine, che lo porta a decidere stabilirsi negli Hamptons assieme al fratello, ospitati nella dépendance del castello di Boris. Hank ed Evan creano così la HankMed, uno studio medico privato, con cui iniziano a guadagnare in maniera decisamente facile, grazie alle varie richieste di aiuto da parte della comunità. Entra a far parte della HankMed anche Divya, una giovane ragazza del posto che ha studiato medicina contro il volere della famiglia, e che vorrebbe intraprendere la professione medica. Divya proviene da una famiglia, di origine indiana, molto tradizionalista, che tra l'altro le ha da tempo preparato un matrimonio combinato con Rajan, un suo amico d'infanzia. Tra i clienti fissi di Hank c'è la signora Newberg, una ricca ed eccentrica donna che presto prende Hank in simpatia. Intanto tra Jill e Hank nasce una forte amicizia che si trasforma presto in amore, interrotto bruscamente dal ritorno negli Hamptons di Charlie, l'ex marito di Jill. Per quanto riguarda il suo lavoro, Hank viene a conoscenza del fatto che Boris ha una rara malattia genetica ereditaria, a cui da anni l'uomo sta cercando di trovare una cura con ogni mezzo possibile. Divya invece cerca di vivere la sua vita in modo indipendente e lontano dalla sua oppressiva famiglia, supportata in questo da Evan, ma dopo aver reincotrato Rajan cambia idea, e si fidanza ufficialmente con lui. Le cose per Hank ed Evan sembrano andare finalmente alla grande, fino a quando Hank scopre che alcune azzardate operazioni finanziarie fatte dal fratello stanno rischiando di portare la HankMed al fallimento; la cosa più sconcertante per lui è però scoprire che queste operazioni sono state suggerite e pianificate da Eddie, il padre che non vede da vent'anni.

Seconda stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Royal Pains (seconda stagione).

Eddie, il padre di Hank ed Evan, arriva negli Hamptons per rincontrare i figli e per cercare di risolvere i problemi che ha causato loro; mentre Evan è felice di riaverlo di nuovo accanto, Hank è ancora arrabbiato per il modo in cui li abbandonò vent'anni prima, rapportandosi in maniera distaccata e diffidente. Eddie trova però presto il modo di rimanere negli Hamptons, fidanzandosi con la signora Newberg. Intanto Hank e Boris scoprono una possibile cura per la sua malattia a Cuba, messa a punto da Marisa, una dottoressa con cui in passato l'uomo ha avuto una relazione. Nel corso di un viaggio clandestino sull'isola, Boris e Marisa si riscoprono innamorati, tanto che l'uomo riesce a farla fuggire negli Stati Uniti. Divya è invece alla prese con i preparativi per il suo matrimonio con Rajan, ma l'incontro con Adam, un affascinante paziente, le fa nascere molti dubbi sulla sua relazione. Da parte sua, Jill cerca di portare avanti la creazione di una clinica gratuita al servizio dei meno abbienti, ostacolata in questo dal suo capo Elizabeth, che vorrebbe destinare i fondi dell'ospedale ad ambiti più elitari. Jill e Hank continuano a essere buoni amici, anche se talvolta non riescono a mascherare i sentimenti che provano l'uno per l'altra. Hank deve fare i conti anche con l'arrivo negli Hamptons di Emily, una spregiudicata e affascinante medico a domicilio, con cui entra presto in concorrenza sul piano lavorativo; inaspettatamente però, questo li porta ad avvicinarsi e a innamorarsi. Anche Evan trova finalmente l'amore grazie a Paige, una giovane e ricca ragazza. Quando i rapporti tra Eddie e i figli sembrano ricucirsi, attraverso un'indagine privata Boris scopre il reale motivo della sua presenza negli Hamptons: dopo una condanna, Eddie ha fatto un patto con l'FBI per spiare Boris e le sue attività; la ciscostanza porta l'uomo a darsi nuovamente alla fuga. Divya invece capisce di dover fare la cosa giusta, e annulla le sue nozze.

Terza stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Royal Pains (terza stagione).

Divya è alle prese coi problemi economici derivanti dal suo mancato matrimonio. Contemporaneamente, Hank ed Evan cercano di riavvicinarsi al padre, il quale si è mostrato ravveduto dei passati misfatti e ha deciso di scontare la sua pena in Florida; nell'occasione conoscono Ted, l'uomo che sta aiutanto Eddie a rigare dritto, e scoprono che si tratta del nonno che non hanno mai conosciuto. Evan cerca anche di sistemare i rapporti col padre di Paige, che non vede di buon occhio la relazione tra i due; ciò nonostante, trova il coraggio di chiedergli la mano della figlia. Nel frattempo, Jill rimane coinvolta in un incidente d'auto che si rivela essere legato agli affari privati di Boris, il quale si ritrova a sua volta vittima di oscure trame familiari a opera dei suoi parenti. Intanto Divya – bisognosa di soldi dopo che la sua famiglia, a seguito dei fatti delle nozze, le ha tagliato i fondi – accetta un lavoro all'Hamptons Heritage, dove conosce il dottor Paul Van Dyke. Dopo lo scampato incidente, Jill sente sempre più pressante il bisogno di trovare un nuovo modo per aiutare gli altri, e matura l'idea di lasciare gli Hamptons per andare a lavorare come medico nei luoghi bisognosi della Terra. Vari contrasti circa la gestione della HankMed portano i due fratelli a rompere, con Hank che abbandona lo studio medico.

Quarta stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Royal Pains (quarta stagione).

Dopo che Jill è partita definitivamente in giro per il mondo, Divya ed Eddie riescono a far riconciliare i due fratelli Lawson, che ritornano così a lavorare insieme. Nella nuova HankMed entrano a far parte il dottor Van Dyke assieme a Jeremiah, un medico di laboratorio dal bizzarro comportamento. Dal canto suo, Hank decide di voler essere sempre più coinvolto negli affari di Boris, esponendosi in prima persona. Intanto, Divya cerca anche di recuperare il rapporto col padre, che è ancora risentito con lei per l'esito del mancato matrimonio, mentre Paige, ormai promessa sposa di Evan, inizia a dare una mano allo studio medico come segretaria; la stessa ragazza affronta un difficile momento quando scopre di essere stata adottata, e inizia a cercare la sua vera madre. Nel frattempo Hank comincia a frequentare Harper, una pediatra che si prende cura del figlio di Boris e Marisa. Visto l'imminente inizio degli studi di Paige, Evan le propone di anticipare il loro matrimonio prima della fine dell'anno. A causa dei suoi affari, Boris è vittima di un attentato al castello, in cui apparentemente perde la vita, e in cui rimane coinvolto anche Hank. Durante gli addii al celibato di Evan e Paige a Las Vegas, Divya convola frettolosamente a nozze con Rafa, un giocatore di polo conosciuto poche settimane prima, mentre Hank inizia a mostrare dei disturbi imputabili ai postumi dell'attentato. Tra mille imprevisti, Evan e Paige riescono finalmente a sposarsi a Natale, nella singolare cornice degli Hamptons sotto la neve.

Quinta stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Royal Pains (quinta stagione).

Sesta stagione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Royal Pains (sesta stagione).

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 12 2009 2009
Seconda stagione 18 2010-2011 2010-2011
Terza stagione 16 2011-2012 2011-2012
Quarta stagione 16 2012 2012-2013
Quinta stagione 13 2013 2013
Sesta stagione 13 2014 inedita

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Personaggi principali[modifica | modifica sorgente]

  • Henry "Hank" Lawson (stagioni 1-in corso), interpretato da Mark Feuerstein, doppiato da Niseem Onorato.
    È il protagonista della serie. Hank è un brillante medico ospedaliero. Dopo la morte accidentale del principale finanziatore della struttura dove lavora, viene accusato dell'accaduto e licenziato. Grazie a suo fratello Evan, riesce a risollevarsi, e ora lavora come medico privato negli Hamptons, dove ricche e benestenti persone richiedono i suoi servizi. In realtà Hank è un medico generoso e altruista, e offre i suoi servizi a chiunque ne abbia bisogno. Dopo l'incontro con Jill Casey s'innamora a prima vista, e i due iniziano a lavorare a stretto contatto per curare i pazienti più disparati, instaurando al contempo con la donna una complicato rapporto di amicizia/amore. Odia il padre Eddie, colpevole di aver abbandonato lui ed Evan da ragazzi, e non vede di buon occhio il suo ritorna nella loro vita.
  • Evan Richard Lawson (stagioni 1-in corso), interpretato da Paulo Costanzo, doppiato da Edoardo Stoppacciaro.
    È il fratello di Hank. Evan è un commercialista, ed è l'amministratore della HankMed, la società medica da lui creata assieme a Hank e Divya. A differenza del fratello, Evan sul lavoro è attento soprattutto al lato economico, e si ingegna in ogni modo nel trovare metodi per aumentare i guadagni. Sempre contrariamente a Hank, lui è legato al padre, ed è più disponibile a dimenticare il passato e a dargli fiducia. Inizialmente playboy impenitente (dagli altalenanti risultati), Evan trova stabilità sentimentale quando incontra Paige, una ricca ragazza da poco trasferitasi negli Hamptons.
  • Divya Katdare (stagioni 1-in corso), interpretata da Reshma Shetty, doppiata da Federica De Bortoli.
    È l'assistente-medico di Hank, molto preparata e desiderosa di imparare il mestiere: ha infatti studiato medicina contro il volere della famiglia. Divya ha origini indiane, e i suoi genitori le hanno da tempo programmato un matrimonio combinato con un uomo che non ama; realtà da cui cerca in tutti i modi di rifuggire, e che la pone in serio contrasto coi suoi familiari. Non sopporta Evan, e sono frequenti i litigi tra i due per i più svariati pretesti.
  • Jill Casey (stagioni 1-3, ricorrente 4), interpretata da Jill Flint, doppiata da Claudia Catani.
    È la responsabile dell'Hamptons Heritage, l'ospedale della contea, che non versa in buone condizioni. È già stata sposata in passato. Quando incontra Hank, i due si innamorano, e lo convince ad aiutarla nel lavoro diversificando la sua professione – lavorando come medico privato per i benestanti del posto, e come medico dell'ospedale a domicilio per la gente comune. La loro reciproca attrazione, tra alti e bassi, va avanti finché il pressante desiderio di Jill di aiutare il prossimo, la spinge a lasciare gli Hamptons per esercitare la professione medica nei luoghi più bisognosi del pianeta.
  • Boris Kuester von Jurgens-Ratenicz (stagioni 4-in corso, ricorrente 1-3), interpretato da Campbell Scott, doppiato da Francesco Prando.
    È un ricco uomo d'affari tedesco, che possiede un grande castello negli Hamptons; in rapporti tesi con la sua famiglia d'origine, qui vive rinchiuso in una sorta di fortezza privata. Rimasto colpito dalle capacità mediche di Hank, è colui che gli offre la possibilità di lavorare come suo medico privato, oltreché per tutti gli altri membri della comunità. È un uomo molto schivo e riservato – mostrando a tratti un carattere duro e irascibile –, che custodisce gelosamente la sua vita privata e i suoi interessi. È affetto da una rara e grave malattia genetica; Hank lo assiste e l'aiuta nella ricerca di una cura.
  • Paige Collins (stagioni 4-in corso, ricorrente 2-3), interpretata da Brooke D'Orsay, doppiata da Myriam Catania.
    È una ragazza di buona famiglia, che incappa casualmente in Evan "assumendolo" per fingere di essere il suo ragazzo di fronte ai genitori, per paura di deluderli. Inaspettatamente, dopo qualche tempo i due si innamorano davvero, diventando una coppia molto unita nonostante le rispettive differenze sociali. Paige ha una passione per il mondo dell'arte, ed è alla ricerca del campo migliore in cui esprimere il suo talento.
  • Jeremiah Sacani (stagioni 5-in corso, ricorrente 4), interpretato da Ben Shenkman.
    È un medico, temporaneamente assunto da Evan per sostituire Hank dopo il loro litigio, che in seguito rimane alla HankMed anche quando i due fratelli si riconciliano. Jeremiah è esperto dottore di laboratorio, che per anni ha svolto la professione rinchiuso tra le quattro mura del suo posto di lavoro; per questo motivo, mostra parecchie carenze nei rapporti interpersonali, eccellendo nelle diagnosi ma ritrovandosi in serio imbarazzo nel relazionarsi a livello umano coi pazienti. A dispetto delle apparenze, è molto ricco per via di un'eredità ricevuta, ma il denaro non sembra interessargli particolarmente.

Personaggi secondari[modifica | modifica sorgente]

  • Miss Newberg (stagioni 1-in corso), interpretata da Christine Ebersole, doppiata da Anna Rita Pasanisi.
    È una signora del luogo, ossessionata dalla chirurgia estetica, cliente abituale della HankMed. Dopo l'arrivo di Eddie, il padre di Hank ed Evan, negli Hamptons, si innamora e si fidanza con lui.
  • Tucker Bryant (stagioni 1-2), interpretato da Ezra Miller, doppiato da Flavio Aquilone.
    È un ricco adolescente emofiliaco della zona, che diventa amico e paziente di Hank. Nonostante la giovane età, diventa l'erede di tutta la fortuna di famiglia.
  • Eddie R. Lawson (stagioni 2-in corso), interpretato da Henry Winkler, doppiato da Mario Cordova.
    È il padre di Hank ed Evan, con cui loro hanno perso i contatti da molti anni dopo che abbandonò la famiglia. È sempre stato un truffatore, e gli stessi Hank ed Evan da ragazzi lo hanno aiutato nei suoi lavori. Eddie si è trasferito negli Hamptons per stare un po' vicino ai due figli e riacquistare la loro simpatia, ma nel frattempo continua a compiere truffe ai danni dei vari ricchi della zona. Qui si fidanza con la signora Newberg, con cui va a vivere insieme. In seguito le sue truffe vengono però scoperte dalla polizia, e viene arrestato e messo in prigione; una volta scontata la sua pena, cerca di cambiare vita e di essere una persona migliore.
  • Ken Keller (stagioni 2-in corso), interpretato da Michael B. Silver.
    È un ex compagno di scuola di Hank, ora diventato un ricco uomo d'affari agli Hamptons. Da giovani i due non si sono mai presi in simpatia, e la cosa sembra ripetersi da adulti, ma col tempo il loro rapporto si rasserena, anche per via del fatto che Hank si ritrova più volte a curare l'amico. Diventa uno dei principali finanziatori della HankMed.
  • Jack O'Malley (stagioni 2-3), interpretato da Tom Cavanagh.
    È un giocatore professionista di golf, che per il suo lavoro si trova a frequentare spesso i campi da gioco degli Hamptons. Cerca di continuare la sua professione nonostante dei gravi problemi di salute; diventa così un paziente fisso di Hank. Il loro rapporto evolve in fretta in una stretta e sincera amicizia.
  • Emily Peck (stagione 2), interpretata da Anastasia Griffith, doppiata da Giuppy Izzo.
    È il medico privato assunto da Boris per sostituire Hank durante un loro soggiorno cubano. È un'arrivista e una persona molto competitiva. Al ritorno di Hank decide di restare negli Hamptons e aprire a sua volta uno studio medico privato. Nonostante la concorrenza sul lavoro, presto i due si innamorano.
  • Marisa Casseras (stagioni 2-in corso), interpretata da Paola Turbay, doppiata da Stella Musy.
    È una dottoressa cubana che per prima riesce a diagnosticare la malattia di Boris. Tra i due c'è anche una storia a distanza che dura da molti anni. Boris riesce faticosamente a farla espatriare in America, e qui Marisa scopre di essere incinta dell'uomo.
  • Paul Van Dyke (stagioni 3-in corso), interpretato da Kyle Howard.
    È un dottore dell'Hamptons Heritage, giovane e sfacciato, a tratti quasi irritante. Il suo modo di porsi coi pazienti non piace a Hank, che però ne riconosce l'abilità medica, tanto che col tempo inizia a collaborare con la HankMed.
  • Harper Cummings (stagione 4), interpretata da Kat Foster.
    È una pediatra dell'Hamptons Heritage. Tra lei e Hank scatta presto una reciproca attrazione, nonostante il fatto che Harper non ami frequentare dei suoi colleghi.

Altri personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Marshall Bryant (stagione 1), interpretato da Andrew McCarthy.
    È il padre di Tucker. È sempre assente per lavoro, non vede quasi mai il figlio, e ha con lui un rapporto molto conflittuale.
  • Charlie Casey (stagione 1), interpretato da Bruno Campos, doppiato da Francesco Pezzulli.
    È il marito di Jill. Anche se separati da molti anni, non sono ancora ufficialmente divorziati. Ritorna improvvisamente negli Hamptons per tentare di riconquistarla.
  • Elizabeth Blair (stagione 2), interpretata da Marcia Gay Harden, doppiata da Laura Boccanera.
    È un chirurgo e membro del consiglio dell'Hamptons Heritage. È spesso in contrasto con Jill, soprattutto per via del loro diverso approccio nella gestione dell'ospedale e dei pazienti.
  • Adam (stagione 2), interpretato da Patrick Heusinger, doppiato da Giorgio Borghetti.
    È un ragazzo che Divya ha conosciuto durante una visita a domicilio. Adam è attratto da lei, e anche la ragazza, nonostante sia fidanzata con Rajan, in breve non riesce più a nascondere i sentimenti che prova verso di lui.
  • Ted Roth (stagioni 3-in corso), interpretato da Edward Asner.
    È il padre di Eddie e nonno di Hank ed Evan, con cui loro hanno perso i contatti fin da quando erano ragazzi, in quanto ha finto la sua morte; prima di farlo ha cacciato di casa il figlio Eddie che, per vendetta, ha cambiato cognome.
  • Eric Kassabian (stagione 3), interpretato da Wilmer Valderrama.
    È un collezionista d'arte che soffre di alcuni misteriosi problemi di salute. Hank prende a cuore il caso, cercando una maniera per diagnosticare i suoi mali.
  • Ernie (stagione 4), interpretato da Donal Logue.
    È il fratello di Jill. Lavora come pescatore, e ha molto a cuore la salvaguardia delle tradizioni degli Hamptons.
  • Dmitry Vasilyev (stagione 4), interpretato da Mark Ivanir.
    È un uomo d'affari russo, scontroso e irascibile. Partner di Boris in una difficile trattativa, gli viene affiancato Hank per le cure mediche, dato che Dmitry soffre di una grave forma di diabete.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Una tipica veduta degli Hamptons, location principale della serie.

L'episodio pilota di Royal Pains è stato girato a Long Island e New York tra la primavera e l'autunno del 2008.[2] Nel luglio dello stesso anno Mark Feuerstein, già protagonista di varie serie televisive della NBC,[3] è stato scritturato come protagonista del pilota, affiancando sul set il cast già presente.[4] L'episodio, della durata di 90 minuti, è stato diretto da Jace Alexander, già regista del pilota di Burn Notice - Duro a morire, altra produzione di USA Network. Andrew Lenchewski ne ha scritto la sceneggiatura, mentre Rich e Paul Frank sono stati i produttori esecutivi del progetto, con Lenchewski co-produttore esecutivo e John P. Rogers produttore.[5] Dopo la visione dell'episodio pilota, nel gennaio 2009 è stata ordinata una stagione intera con la realizzazione di altri 11 episodi.[6]

Sul passaggio dalla prima alla seconda stagione, Lenchewski ha spiegato che è stato scelto di non fare salti temporali, ma di riprendere invece la narrazione immediatamente dal mattino successivo gli eventi della stagione precedente.[7] Il produttore esecutivo Michael Rauch ha aggiunto che rispetto alla prima stagione, dove uno dei temi principali per Hank ed Evan era l'assenza della famiglia, nella seconda stagione l'elemento caratterizzante dei due personaggi è proprio la presenza della famiglia, visto il ritorno del loro padre; una scelta fatta per analizzare più in profondità i personaggi di Hank ed Evan.[7]

Durante la terza stagione, Mark Feuerstein ha debuttato come regista dirigendo un episodio della serie. L'attore aveva da tempo questo obiettivo, giustificando ciò con le parole: «credo che questo sia un passaggio naturale per chi ha i mezzi ed è appassionato di narrazione». Bill McGoldrick, responsabile delle serialità di USA Network, si è detto favorevole all'operazione, aggiungendo che: «faremo ancora affidamento sui nostri attori per la regia, perché chi meglio di loro conosce questi spettacoli?».[8] Nella quarta stagione, anche Paulo Costanzo è passato dietro la macchina da presa curando la regia di un episodio.

Rinnovata per una seconda stagione il 29 luglio 2009,[9][10] nel settembre 2010 la serie è stata ulteriormente rinnovata per una terza stagione,[11][12] e il 15 settembre dello stesso anno è stata confermata per una quarta stagione;[13][14] nello specifico, questa stagione ha visto la conclusione con un doppio episodio finale, inteso come un film per la televisione di due ore, che racconta il matrimonio tra Evan e Paige.[15][16] Il 25 settembre 2012 la serie è stata rinnovata per una quinta stagione e una sesta stagione di 13 episodi ciascuna.[17]

Cast[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Oheka a Huntington, nella finzione la residenza di Boris negli Hamptons.

A proposito del suo personaggio, Mark Feuerstein ha detto che da tempo cercava un ruolo che si adattasse al suo carattere «divertente e affabile».[3] Lo sceneggiatore e co-creatore Andrew Lenchewski già conosceva Feuerstein da circa dodici anni, ma ha comunque provinato una cinquantina di attori prima di sceglierlo per la parte; su di lui, e sulla sua recitazione, ha detto: «è un ragazzo simpatico, un vincente, ma allo stesso tempo ha un'intelligenza che lo rende totalmente credibile».[3]

Dalla seconda stagione, oltre all'entrata nel cast di un attore di peso come Henry Winkler[18][19] e di un premio Oscar come Marcia Gay Harden,[20][21] la serie ospita un gran numero di guest star nei suoi episodi. In proposito, Feuerstein ha detto che l'aver a che fare con attori di questo calibro è uno stimolo a dare sempre il meglio, «alzando di conseguenza il livello della recitazione e dello spettacolo».[22] Nella terza stagione si è aggiunto al cast regolare Edward Asner, più volte vincitore del premio Emmy.[23][24]

Per le prime tre stagioni, il cast principale di Royal Pains è composto dal già citato Mark Feuerstein assieme a Paulo Costanzo, Reshma Shetty e Jill Flint. All'inizio della quarta stagione c'è un primo cambio nel lotto dei protagonisti, con Jill Flint che esce dalla cast fisso e rimane come recurring,[25] mentre Campbell Scott (presente come attore ricorrente dalla prima stagione) e Brooke D'Orsay (dalla seconda) sono promossi a regular.[26] Con la quinta stagione, Ben Shenkman (che aveva esordito con un ruolo secondario nella precedente stagione) entra anche lui tra i protagonisti principali dello show.[27]

Location[modifica | modifica sorgente]

Royal Pains è girata nello stato di New York, principalmente negli Hamptons e a Long Island, con alcuni ciclici passaggi nella grande mela. La villa di Boris è il castello di Oheka, nella finzione negli Hamptons, ma situato in realtà a Huntington.[28] Altre sequenze, sempre ambientate negli Hamptons, sono state invece girate in vari luoghi di Long Island come Long Beach, Point Lookout, Northport Village, Freeport, Oyster Bay e Atlantic Beach.[senza fonte]

Il protagonista Mark Feuerstein si è detto felice di queste location, poiché: «mentre CSI - Scena del crimine o NCIS - Unità anticrimine vengono girate in magazzini abbandonati o nei bassifondi delle città, noi ci ritroviamo in mezzo a campi da golf, alberghi e ville con piscina».[22]

New York, location secondaria della serie.

Andrew Lenchewski aveva subito pensato agli Hamptons come location della serie, poiché per lui hanno rappresentato «il luogo dei sogni dove passare le estati durante gli anni della scuola e del college. In questo ero molto vicino al personaggio di Evan, ovvero qualcuno che è al di fuori di quel mondo ma vuole assolutamente entrarvi a far parte».[29] Oltre a questo, per Lenchewski negli Hamptons c'è una particolare sensazione di «isolamento e romanticismo» al tempo stesso, generata dall'oceano e dalle grandi spiagge.[29]

La serie è ambientata nel periodo estivo ed è caratterizzata da un costante bel tempo, ma Feuerstein ha rivelato che è molto difficile avere perennemente un clima estivo a New York nell'arco dei sei mesi di produzione necessari per le riprese:[22] «non c'è giorno in cui magari abbiamo bisogno di una perfetta giornata di sole, ma c'è invece la minaccia di piogge torrenziali».[30] L'attore ha ammesso che in molti casi sono fortunati nel trovare bel tempo, mentre in altri si rimedia con riprese ad hoc per mascherare il maltempo, o con lo spostamento delle scene in ambienti interni.[30]

Durante la seconda stagione, due episodi hanno avuto come sfondo Cuba, ma per via dell'embargo contro l'isola le riprese si sono svolte in realtà a Porto Rico. La produzione di questo doppio episodio si è resa indispensabile dopo l'estensione della seconda stagione a 18 episodi, ed era quindi necessario trovare uno stratagemma per mantenere un'idea di clima estivo durante tutto l'arco narrativo della stagione.[22] Per poter quindi rimanere nei tempi della produzione, ed evitare quelle che nella prima stagione erano state ironicamente chiamate dal cast «The Royal Rains» («le piogge reali»),[30] le riprese a Porto Rico sono partite in piena primavera, quando ancora non c'erano le foglie sugli alberi.[22] Dato che i due episodi sono stati girati all'inizio delle riprese, ma si inseriscono temporalmente al centro della stagione, essi non sono stati realizzati seguendo la continuity, e Feuerstein ha commentato che in questo caso è stato molto caotico «tuffarsi in mezzo alla stagione», sia per gli attori che per gli sceneggiatori. L'attore si è detto entusiasta di questa trasferta, ma ha anche ammesso di essere stato preoccupato dalle reazioni del pubblico, il quale a suo dire poteva pensare: «stanno già saltando lo squalo. Hanno bisogno di andare a Cuba perché stanno cercando di trovare un modo per rendere più interessante la serie, hanno già esaurito le idee con gli Hamptons».[22] Continuando in questo senso, all'inizio della terza stagione c'è stata una breve trasferta dei fratelli Lawson in Florida, mentre il doppio episodio finale che conclude la quarta stagione, ha visto i protagonisti muoversi a Las Vegas.

[modifica | modifica sorgente]

Rx symbol border.svg

Il simbolo "℞" presente nella stilizzazione grafica del titolo ℞oyal Pains indica in medicina la prescrizione di una ricetta medica. Il simbolo vuol dire appunto "prescrizione", e talvolta viene traslitterato in "Rx" o semplicemente in "Rx". Nasce nel Medioevo come abbreviazione del verbo latino recipe, forma imperativa di recipere ("prendere", "fare così").[31] L'origine del simbolo viene invece fatta ricondurre, per la loro somiglianza, all'Occhio di Horo o all'antico simbolo di Zeus e Giove ("♃").[32]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La canzone che accompagna i titoli di testa della serie è Independence, cantata dal gruppo musicale danese The Blue Van.

Trasmissione internazionale[modifica | modifica sorgente]

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Pubblico[modifica | modifica sorgente]

Royal Pains si è subito imposto negli Stati Uniti d'America come uno degli show più visti sulla televisione via cavo.[35] La première del 4 giugno 2009 è stata seguita da 5.570.000 spettatori, il più alto esordio per una nuova serie di USA Network dal debutto di Psych nel 2006.[36] Nel secondo e terzo episodio la serie è stata seguita rispettivamente da 5.590.000 e 6.500.000 spettatori, diventando il primo show negli ultimi cinque anni ad aver fatto registrare un incremento dell'audience negli episodi successivi.[35][37] Nel complesso, la prima stagione ha fatto registrare un'audience media di 5.970.000 spettatori.[38]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Pareri contrastanti sulla serie da parte della critica, che però si è trovata d'accordo nel lodare l'interpretazione di Campbell Scott.

Il sito web Metacritic ha assegnato alla prima stagione di Royal Pains un punteggio di 62/100 da parte della critica e di 7,5/10 da parte degli utenti.[39] James Chamberlin del sito IGN ha recensito l'episodio pilota in maniera soddisfacente. Ha apprezzato la relazione tra Hank ed Evan, spiegando che «i loro caratteri sono molto diversi, con Evan che cerca sempre di vivere la vita al massimo, mentre Hank è un po' più riservato. La cosa è bilanciata abbastanza bene», nonché l'alchimia creatasi tra i vari protagonisti. Ha inoltre messo positivamente l'accento sull'idea che Hank riesca a far fronte alle emergenze con quello che trova a disposizione intorno a lui, particolare che «ricorda quanto avrebbe fatto Richard Dean Anderson nei panni di MacGyver».[40] Nella successiva recensione della prima stagione, Chamberlin ha lodato «la miscela unica di medicina, intrigo e commedia, che funziona alla grande», segnalando in particolar modo la prova di Campbell Scott, «paragonabile a un cattivo di James Bond», e lo «straordinario lavoro di profondità» fatto dagli sceneggiatori anche per i personaggi minori, assegnando così alla serie l'ottimo punteggio di 8,2/10.[41]

Da parte della carta stampata, i pareri su Royal Pains sono stati contrastanti. Tra i positivi, Ken Tucker di Entertainment Weekly specifica che «una volta accettate le strane premesse della serie, non è poi difficile seguire i suoi ritmi da fumetto», definendola «divertente e inaspettamente stravagante», e sottolineando come il protagonista Mark Feuerstein abbia finalmente trovato un ruolo su misura per lui.[42] Rob Owen del Pittsburgh Post-Gazette individua invece in Evan il personaggio per cui la serie merita di essere seguita: «ottiene i dialoghi migliori, ed è al centro delle scene più divertenti».[43] Per Robert Lloyd del Los Angeles Times «l'intelligenza e le capacità di Hank, per certi versi, sono le cose che lo rendono il personaggio meno interessante. Le cose migliori accadono intorno a lui, con il comico Evan e l'intelligente Tucker».[44]

Tra i commenti negativi, Ginia Bellafante del New York Times afferma che «la serie potrebbe essere un veicolo per dire qualcosa sull'iniquità del sistema sanitario statunitense, oppure essere una scusa per mostrare inquadrature panoramiche di prati di velluto e cancelli in ferro battuto. Scommetterei sulla seconda».[45] Linda Stasi del New York Post l'ha etichettata come «una lettura d'estate, divertente, sciocca e poco profonda»,[46] mentre il New York l'ha trovata «una serie pessima ma guardabile», un mix tra «Gossip Girl e un medical drama, che però non può essere una ricetta per la qualità», e con Mark Feuerstein «stranamente adorabile».[47] David Hinckley del Daily News trova che il lusso, le belle donne e quant'altro presente nello show «suona tutto un po' forzato, e lo è», ma che non sia questo il problema di fondo, che invece sarebbe il continuo compiacimento per tutti questi eccessi.[48] In un successivo articolo scritto all'inizio della terza stagione, Hinckley ha pressoché confermato il suo giudizio non esaltante: «si sa quello che è, uno spettacolo d'estate per il divertimento estivo, che non si complica le cose cercando di essere qualcosa di più».[49] Maureen Ryan del Chicago Tribune non è rimasta a sua volta colpita, poiché «sulla carta, la nuova serie dovrebbe essere altrettanto divertente come Burn Notice», ma è invece «troppo prevedibile per fare una grande impressione». A suo dire, Mark Feuerstein «non riesce a dare nulla al suo personaggio, tra l'altro blandamente scritto», salvando così solo Campbell Scott, il cui personaggio invece «ha tutto il carisma che al medico manca».[50]

Per quanto concerne la critica europea, anch'essa ha dato giudizi opposti sulla serie. In Italia, Aldo Grasso del Corriere della Sera l'ha generalmente ben accolta, mettendo positivamente in risalto la scelta degli Hamptons: «quando si dice location. [...] Ovviamente l'ambientazione non basta, ma aiuta», e definendo Royal Pains «un medical drama che non disdegna la soap: casi clinici da risolvere ma anche intrighi sentimentali».[51] In Spagna, Alberto Rey del Mundo ha invece stroncato in toto lo show, liquidandolo come una miscela di varie serie televisive, Gossip Girl in primis, mal riuscita.[52]

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Hayden Christensen e suo fratello Tove hanno accusato USA Network di avergli rubato l'idea alla base di Royal Pains.

Il 6 luglio 2010 l'attore Hayden Christensen e suo fratello maggiore Tove hanno intentato un'azione legale contro USA Network presso la Corte distrettuale di Manhattan, accusando il network di avergli sottratto l'idea alla base di Royal Pains. Nel procedimento, i due fratelli hanno sostenuto di aver proposto nel 2005 all'emittente una loro idea per una serie televisiva chiamata Housecall, che vedeva protagonista un medico a domicilio di Malibù alle prese con ricchi e famosi pazienti.[53] Essi hanno anche affermato che nell'occasione la dirigenza del network avrebbe ammesso di non essere a conoscenza dell'esistenza della professione di medico a domicilio, e di avergli confidato che il soggetto proposto fosse un'idea molto affascinante,[54] pur tuttavia non mostrandosi interessata a essa.[55] I fratelli non hanno sporto denuncia per violazione di copyright, bensì per rottura di contratto verbale, concorrenza sleale e ingiusto arricchimento, chiedendo come risarcimento una parte dei profitti derivanti dalla serie.[55] All'uscita della notizia della causa, USA Network non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali in merito.[53][54]

Il 10 maggio 2011 il giudice chiamato a dirimere la controversia ha respinto le accuse dei fratelli Christensen, stabilendo che non ci sono prove sufficienti perché i due possano rivendicare una violazione di contratto, poiché fondamentalmente la questione riguarda «cose che non sono protette da copyright, come a esempio le idee». A seguito di ciò, l'avvocato dei due fratelli ha annunciato l'intenzione di impugnare la sentenza,[56] che in seguito è stata parzialmente rivista in appello, in favore dei Christensen, nel giugno del 2012.[57]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

Universal Studios Home Entertainment ha distribuito in DVD la prima stagione di Royal Pains a partire dal 25 maggio (per le edizioni "Regione 1")[59] e dal 25 agosto 2010 (per le edizioni "Regione 4"),[60] entrambe arricchite con vari contenuti speciali.[61]

La seconda stagione è stata distribuita sempre in DVD (in edizione "Regione 1") dal 17 maggio 2011.[62]

Tutti gli episodi di Royal Pains sono inoltre disponibili su iTunes.

Opere correlate[modifica | modifica sorgente]

Libri[modifica | modifica sorgente]

Similmente con quanto già fatto per altre produzioni di USA Network, a partire dall'inizio del 2011 la casa editrice statunitense Signet Books ha iniziato la pubblicazione di alcuni romanzi ispirati alla serie televisiva:

  • (EN) D.P. Lyle, M.D., First, Do No Harm. Signet Books, 2011[63]
  • (EN) D.P. Lyle, M.D., Sick Rich. Signet Books, 2012[64]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) "Royal Pains" poster, movieposterdb.com. URL consultato il 19 settembre 2011.
  2. ^ (EN) Brendan O'Reilly, USA Network films pilot on the Hamptons in 27east.com, 8 settembre 2008. URL consultato il 26 novembre 2011.
  3. ^ a b c (EN) Mandi Bierly, Talking with Mark Feuerstein in ew.com, 17 luglio 2009. URL consultato il 27 novembre 2011.
  4. ^ (EN) Nellie Andree, Kimberly Nordyke, Feuerstein growing with 'Pains' role in hollywoodreporter.com, 15 luglio 2008. URL consultato il 26 novembre 2011.
  5. ^ (EN) Nellie Andreeva, 'Pains' near USA order in hollywoodreporter.com, 8 dicembre 2008. URL consultato il 26 novembre 2011.
  6. ^ (EN) Kimberly Nordy, Nellie Andreeva, USA aches for 'Pains' in hollywoodreporter.com, 5 gennaio 2009. URL consultato il 26 novembre 2011.
  7. ^ a b (EN) Kate Stanhope, Royal Pains: Who Knows Father Best? in tvguide.com, 2 giugno 2010. URL consultato il 27 novembre 2011.
  8. ^ (EN) Lacey Rose, Mark Feuerstein Directing Episode of USA's 'Royal Pains' in hollywoodreporter.com, 1º settembre 2011. URL consultato il 26 novembre 2011.
  9. ^ (EN) Nellie Andreeva, Cable hits "Burn Notice," "Royal Pains" renewed in reuters.com, 29 luglio 2009. URL consultato il 26 novembre 2011.
  10. ^ Antonio Genna, Rinnovi per Burn Notice e Royal Pains in antoniogenna.com, 3 agosto 2009. URL consultato il 26 novembre 2011.
  11. ^ (EN) Robert Seidman, 'Royal Pains', 'White Collar' & 'Psych' All Renewed in tvbythenumbers.zap2it.com, 27 settembre 2010. URL consultato il 26 novembre 2011.
  12. ^ Rinnovati Royal Pains, Psych e White Collar in tvblog.it, 28 settembre 2010. URL consultato il 19 settembre 2011.
  13. ^ (EN) Joyce Eng, USA Renews Covert Affairs, Royal Pains and Necessary Roughness in tvguide.com, 15 settembre 2011. URL consultato il 26 novembre 2011.
  14. ^ Diego Odello, USA rinnova Covert Affairs, Royal Pains e Necessary Roughness in serietivu.com, 16 settembre 2011. URL consultato il 1º novembre 2011.
  15. ^ (EN) Kimberly Roots, Royal Pains Scoop: December Movie to Feature Paige and Evan's Wedding — and Jill's Back! in tvline.com, 19 settembre 2012. URL consultato il 2 marzo 2013.
  16. ^ (EN) Kate Stanhope, Royal Pains Scoop: Two-Hour Movie to Host Evan and Paige’s Wedding and Jill’s Return in tvguide.com, 19 settembre 2012. URL consultato il 2 marzo 2013.
  17. ^ (EN) Nellie Andreeva, USA’s ‘Royal Pains’, ‘White Collar’ & ‘Covert Affairs’ Renewed in deadline.com, 25 settembre 2012. URL consultato il 26 settembre 2012.
  18. ^ (EN) Michael Ausiello, 'Royal Pains' enlists Henry Winkler! in insidetv.ew.com, 5 febbraio 2010. URL consultato il 26 novembre 2011.
  19. ^ Henry Winkler in Royal Pains in tvblog.it, 6 febbraio 2010. URL consultato il 26 novembre 2011.
  20. ^ (EN) Michael Ausiello, 'Royal Pains' adds Oscar champ Marcia Gay Harden in insidetv.ew.com, 26 aprile 2010. URL consultato il 26 novembre 2011.
  21. ^ Sonja Della Ragione, Marcia Gay Harden chirurgo in Royal Pains in movieplayer.it, 27 aprile 2010. URL consultato il 26 novembre 2011.
  22. ^ a b c d e f (EN) Kate Stanhope, Royal Pains Gets a Taste of the Exotic with "Cuban" Excursion in tvguide.com, 23 giugno 2010. URL consultato il 26 novembre 2011.
  23. ^ (EN) Nellie Andreeva, Royal Pains Scoop: Ed Asner Cast as Gramps in tvline.com, 29 aprile 2011. URL consultato il 26 novembre 2011.
  24. ^ Emanuele Manta, Ed Asner sarà il nonno di Hank in Royal Pains in comingsoon.it, 30 aprile 2011. URL consultato il 26 novembre 2011.
  25. ^ (EN) Kate Stanhope, Royal Pains Bosses on Jill's Departure: It Was the Hardest Thing We've Done in tvguide.com, 26 giugno 2012.
  26. ^ (EN) Kate Stanhope, Royal Pains Promotes Campbell Scott, Brooke D'Orsay for Season 4 in tvguide.com, 4 aprile 2012.
  27. ^ (EN) Vlada Gelman, Royal Pains Promotes Ben Shenkman to Series Regular for Season 5 in tvline.com, 14 febbraio 2013.
  28. ^ Luoghi delle riprese per "Royal Pains", imdb.it. URL consultato il 19 settembre 2011.
  29. ^ a b (EN) Karin Lipson, Doctor Starts Over, in the Hamptons, in New Cable Series in nytimes.com, 13 maggio 2009. URL consultato il 28 novembre 2011.
  30. ^ a b c (EN) Mandi Bierly, 'Royal Pains' returns tonight: Mark Feuerstein talks Season 2 in popwatch.ew.com, 3 giugno 2010. URL consultato il 27 novembre 2011.
  31. ^ (EN) rec·i·pe, merriam-webster.com. URL consultato il 28 novembre 2011.
  32. ^ (EN) Amy Beth Dukoff, Did You Know Where Rx Came From? in endomail.com, febbraio-marzo 2003. URL consultato il 28 novembre 2011.
  33. ^ Royal Pains: il dottore a servizio che alleggerisce il medical arriva su Joi in tvblog.it, 10 settembre 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  34. ^ (EN) David Knox, Seven Ratings week schedule in tvtonight.com.au, 28 gennaio 2010. URL consultato il 30 novembre 2011.
  35. ^ a b (EN) Bill Gorman, Burn Notice, Royal Pains Renewed By USA in tvbythenumbers.zap2it.com, 28 luglio 2009. URL consultato il 29 novembre 2011.
  36. ^ (EN) Anthony Crupi, Burn Notice Scorches for USA in adweek.com, 5 giugno 2009. URL consultato il 29 novembre 2011.
  37. ^ (EN) Anthony Crupi, USA's Royal Pains Shows Demo Gains in adweek.com, 12 giugno 2009. URL consultato il 29 novembre 2011.
  38. ^ (EN) Robert Seidman, USA's "Royal Pains" and "Burn Notice" Return to Heat Up Thursday Nights on June 3 in tvbythenumbers.zap2it.com, 1º aprile 2010. URL consultato il 29 novembre 2011.
  39. ^ (EN) Royal Pains: Season 1 – Metascore/User Score, metacritic.com. URL consultato il 30 novembre 2011.
  40. ^ (EN) James Chamberlin, Royal Pains: "Pilot" Review in uk.tv.ign.com, 3 giugno 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  41. ^ (EN) James Chamberlin, Royal Pains: Season 1 Review in uk.tv.ign.com, 3 settembre 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  42. ^ (EN) Ken Tucker, TV Review – Royal Pains in ew.com, 8 luglio 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  43. ^ (EN) Rob Owen, Rich characters supply booster shot to USA's 'Royal Pains' in post-gazette.com, 4 giugno 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  44. ^ (EN) Robert Lloyd, Review: 'Royal Pains' in articles.latimes.com, 4 giugno 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  45. ^ (EN) Ginia Bellafante, Reading Minds, Healing Millionaires in nytimes.com, 3 giugno 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  46. ^ (EN) Linda Stasi, Hamptons Doc in nypost.com, 4 giugno 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  47. ^ (EN) Bloody Good Show in nymag.com. URL consultato il 30 novembre 2011.
  48. ^ (EN) David Hinckley, USA's new medical show 'Royal Pains' needs some script doctoring in nydailynews.com, 3 giugno 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  49. ^ (EN) David Hinckley, USA's Hamptons drama is light material, full of charming wit and summer fun in nydailynews.com, 29 giugno 2011. URL consultato il 30 novembre 2011.
  50. ^ (EN) Maureen Ryan, 'Burn Notice' provides pure pleasure; 'Royal Pains,' not so much in featuresblogs.chicagotribune.com, 3 giugno 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  51. ^ Aldo Grasso, Il medical drama non si ammala mai in Corriere della Sera, 18 settembre 2009, p. 71. URL consultato il 30 novembre 2011.
  52. ^ (ES) Alberto Rey, Royal Pains in elmundo.es, 12 agosto 2009. URL consultato il 30 novembre 2011.
  53. ^ a b (EN) 'Star Wars' Actor Sues USA Network for 'Stealing' Show Idea in foxnews.com, 7 luglio 2010. URL consultato il 29 novembre 2011.
  54. ^ a b Sonja Della Ragione, Hayden Christensen: Royal Pains è una mia idea! in movieplayer.it, 9 luglio 2010. URL consultato il 29 novembre 2011.
  55. ^ a b Emanuele Manta, Hayden Christensen fa causa a Royal Pains in comingsoon.it, 9 luglio 2010. URL consultato il 29 novembre 2011.
  56. ^ (EN) Bruce Golding, Judge tosses Hayden Christensen's TV-series lawsuit in nypost.com, 11 maggio 2011. URL consultato il 29 novembre 2011.
  57. ^ (EN) Eriq Gardner, Hayden Christensen Wins Big Victory Against USA Network in 'Royal Pains' Appeal in hollywoodreporter.com, 27 giugno 2012. URL consultato il 2 marzo 2013.
  58. ^ (EN) Vlada Gelman, Glee, Vampire Diaries Lead People's Choice Noms in tvline.com, 8 novembre 2011. URL consultato il 26 novembre 2011.
  59. ^ (EN) Royal Pains: Season One, amazon.com. URL consultato il 29 novembre 2011.
  60. ^ (EN) Royal Pains - Season 1, ezydvd.com.au. URL consultato il 29 novembre 2011.
  61. ^ (EN) David Lambert, Royal Pains - Package Art, More Bonus Material for the Season 1 DVDs in tvshowsondvd.com, 25 febbraio 2010. URL consultato il 29 novembre 2011.
  62. ^ (EN) David Lambert, Royal Pains - Second Season DVD Release Announced: Date, Cost, Specs and Box Art in tvshowsondvd.com, 17 febbraio 2011. URL consultato il 29 novembre 2011.
  63. ^ (EN) Royal Pains: First, Do No Harm, amazon.com. URL consultato il 29 novembre 2011.
  64. ^ (EN) Royal Pains: Sick Rich, amazon.com. URL consultato il 29 novembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z