Roy Lassiter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roy Lassiter
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 177 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Ritirato 2004
Carriera
Giovanili
1985-1989
1989
1989
1990-1992
Athens Drive Athens Drive
Raleigh Utd Raleigh Utd
Lees-McRae College Lees-McRae College
NCSU NCSU
Squadre di club1
1992-1993 Municipal Turrialba Municipal Turrialba 25 (1)
1993-1994 Carmelita Carmelita 30 (7)
1994-1996 Alajuelense Alajuelense 43 (17)
1996 Tampa Bay Mutiny Tampa Bay Mutiny 32 (27)
1996-1997 Genoa Genoa 2 (0)
1997-1998 Tampa Bay Mutiny Tampa Bay Mutiny 30 (10)
1998-1999 D.C. United D.C. United 55 (36)
2000 Miami Miami 27 (8)
2001-2002 Kansas City Wizards KC Wizards 25 (7)
2002 D.C. United D.C. United 12 (0)
2003 Virginia Beach Mariners Virginia Beach Mariners  ? (?)
2004 Laredo Heat Laredo Heat  ? (?)
Nazionale
1992-2000 Stati Uniti Stati Uniti 30 (4)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roy Lassiter (Washington, 9 marzo 1969) è un ex calciatore statunitense che ha militato nel ruolo di centravanti nella Nazionale degli Stati Uniti e nei campionati nazionali di Costa Rica, Stati Uniti e Italia.

Detiene il record di reti segnate in una stagione di Major League Soccer (27 in 34 partite nel 1996).

Carriera[1][modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Nato a Washington DC ma cresciuto a Raleigh (Carolina del Nord), Lassiter muove i primi passi nelle squadre degli istituti scolastici, dove in una stagione arriva gioca contemporaneamente per la Athens Drive High School (vincendo il campionato e realizzando 47 reti) e per il piccolo club Raleigh United. Successivamente completa la sua crescita negli istituti Lees-McRae College e North Carolina State University, dove ottiene vari riconoscimenti per i suoi meriti calcistici. Nel 1992, da poco convocato in nazionale, in uno scontro con il compagno di nazionale Bruce Murray si rompe una gamba; di lì a poco i suoi genitori divorziano, e impossibilitato a trovare un'occupazione cade in depressione, arrivando a farsi arrestare per ben due furti con scasso. Nel 1992 lascia gli Stati Uniti per trasferirsi in Costa Rica, ingaggiato dal Turrialba.

L'anno seguente passa al Carmelita.

Nel 1994 trova un accordo con l'Alajuelense, storicamente il club più forte della nazione assieme ai rivali del Saprissa. Con l'Alajuelense arriva secondo in campionato, ed attira a sé osservatori di diversi club del mondo, tra i quali il Santos, ma il club di Alajuela lo blinda per un'altra stagione con un contratto da 60.000$, ottenendo la vittoria del campionato.

Nel 1996 Lassiter torna negli Stati Uniti d'America, nei Tampa Bay Mutiny di Carlos Valderrama, dove alla prima stagione realizza il record (tuttora imbattuto) di segnature in una sola stagione: 27 in 34 partite.

Il Genoa, che milita in Serie B, lo prende in prestito per mezza stagione, ma Lassiter non riesce ad ambientarsi nel calcio italiano e nei sei mesi trascorsi totalizza 2 presenze e 0 gol: Lassiter realizzò però una rete in campionato in rovesciata nella trasferta a Castel di Sangro, ma la partita venne sospesa per neve [2]

Tornato negli Stati Uniti d'America, Lassiter veste le maglie di differenti club, aggiudicandosi la Coppa Interamericana 1998 con il D.C. United.

Si ritira nel 2004 con uno score di 88 reti nella Major League Soccer, avviando iniziative quali accademie e camp sportivi per formare nuovi calciatori statunitensi.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Con la nazionale Lassiter ha giocato 30 incontri, segnando 4 reti. Nel 1994 non prese parte ai Mondiali in casa, non venendo convocato da Bora Milutinovic.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Roy Lassiter: l'aeroplanino (rotto) del Genoa Tuttomercatoweb.com
  2. ^ [1] Genoatube.com

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]