Rottura della simmetria esplicita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In fisica teorica, la rottura della simmetria esplicita è la perdita di simmetria di una teoria nelle sue equazioni di moto (tipicamente della funzione lagrangiana o hamiltoniana), che si verifica quando la simmetria di partenza non è esatta.

Di solito questo termine è utilizzato in situazioni dove la rottura di simmetria è piccola e dunque la simmetria è approssimativamente rispettata.

La rottura della simmetria esplicita differisce dalla rottura della simmetria spontanea, dove le equazioni di moto rispettano la simmetria, ma lo stato fondamentale della teoria la rompe.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Itzykson et J. M. Drouffe, Théorie statistique des champs (CNRS-InterEditions)
  • P. W. Anderson, Basic Notions of Condensed Matter Physics (Addison-Wesley)
  • C. P. Burgess, an Ode to Effective Lagrangians


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica