Rotella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il simbolo araldico, vedi Rotella (araldica).
Rotella
comune
Rotella – Stemma
Rotella – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Ascoli Piceno-Stemma.png Ascoli Piceno
Amministrazione
Sindaco Giovanni Borraccini (lista civica Libertà è Partecipazione) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate 42°57′16.45″N 13°33′39.42″E / 42.954569°N 13.56095°E42.954569; 13.56095 (Rotella)Coordinate: 42°57′16.45″N 13°33′39.42″E / 42.954569°N 13.56095°E42.954569; 13.56095 (Rotella)
Altitudine 395 m s.l.m.
Superficie 27,17 km²
Abitanti 942[1] (30-6-2011)
Densità 34,67 ab./km²
Frazioni Capradosso, Castel di Croce, Poggio Canoso
Comuni confinanti Ascoli Piceno, Castignano, Force, Montedinove, Montelparo (FM), Venarotta
Altre informazioni
Cod. postale 63071
Prefisso 0736
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 044065
Cod. catastale H588
Targa AP
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti rotellesi
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rotella
Posizione del comune di Rotella nella provincia di Ascoli Piceno
Posizione del comune di Rotella nella provincia di Ascoli Piceno
Sito istituzionale

Rotella (Rëtèlla in dialetto ascolano) è un comune italiano di 942[1] abitanti della provincia di Ascoli Piceno nelle Marche.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Rotella sorge alle pendici del Monte Ascensione, nell'entroterra marchigiano, alla confluenza del torrente Oste nel fiume Tesino. I due corsi d'acqua scorrono molto più in basso rispetto ai 395 m s.l.m. circa del centro abitato. Il torrente Oste, in particolare, ha nel tempo eroso profondamente tutto il versante est del terrazzamento che ospita l'abitato, provocando nei secoli passati frane che hanno sconvolto lo stesso assetto urbanistico originario.

Il territorio comunale comprende la parte più rilevante del Monte Ascensione, con la sua sommità a 1110 m s.l.m. e la frazione di Capradosso sugli 800 m. Le altre due frazioni principali sono Castel di Croce e Poggio Canoso, borgo medievale ormai pressoché disabitato. Frazioni minori sono Croce Nera, Osteria e San Francesco.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Torre civica medievale (XV secolo), ex campanile della chiesa di Santa Maria

La storia di Rotella è di difficile ricostruzione per lo smarrimento di gran parte dei documenti dell'archivio comunale. Si ha testimonianza di una presenza preromana grazie al ritrovamento dei resti di una grande residenza e di numerosi oggetti nelle campagne vicino all'attuale centro abitato, che proverebbero se non proprio l'esistenza di un paese, un'antropizzazione di questi siti già molto avanzata, secoli prima dell'arrivo dei Romani.

Rotella pare proprio essere stata fondata dai Romani ma anche di questo non resta traccia se non nel nome che molto probabilmente è da collegare alla forma tondeggiante dell'abitato che ricordava quella della rotula, lo scudo rotondo dei soldati romani. Pare avere pochi riscontri un'ipotesi tramandata dalla tradizione orale che vorrebbe il nome Rotella attribuito in onore del console Rutilio col quale ci sarebbe stato un qualche tipo di collegamento (in particolare, Rutilio avrebbe contribuito alla rifondazione del paese dopo un tremendo terremoto).

Il primo documento storico che prova l'esistenza di Rotella è del 967, anno nel quale la "Corte di Rotella" è elencata tra i possedimenti del Presidato di Farfa. E fino al XIV secolo Rotella e il suo monastero di San Lorenzo vissero sotto la protezione e giurisdizione dell'autorità farfense che poi fu costretta progressivamente a cedere alla Santa Sede tutti i suoi possedimenti in terra marchigiana.

Nel 1318 il paese si assoggettò spontaneamente ad Ascoli e con alterne vicende durante le lotte tra questa città e quella di Fermo, Rotella fu sempre comunque ai margini degli scontri più aspri che, tra l'altro, portarono sotto la giurisdizione ascolana anche il castello di Rovetino, già posseduto dai Varano. Nel 1586 Rotella viene aggregata da Sisto V al Presidato di Montalto. La storia seguente segue le sorti dello Stato Pontificio nelle Marche. Si segnalano un'aspra resistenza all'invasione napoleonica che portò alla ricostituzione delle mura paesane tutt'attorno a quello che restava dell'antico paese. Infatti, il 16 marzo 1775, Rotella aveva subito un evento che ne ha trasformato per sempre la propria struttura e forma. A seguito di abbondanti piogge, parte dell'abitato orientale franò per l'erosione operata dal torrente Oste. Scomparvero in una notte la chiesa di Santa Maria e l'antico monastero, una parte della piazza e del palazzo pretoriale e tutte le altre abitazioni ed orti che la racchiudevano. Rimase in piedi il solo campanile, che oggi è uno dei simboli del paese, fungendo ormai da più di due secoli da torre civica.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Persone legate a Rotella[modifica | modifica sorgente]

  • Francesco Angelini (Rotella, 30 novembre 1887 – Ancona, 12 luglio 1964) il quale è stato un farmacista e politico italiano. Fondatore della ACRAF (Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco), fu sindaco di Ancona nel dopoguerra, tanto da essere ricordato come il "sindaco della ricostruzione".
  • Orfeo Ciabattoni (1923-1982), pedagogo, musicista autodidatta, insegnante di teatro e ideatore di presepi meccanici.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Domenico Gentili lista civica Sindaco
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Domenico Gentili lista civica "Democratica" Sindaco
26 maggio 2014 in carica Giovanni Borraccini lista civica "Libertà è Partecipazione" Sindaco

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio a 11[modifica | modifica sorgente]

La squadra del paese è il Rotella calcio che gioca in Terza Categoria.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile al 30-6-2011.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Città e Paesi d'Italia - Volume III. Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1967.
  • Gabriele Nepi. Storia di Rotella. Fermo, Il Campanile, 1973.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche