Rosso (Raffaella Carrà)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rosso
Artista Raffaella Carrà
Autore/i Gianni Boncompagni, Giancarlo Magalli, Franco Bracardi
Genere Pop
Sigla di varietà televisivo
Tempo (bpm) medium/up
Pubblicazione
Incisione Bolero, Non è la Rai, Canarino mannaro
Data 1984
Data seconda pubblicazione 1993
Etichetta CGD

Rosso è il titolo di una canzone scritta da Gianni Boncompagni, Giancarlo Magalli e Franco Bracardi originariamente per Raffaella Carrà, che nel 1984 la inserisce nell'album Bolero per l'etichetta Compagnia Generale del Disco.[1] La canzone tuttavia non è tra le più note della cantante.

Viene ripresa da Boncompagni nel 1993, che la fece incidere a Francesca Gollini, ragazza partecipante al programma Non è la RAI diretto dallo stesso Boncompagni che cantava con la propria voce.[2] In questa versione, inclusa nella compilation Non è la Rai pubblicata nel gennaio 1993 dalla RTI Music[2], la canzone ottiene un buon successo e Mina chiede a Boncompagni il permesso di eseguirne una cover[3] da inserire nel suo album, Canarino mannaro, pubblicato nel 1994 con l'etichetta PDU.

Inoltre, la canzone è stata reinterpretata nel 1995 sempre nel programma Non è la RAI, questa volta da Maria Teresa Mattei, mentre l'incisione vocale è di Marina De Sanctis.[2] Questa versione tuttavia non è stata incisa su nessun supporto.

Nel 2007 balza agli onori della cronaca poiché la canzone Amore e mistero del concorrente di Amici di Maria De Filippi risulta essere un plagio di Rosso, che in questo caso, dai mass media, è ricordata nella versione di Francesca Gollini, essendo la versione più famosa della canzone.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La voce delle donne
  2. ^ a b c Le canzoni di Non è la Rai
  3. ^ Dichiarazione di Gianni Boncompagni nel corso della trasmissione Non era la RAI, 2001
  4. ^ Sito sui Plagi musicali
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica