Ross 248

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ross 248
Classificazione nana rossa
Classe spettrale M5,5 V
Tipo di variabile a brillamento
Distanza dal Sole (10,32 ± 0,04) a.l.
Costellazione Andromeda
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 23h 41m 54,7s
Declinazione +44° 10′ 30″
Dati fisici
Raggio medio 0,07-0,17 R
Massa
0,07-0,25 M
Periodo di rotazione 1,3 giorni (?)
Luminosità
1,1 × 10−4  L
Indice di colore (B-V) 1,91
Dati osservativi
Magnitudine app. +12,29
Magnitudine ass. +14,79
Parallasse 316,00 ± 1,10 mas
Moto proprio AR: 85 mas/anno
Dec: −1615 mas/anno
Velocità radiale −77,7 km/s
Nomenclature alternative
HH Andromedae, GCTP 5736.00, Gliese 905, G 171-010, LHS 549

Ross 248, o HH Andromedae, è una stella distante dal Sole poco più di 10 anni luce, situata nella costellazione di Andromeda, a sud di λ Andromedae in prossimità di κ Andromedae e ι Andromedae. È una stella troppo debole per poter essere vista ad occhio nudo, infatti ha una magnitudine apparente di +12,29 e una magnitudine assoluta di 14,8. Fu scoperta nel 1925 da Frank Elmor Ross[1].

Si tratta di una nana rossa con classe spettrale compresa tra M5,5 e M4,9Ve. I suoi parametri fisici non sono noti con certezza: la massa dovrebbe essere compresa tra il 7% e il 25% della massa solare, il raggio tra il 7% e il 17% di quello solare, la luminosita è circa 10 000 volte inferiore a quella del sole. È una stella variabile con due periodi primari di variabilità di 4,2 anni e di 4 mesi e cinque altri periodi secondari compresi tra 60 e 291 giorni. Questa variabilità potrebbe dipendere da una stella o un pianeta non ancora individuato[2].

In passato si ipotizzò la presenza di un compagno con un periodo orbitale di otto anni. Tuttavia già verso la fine degli anni ottanta, utilizzando una misurazione multipla di spostamento Doppler verso il rosso si escludeva la possibilità di oggetti di almeno 20 MJ e localizzato entro le 10 UA (1,587 miliardi di km)[3]. Anche le più recenti ricerche con il Telescopio Spaziale Hubble non hanno trovato evidenza di oggetti di tipo gioviano o di nane brune[4].

Ross 248 tra circa 36 000 anni sarà la stella più vicina al Sole, quando raggiungerà la minima distanza di a.l. (0,927 pc) dalla Terra, e rimarrà la stella più vicina per 6000 anni, prima di riallontanarsi e cedere nuovamente il passo a Proxima Centauri[5]. Tra circa 40 000 anni invece, la sonda Voyager 2 transiterà ad appena 1,7 anni luce da Ross 248.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Frank Elmor Ross - New proper-motion stars, (second list) - Astronomical Journal, vol. 36, iss. 856, p. 124-128 (1926) - versione on-line
  2. ^ Edward Weis - Long term variability in dwarf M stars
    • Astronomical Journal (ISSN 0004-6256), vol. 107, no. 3, p. 1135-1140 - versione on-line
  3. ^ Marcy, G. W. & Benitz, K. J. - A search for substellar companions to low-mass stars - Astrophysical Journal, Part 1 (ISSN 0004-637X), vol. 344, Sept. 1, 1989, p. 441-453 - versione on-line
  4. ^ Schroeder, Daniel - A Search for Faint Companions to Nearby Stars Using the Wide Field Planetary Camera 2 - The Astronomical Journal, Volume 119, Issue 2, pp. 906-922. - versione on-line
  5. ^ R. A. J. Matthews, The Close Approach of Stars in the Solar Neighborhood in The Royal Astronomical Society Quarterly Journal, vol. 35, nº 1, 1994, p. 1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Le 20 stelle più vicine al sistema solare
α Centauri (Proxima · A · B) · Stella di Barnard · Wolf 359 · Lalande 21185 · Sirio (B) · Luyten 726-8 · Ross 154 · Ross 248 · ε Eridani · Lacaille 9352 · Ross 128 · EZ Aquarii · Procione · 61 Cygni · Gliese 725 · Groombridge 34 · ε Indi · DX Cancri · τ Ceti · Gliese 1061
stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni