Rosenstrasse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rosenstrasse
Titolo originale Rosenstrasse
Paese di produzione Germania, Paesi Bassi
Anno 2003
Durata 136 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Margarethe von Trotta
Sceneggiatura Pamela Katz e Margarethe von Trotta
Fotografia Franz Rath
Montaggio Corinna Dietz
Musiche Loek Dikker
Scenografia Heike Bauersfeld
Interpreti e personaggi
Premi

Rosenstrasse è un film di Margarethe von Trotta del 2003.

Soggetto[modifica | modifica sorgente]

Rosenstrasse è il nome di una strada di Berlino dove, nel 1943, centinaia di donne manifestarono protestando contro la deportazione dei loro propri mariti, riuscendo a farli liberare.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Rosenstrasse è anche il titolo del film di Margarethe von Trotta, che rievoca quei fatti attraverso la memoria di chi li ha vissuti direttamente - è il caso della protagonista femminile Ruth -, che però nel tempo ha preferito rimuoverli, così anche di chi quei fatti tenta di ricostruirli, servendosi della memoria altrui. È il caso della figlia di Ruth, Hannah, la quale ai giorni nostri tenta, riuscendovi, di ricostruire quel passato, andando ad intervistare la donna che salvò la vita alla propria madre.

In un'alternanza di tempi e di spazi, tra una New York contemporanea e una Berlino sospesa tra un presente e un passato denso di dolorosi ricordi, Rosenstrasse è un film che trova il suo giusto ritmo strada facendo, nel dipanarsi della vicenda. Una regia robusta, quella di Margarethe von Trotta - che non si azzarda ad intraprendere sperimentalismi ma, al contrario, propone una scrittura piuttosto lineare, eppure efficace - la quale dimostra ancora una volta il suo talento nell'avvicinarsi ad un argomento e riuscire a trattarlo con grande sensibilità, prediligendo uno sguardo tutto al femminile.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Andrea Fioravanti, La 'storia' senza Storia. Racconti del passato tra letteratura, cinema e televisione, I, Morlacchi editore, Perugia 2006 ISBN 88-6074-066-5 , p.194 e seguenti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]