Rosa canina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Rosa selvatica)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rosa canina
Wild rose flower.jpg
Rosa canina
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Rosales
Famiglia Rosaceae
Sottofamiglia Rosoideae
Genere Rosa
Specie R. canina
Nomenclatura binomiale
Rosa canina
L., 1753
Sinonimi
  • vedi testo
Nomi comuni

Rosa di macchia
Rosa selvatica

La rosa canina (Rosa canina L., 1753) è la specie di rosa spontanea più comune in Italia, molto frequente nelle siepi e ai margini dei boschi.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Questa pianta deve il nome canina a Plinio il vecchio, che affermava che un soldato romano fu guarito dalla rabbia con un decotto di radici.

È l'antenata delle rose coltivate.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Frutti maturi
Parco dei Nebrodi

La forma biologica di questa pianta è NP - nano-fanerofita, cioè pianta legnosa con gemme svernanti poste tra i 30 cm e i 2 metri dal suolo.

È un arbusto spinoso, alto 100 - 300 cm, con fusti legnosi glabri, spesso arcuati e pendenti, e radici profonde.

Le spine rosse sono robuste, arcuate, a base allungata e compressa lateralmente. Le foglie, caduche, sono composte da 5-7 foglioline di 9-25 x 13-40 mm, ovali o ellittiche, con 17-22 denti sul margine. Hanno stipole lanceolate di 3 x 15 mm. I fiori, singoli o a 2-3, hanno un diametro di 4-7 cm e sono poco profumati. Hanno un peduncolo di 20-25 mm e sono generalmente superati dalle foglie. I sepali laciniati, lunghi da 15 a 18 mm, dopo la fioritura si piegano all'indietro e cadono in breve tempo. La corolla è formata grandi petali bilobi, rosati soprattutto sui lobi, di 19-25 x 20-25 mm. Gli stili, lanosi e allungati, sono fusi insieme in una colonnina cilindrica.

La rosa canina fiorisce da maggio a luglio.

I suoi frutti (di 1-2 cm) carnosi e colorati di un rosso vivace (cinorroidi) raggiungono la maturazione nel tardo autunno.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La specie è diffusa in una vasta area nelle zone temperate del Vecchio Mondo che include:

È stata introdotta e si è naturalizzata anche in America del Nord ed in Australia e Nuova Zelanda.

Il suo habitat sono le boscaglie di faggio, abete, pino e querce a foglie caduche, gli arbusteti e le siepi, fino ad una quota di 1900 m. Preferisce suoli abbastanza profondi, limosi e moderatamente aridi.

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

Sono stati riportati i seguenti sinonimi:[1]

  • Rosa acanthina Déségl. & Ozanon
  • Rosa actinodroma Gand.
  • Rosa adenocalyx Gren.
  • Rosa amansii Déségl. & Ripart
  • Rosa ancarensis Pau & Merino
  • Rosa andegavensis var. agrestina (Crép.) Boullu
  • Rosa andegavensis var. condensata (Puget) Boullu
  • Rosa andegavensis var. lemaitrei (Ripart ex Genev.) Boullu
  • Rosa beatricis Burnat & Gremli
  • Rosa belgradensis Pančić
  • Rosa burnatii (H.Christ) Burnat & Gremli
  • Rosa canina var. biserrata (Mérat) Baker
  • Rosa canina subsp. biserrata (Mérat) Nyman
  • Rosa canina subsp. dumalis (Bechst.) Arcang.
  • Rosa canina var. dumetorum (Thuill.) Baker
  • Rosa canina subsp. dumetorum (Thuill.) R.Keller & Gams
  • Rosa canina var. glabra Desv., nom. inval.
  • Rosa canina var. glaucescens (Desv. ex Mérat) Steud.
  • Rosa canina subsp. keissleriana (Sennen) Sennen
  • Rosa canina var. myrtilloides Tratt.
  • Rosa canina subsp. senticosa (Ach.) Nyman
  • Rosa canina subsp. spuria (Puget ex Déségl.) Heinr.Braun
  • Rosa canina subsp. vulgaris (W.D.J.Koch) R.Keller & Gams
  • Rosa caucasica Pall.
  • Rosa caucasica var. lindleyana Ser.
  • Rosa cinerascens Cariot
  • Rosa cinerosa Déségl.
  • Rosa cladoleia Ripart ex Crép.
  • Rosa communis subsp. canina (L.) Rouy, comb. inval.
  • Rosa condensata Puget
  • Rosa curticola Puget ex Déségl.
  • Rosa dilucida Déségl. & Ozanon
  • Rosa dumetorum auct.
  • Rosa dumetorum subsp. dumetorum
  • Rosa dumosa Salisb., nom. illegit.
  • Rosa edita Déségl.
  • Rosa erythrantha Boreau
  • Rosa firma Puget
  • Rosa fissispina Wierzb. ex Heuff.
  • Rosa flexibilis Déségl.
  • Rosa flexuosa Raf.
  • Rosa frivaldskyi Heinr. Braun
  • Rosa frondosa Steven ex Spreng.
  • Rosa glaucescens Desv. ex Mérat
  • Rosa heterostyla Chrshan.
  • Rosa hispidula Ripart ex Déségl.
  • Rosa inconspicua Déségl.
  • Rosa insignis Déségl. & Ripart
  • Rosa istrica Degen
  • Rosa kalmiussica Chrshan. & Lasebna
  • Rosa keissleriana Sennen
  • Rosa litigiosa Crép.
  • Rosa longituba Debeaux
  • Rosa lutetiana Léman
  • Rosa lutetiana var. biserrata (Mérat) Wolley-Dod
  • Rosa lutetiana var. glaucescens (Desv. ex Mérat) Boullu
  • Rosa lutetiana var. nitens (Desv. ex Mérat) Boullu
  • Rosa lutetiana var. senticosa (Ach.) Boullu
  • Rosa macroacantha Ripart ex Déségl.
  • Rosa mandonii Déségl.
  • Rosa marisensis Simonk. & Heinr.Braun
  • Rosa mollardiana Moutin
  • Rosa montivaga Déségl.
  • Rosa mucronulata Déségl. ex Godet
  • Rosa nemophila Déségl. & Ozanon
  • Rosa nitens Desv. ex Mérat
  • Rosa nitens Vuk.
  • Rosa oblonga Déségl. & Ripart
  • Rosa oblongata Opiz
  • Rosa oreades Cottet & Castella
  • Rosa platyphylla A.Rau
  • Rosa podolica Tratt.
  • Rosa polyodon Gand.
  • Rosa pratincola Heinr.Braun
  • Rosa prutensis Chrshan.
  • Rosa psilophylla A.Rau
  • Rosa pubens Déségl. & Ozanon
  • Rosa ramosissima Déségl.
  • Rosa rougeonensis Ozanon
  • Rosa rubescens Ripart ex Déségl.
  • Rosa sarmentacea Sw., nom. nud.
  • Rosa sarmentacea Woods
  • Rosa senticosa Ach.
  • Rosa separabilis Déségl.
  • Rosa sphaerica Gren.
  • Rosa sphaeroidea Ripart ex Déségl.
  • Rosa spinetorum Déségl. & Ozanon
  • Rosa spuria Puget ex Déségl.
  • Rosa squarrosa auct. angl.
  • Rosa stipularis Mérat
  • Rosa sylvularum Ripart ex Déségl.
  • Rosa syntrichostyla Ripart ex Déségl.
  • Rosa timbaliana Debeaux
  • Rosa touranginiana Déségl. & Ripart
  • Rosa trichoneura Ripart ex Crép.
  • Rosa urbica var. trichoneura (Ripart ex Cr‚p.) Boullu
  • Rosa venosa Sw., nom. nud.
  • Rosa willibaldii Chrshan.

Usi[modifica | modifica sorgente]

Viene largamente usata per i suoi altissimi contenuti di vitamina C : 2.250 mg per ogni cento grammi di porzione edule[senza fonte], e per il suo contenuto di bioflavonoidi (fitoestrogeni).

I principi attivi (oltre alla vitamina C, tannini, acidi organici, pectine, carotenoidi e polifenoli) vengono usati dalle industrie farmaceutiche, alimentari e cosmetiche; i frutti, seccati e sminuzzati, vengono usati in erboristeria per la preparazione di infusi e decotti.

È indicata come astringente intestinale, antidiarroico, vasoprotettore e antinfiammatorio,[2] inoltre viene consigliata nei casi di debilitazione.[3]

I semi vengono utilizzati per la preparazione di antiparassitari ed i petali dei fiori per il miele rosato.

Il suo decotto viene utilizzato in cosmetica per pelli delicate e arrossate.

Con i frutti freschi si preparano ottime marmellate[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ITIS Catalogue of Life: 2013 Annual Checklist. URL consultato il 9 maggio 2013.
  2. ^ "Le piante medicinali", di Roberto Michele Suozzi, Newton&Compton, Roma, 1994, pag.45
  3. ^ "Farmacia al naturale", di Luca Fioretti, pubbl. su "Sapere&Salute" - Anno III, N.14, maggio 1998, pag.52
  4. ^ Mangiare l'erba: la rosa canina

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, vol. 1, Bologna, Edagricole, 1982, p. 563. ISBN 88-506-2449-2.
  • Fabio Conti, Carlo Blasi; Alessandro Alessandrini; Giovanna Abbate, An annotated Checklist of the Italian Vascular Flora, maggio 2005, p. 154. ISBN 88-7621-458-5.
  • Linnaeus, Species Plantarum, vol. 1, 1753, p. 492.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica