Rosa selvaggia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rosa selvaggia
Titolo originale Rosa salvaje
Paese Messico
Anno 1987
Formato serial TV
Genere telenovela
Stagioni 1
Puntate 100
Durata 50 min
Lingua originale spagnolo
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore colore
Audio
Crediti
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzione Televisa
Prima visione
Prima TV Messico
Dal 6 luglio 1987
Al 8 aprile 1988
Rete televisiva Canal de las Estrellas
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 17 Novembre 1987
Al
Rete televisiva Rete A

Canale 8 (Campania)

Rosa selvaggia è una telenovela messicana prodotta da Televisa nel 1987. Il titolo originale è Rosa salvaje. Gli attori sono Verónica Castro, che interpreta la protagonista, Guillermo Capetillo, Laura Zapata, Liliana Abud e Edith González.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Rosa Garcia è una ragazza molto povera che vive nella periferia di Città del Messico insieme alla nonna. Rosa è una ragazza selvaggia che si veste e si comporta come un ragazzo. Riccardo Linares è un uomo ricco e scapolo che vive con le sorelle maggiori, due gemelle di nome Candida e Dorina che voglio che lui si sposi con Leonela Villareal, una ragazza bella e ricca, ma lui non intende sposarsi. Un giorno, esasperato dalle sue sorelle, annuncia che sposerà la prima ragazza che incontrerà. Rosa, passando davanti alla villa dei Linares, nota un albero di susine e scavalca il cancello per prenderne qualcuna, ma viene scoperta da Riccardo, che però oltre a non chiamare la polizia la autorizza a prendere tutte le susine che vuole. Rosa di innamora subito di Riccardo e lui decide di sposarla, provocando l'ira delle sue sorelle. Ma il loro amore viene ostacolato dalle sorelle in collaborazione con Leonela e la governante Leopoldina. Ma ben presto Candida si rende conto di tutti gli errori commessi e decide di passare dalla parte di Rosa, così la sorella Dorina la fa rinchiudere in un manicomio facendola passare come pazza. Rosa, scoprendo che in realtà Riccardo l'ha sposata solo per fare un dispetto alle sorelle, distrutta lascia casa Linares. Ma dopo Rosa scopre che in realtà lei è figlia di una ricca signora che era stata costretta ad abbandonarla alla nascita. Così madre e figlia si ritrovano e si riuniscono. Rosa scopre anche di essere incinta, non non ne è molto felice perché è lontana da Riccardo e per lui prova un amore-odio. Intanto le finanze dei Linares sono in netto in peggioramento e arrivano alla bancarotta. Rosa, divenuta una donna ricca, rileva l'azienda dei Linares. Dorina, saputo ciò, ordina a Leonela di investire Rosa davanti all'ospedale in cui doveva andare per un controllo. Dopo averla investita (lei e il bambino si salvano), Leonela finisce con la macchina in mezzo ai binari e viene investita da un treno non riuscendo lei ad aprire la portiera. Saputo dell'investimento, Dorina decide di dare fuoco alla villa perché non vuole che Rosa ne diventi la nuova padrona, anche se in realtà Rosa vuole acquistare la villa e l'azienda per ridarli ai Linares. Mentre Dorina cerca di bruciare la villa, Leopoldina cerca di fermarla gettandole in faccia un acido, ma il tentativo fallisce e la governante viene uccisa. Dorina viene fermata dalla polizia e viene rinchiusa in un manicomio criminale. Rosa e Riccardo si rivedono e tra di loro rinasce l'amore, stavolta anche Riccardo è realmente innamorato di Rosa.