Romeo e Giulietta (Čajkovskij)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romeo e Giulietta
DickseeRomeoandJuliet.jpg
"Romeo e Giulietta" di Frank Dicksee
Compositore Pëtr Il'ič Čajkovskij
Tipo di composizione Ouverture fantastca
Epoca di composizione 1869
Prima esecuzione Mosca, 1870
Organico

orchestra sinfonica: ottavino, 2 flauti, 2 oboi, corno inglese, 2 clarinetti in la, 2 fagotti; 4 corni in fa, 2 trombe in mi, 3 tromboni e tuba; timpani in mi-si-fa♯, piatti, grancassa; arpa, archi

Romeo e Giulietta è un'ouverture fantastica per orchestra composta da Pëtr Il'ič Čajkovskij tratta dall'omonimo dramma di William Shakespeare.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Come altri compositori, da Berlioz a Prokof'ev, Čajkovskij venne profondamente ispirato da Shakespeare e scrisse opere basate su suoi soggetti, come ad esempio su La Tempesta e Amleto. A differenza di altre composizioni più celebri di Čajkovskij, Romeo e Giulietta non ha un numero d'opera. Anche se scritta come ouverture fantastica, il disegno complessivo è quello di un poema sinfonico in forma sonata con una introduzione e un epilogo.

Il lavoro si basa su tre temi principali della storia di Shakespeare. Il primo tema, in fa diesis minore è suggerito da Mily Balakirev essere l'introduzione che rappresenta Frate Lorenzo. Si può qui ravvisare il ricordo dell'ortodossia russa, ma anche un presagio di sventura. C'è poi un tema che significa il primo incontro della coppia e la scena dal balcone di Giulietta, conosciuto come il "tema d'amore". Il tema finale svolge un dolce omaggio agli amanti, ed è stato scritto due giorni dopo la prima dell'ouverture.

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica classica