Romeo Panciroli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romeo Panciroli, M.C.C.I.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Nato 21 novembre 1923 a Codemondo
Ordinato presbitero 11 giugno 1949
Consacrato arcivescovo 16 dicembre 1984 dal cardinale Bernardin Gantin
Deceduto 17 marzo 2006 a Roma

Romeo Panciroli (Codemondo, 21 novembre 1923Roma, 17 marzo 2006) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Nel 1941 fu ammesso al noviziato al seminario di Firenze; continuò gli studi a Verona e, nel 1949, fu ordinato sacerdote a Milano.

Appartenente all'Istituto dei missionari comboniani, iniziò a collaborare con la rivista Nigrizia a Verona; fu quindi inviato a Roma presso il comitato centrale per l'Anno Santo. Rientrato a Verona, si dedicò all'insegnamento di etica e filosofia per tornare di nuovo nella capitale per collaborare con la "Messis Film".

Dal 1959 al 1964 ha svolto attività presso la delegazione apostolica di Lagos in Nigeria.

Rientrato a Roma, entra a far parte del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, divenendone segretario nel 1970, dove si prodiga soprattutto nel settore degli audiovisivi. In tale qualità, molte volte, è stato richiesto come esperto di varie emittenti televisive italiane e estere per la trasmissione delle solenni cerimonie pontificie a Roma o durante i viaggi dei pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo II.

Nel 1976 viene nominato direttore della Sala Stampa della Santa Sede; con tale incarico organizza la partecipazione dei giornalisti ai viaggi del papa sia all'estero che in Italia.

Si è anche occupato della realizzazione della collezione di arte moderna in Vaticano.

Nel novembre del 1984 viene nominato arcivescovo titolare di Noba e inviato come nunzio apostolico in Liberia e in Gambia, con l'incarico anche di delegato per la Sierra Leone e la Guinea.

Nel marzo del 1992 fu nominato nunzio apostolico in Iran.

Nel 1999 rientrò a Roma dove continuò il suo servizio, in vari incarichi a disposizione della Segreteria di Stato.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.