Romano Calò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romano Calò nel 1935

Romano Calò (Roma, 6 maggio 1883Lugano, 17 agosto 1952) è stato un attore teatrale, attore, regista e doppiatore italiano, attivo dall'epoca del cinema muto.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Proveniente da una famiglia di magistrati, viene avviato a studi universitari, però la passione per l'arte prende il sopravvento. Durante i primi anni del XX secolo lavora per la compagnia drammatica del teatro moderno con Italy Corsari ed Enzo Gainotti sotto la direzione di Luigi Antonelli[1]

Insieme a Letizia Bonini fonda, nel 1934, la compagnia degli spettacoli gialli, dirigendola. In essa confluiscono negli anni 30 diversi attori dell'epoca fra cui Nino Crisman Nella Maria Bonora[2]

A Radio Monteceneri Romano Calò, Lucio Ridenti, Renato Simoni, Andreina Pagnani, Marcello Giorda durante una trasmissione in lingua italiana nel 1950

In Italia durante gli anni 1929 e 1931 il doppiaggio fu proibito e si doveva eliminare il sonoro nei film, in quell'epoca per superare tale inconveniente si ricorsero a molti stratagemmi, fra i tanti l'attore Romano Calò partecipò ad uno dei più curiosi: venivano aggiunte delle scene e gli attori italiani raccontavano ciò che gli altri attori americani si erano detti poco prima.[3]

Nel dopoguerra si trasferisce in Svizzera e collabora con Tino Erler alla radio Monteceneri, mette in onda diverse opere di prosa in lingua italiana con la partecipazione di diversi attori italiani, tra cui Liliana Feldmann, Andreina Pagnani, Renato Simoni, Marcello Giorda.

Prosa radiofonica[modifica | modifica sorgente]

  • EIAR
  • RAI

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Il Radiocorriere annate 1933/1951

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Enrico Lancia, Roberto Poppi, Gli attori dal 1930 ai giorni nostri: A-L pag. 254, Gremese, 2003, ISBN 9788884402134.
  2. ^ Roberto Chiti, Roberto Poppi, Enrico Lancia, Fabio Melelli, Dizionario del cinema italiano pag. 42, Gremese, 1991, ISBN 9788884402141.
  3. ^ Mario Paolinelli, Eleonora Di Fortunato, Tradurre per il doppiaggio: la trasposizione linguistica dell'audiovisivo: teoria e pratica di un'arte imperfetta pag. 6, Hoelpi, 2005, ISBN 9788820333850.
  4. ^ Roberto Chiti, Enrico Lancia, Roberto Poppi, I film pag. 374, Gremese, 2005, ISBN 9788884403513.