Romanioti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moses-Symeon Pesach, Rabbino Capo della comunità ebrea romaniota a Larissa, Grecia

I Romanioti sono un gruppo ebraico che vive nel territorio della odierna Grecia da più di 2000 anni. La loro lingua è il greco e le principali comunità si trovano nelle città di Tebe, Giannina, Corfù, Arta, Corinto, e nelle isole di Lesbo.

Storicamente, quindi, i Romanioti si distinguono dai Sefarditi che si stanziarono in Grecia dopo l'espulsione degli Ebrei dalla Spagna nel 1492.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Primi riferimenti storici[modifica | modifica sorgente]

Il primo riferimento ad un Ebreo Greco è un'inscrizione risalente al 300-250 a.C. ritrovata ad Oropos, una cittadina costiera tra Atene e la Beozia; l'iscrizione fa riferimento a "Moschos, figlio di Moschion l'Ebreo", che potrebbe essere stato uno schiavo.

I Romanioti sono Ebrei Greci che si distinguono sia dai Sefarditi che dagli Ashkenaziti. Gli Ebrei hanno vissuto in Grecia sin dai tempi dell'Esilio babilonese, ed è accertato che ai tempi di Gesù avevano stabilito comunità nelle principali città greche.

Una tradizione orale Romanita fissa l'arrivo dei primi Greci a Giannina poco dopo la distruzione del Secondo Tempio nel 70 d.C. Secondo il Nuovo Testamento San Paolo pregò in numerose sinagoghe ebraiche in Grecia.

Beniamino di Tudela registra l'esistenza di Ebrei a Corfù, Arta, Aphilon, Patrasso, Corinto, Tebe, Chalcis, Salonicco e Drama. La comunità più grande era quella di Tebe che contava circa 2000 membri, dediti principalmente alla tintura dei tessuti, alla tessitura e nella produzione di seta. Questi ebrei erano conosciuti a quei tempi come "Romanioti".

Quando le ondate di Ebrei sefarditi che arrivavano dalla Spagna con l'espulsione del 1492, si stabilirono nella Grecia dell'impero ottomano; essi erano più ricchi, più orgogliosi e più colti e si separarono dai Romanioti. Salonicco, in Macedonia, ebbe una della più estese (la maggior parte erano Sefarditi) comunità ebraiche nel mondo e una solida tradizione rabbinica. Sull'isola di Creta, gli Ebrei ebbero un ruolo importante nei trasporti.

Alla fine, la maggior parte delle comunità romaniote fu inglobata dalle più numerose comunità sefardite. I Romanioti rimanenti sono sopravvissuti a Giannina (Epiro) e la Sinagoga Kehila-Kedosha-Janina degli USA nella città di New York, sinagoga costruita nel 1927, è un luogo di ritrovo per questi Ebrei greci. I Romanioti hanno i loro usi e costumi, molto diversi da quelli degli Ebrei sefarditi; diversamente dagli Ebrei sefarditi non parlano ladino, ma il dialetto greco yevanic e la lingua greca. Gli scolari Romanioti traducono il Tanakh in lingua greca.

All'inizio del Ventesimo secolo la comunità Romaniota di Giannina contava all'incirca 4000 persone, la maggior parte commercianti e operai. L'emigrazione per motivi economici causò la diminuzione del loro numero e alla vigilia della Seconda guerra mondiale c'erano approssimativamente 1950 Romanioti rimasti a Giannina. Centrati attorno alla vecchia parte fortificata della città o kastro, dove la comunità ha vissuto per secoli, hanno mantenuto due sinagoghe, una delle quali la Sinagoga Kehila Kedosha Yashan rimane ancora oggi.

La seconda Guerra Mondiale e l'Olocausto[modifica | modifica sorgente]

Una donna in lacrime durante la deportazione operata dall'esercito tedesco degli ebrei di Giannina il 25 marzo del 1944. Quasi tutti i deportati furono uccisi durante o subito dopo l'11 aprile 1944, data del loro arrivo a Auschwitz-Berkinau[1][2]

Durante la Seconda guerra mondiale, quando la Grecia fu occupata dall'Asse, l'86% degli Ebrei Greci, specialmente quelli delle aree occupate dalla Germania nazista e dalla Bulgaria, furono assassinati nonostante i tentativi di proteggerli da parte della Chiesa greco-ortodossa e di molti greci cristiani. I tedeschi ed i loro alleati bulgari riuscirono a deportare molti Ebrei Greci, ad esempio si stima che circa 49,000 Ebrei di Salonicco furono deportati e sterminati.

I Romanioti erano stati protetti dal governo Greco fino all'occupazione Nazista. Durante l'occupazione i Romanioti potevano usare la lingua greca meglio dei Sefarditi, che parlavano ladino e che parlavano Greco con un accento "cantato". Questa caratteristica rese i Sefarditi più vulnerabili e fu uno dei numerosi fattori che portarono all'elevato numero di perdite subito dalle comunità sefardite. A Ioannina 1860 dei 1950 Ebrei presenti furono deportati ad Auschwitz e Birkenau nell'aprile del 1944. Molti di loro furono sterminati dal Nazismo.

La creazione dello stato d'Israele nel 1948, assieme alla Guerra Civile Greca, fu l'episodio finale nella storia dei Romanioti, la maggior parte dei quali emigrò in Israele o in USA.

Giorni d'oggi[modifica | modifica sorgente]

Oggi un piccolo numero di Romanioti vive in Grecia, per lo più a Giannina, in Israele e negli Stati Uniti (per lo più a New York). Gli Ebrei greci storicamente tendevano a seguire i Talmud di Gerusalemme invece dei Talmud babilonesi, e svilupparono un proprio Minhag e un propria lingua greca-ebraica, chiamata Yevanic - un termine che deriva dal greco 'Ionia'.

Ci sono approssimativamente dai 4.500 ai 6.000 Ebrei che oggi vivono in Grecia, entrambi dai sottogruppi romanioti e sefardi. Molti di loro vivono ancora a Salonicco.

La Sinagoga Ioanniotiki rimane l'unica sinagoga romaniota ad Atene, dietro agli uffici della Comunità ebrea di Atene al numero 8 di Viale Melidoni. Costruita nel 1903, è in funzione soltanto durante gli Yamim Noraïm, ma è aperta per i visitatori su richiesta attraverso l'ufficio della Comunità ebraica.

A Ioannina, le rimanenti comunità romaniote sono diminuite fino a un numero di 50 persone per lo più anziane. La Sinagoga Kehila Kedosha Yashan rimane chiusa, apre solamente su richiesta dei visitatori. I Romanioti che vivono all'estero ritornano ogni estate e aprono la vecchia sinagoga. L'ultima volta che è stato tenuto un Bar mitzvah (il rituale ebraico per celebrare il passaggio alla età della maturità di un bambino) nella sinagoga nel 2000, ed è stato un evento eccezionale per la comunità.

Sinagoga Kehila Kedosha Yashan[modifica | modifica sorgente]

La sinagoga è collocata nella culla della cultura Romaniota, Giannina, nella parte fortificata di città vecchia conosciuta come "Kastro", al 16 di via Iounstinianou. Il suo nome è nel linguaggio yevanico, e significa "la Vecchia Sinagoga". Fu costruita nel 1829, molto probabilmente sulle rovine di un'antica sinagoga. La sua architettura è tipica dell'era dell'Impero Ottomano, un'ampia costruzione realizzata in pietra. L'interno della sinagoga è realizzato nel tipico stile romaniota: la Bimah (dove i rotoli della Torah vengono letti durante il servizio) è posta su una predella rialzata nel muro occidentale, l'Aron Kodesh (dove i rotoli della Torah sono riposti) è nel muro orientale e nel mezzo si trova un vasta navata. I nomi degli ebrei di Giannina che furono uccisi nell'Olocausto sono incisi nella pietra dei muri della sinagoga.

Ebrei famosi in Grecia[modifica | modifica sorgente]

  • Avraam Benaroya, leader dei movimenti sindacali in Grecia.
  • Sabbatai Zevi, mistico, fondatore del movimento che prende il suo nome, sabbatianismo.
  • Gabrielle Carteris, attrice statunitense.
  • Rae Dalven, una prominente Romaniota, particolarmente nota per le sue traduzioni di poesie dal Greco Moderno.
  • Rabbino Svi Koretz, leader della comunità ebraica di Salonicco prima e durante la seconda guerra mondiale. Considerato responsabile di aver incoraggiato gli ebrei a consegnarsi ai nazisti anziché rifugiarsi dai partigiani greci.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri siti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kehila Kedosha Janina Synagogue and Museum, The Holocaust in Ioannina URL verificato il 5 gennaio 2009
  2. ^ Raptis, Alekos and Tzallas, Thumios, Deportation of Jews of Ioannina, Kehila Kedosha Janina Synagogue and Museum, July 28, 2005 URL verificato il 5 gennaio 2009
ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo