Roma ore 11

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roma ore 11
Romaore11 fotoscena.jpg
Foto di scena
Titolo originale Roma ore 11
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1952
Durata 105 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1,37:1
Genere drammatico
Regia Giuseppe De Santis, Elio Petri (aiuto regista)
Soggetto Cesare Zavattini, Basilio Franchina, Giuseppe De Santis, Rodolfo Sonego, Gianni Puccini, tratto da un fatto di cronaca vera
Sceneggiatura Cesare Zavattini, Basilio Franchina, Giuseppe De Santis, Rodolfo Sonego, Gianni Puccini
Produttore Paul GraetzTranscontinental Italia
Fotografia Otello Martelli
Montaggio Gabriele Varriale
Musiche Mario Nascimbene
Scenografia Leon Barsacq
Costumi Elio Costanzi
Interpreti e personaggi
Premi
Nastro d'Argento 1951 per la migliore musica

Roma ore 11 è un film del 1952 diretto da Giuseppe De Santis, scritto dal regista insieme a Cesare Zavattini, Basilio Franchina, Rodolfo Sonego e Gianni Puccini.

Il film, distribuito nelle sale italiane il 27 febbraio 1952, è tra le opere più rappresentative del neorealismo e si basa su un fatto di cronaca avvenuto a Roma nel 1951. Alla pellicola hanno partecipato anche tre ragazze coinvolte nella tragedia. Nello stesso anno il regista Augusto Genina realizzò un film, intitolato Tre storie proibite, basato sullo stesso incidente.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Girotti nel ruolo di Nando

In seguito ad un annuncio di lavoro su un giornale, duecento ragazze si presentano ad un indirizzo in via Savoia per ottenere un posto di lavoro di dattilografa presso lo studio di un ragioniere. In un'Italia esasperata dalla disoccupazione in genere, ma ancor più da una impossibilità per le donne di trovare lavoro, si presentano per il colloquio le più disparate giovani: nobili decadute, prostitute che cercano di cambiar vita, donne con il marito disoccupato, figlie di benestanti cui la pensione non basta per sopravvivere.

Accalcatesi sulle rampe delle scale del piccolo palazzo, si scambiano impressioni e accennano alle loro vite fatte di miseria ed espedienti per vivere. Un furibondo litigio per la priorità in fila scatena le ragazze, la cui prepotenza per passare avanti trasforma l'attesa in tragedia: la ringhiera della scala cede, distruggendo ad uno ad uno i gradini e facendo precipitare le donne, alcune delle quali rimangono seriamente ferite, mentre una di esse, Anna Maria Baraldi, muore in seguito alle lesioni riportate.

Portate in ospedale, l'amara scoperta: per essere curate, l'ospedale pretende il pagamento della retta giornaliera di Lire 2300. Molte di loro sono costrette a ricoverarsi a casa perché impossibilitate a pagare.

Notizie[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ambientato a Roma in Largo Circense 37, mentre in realtà il crollo avvenne in Via Savoia 31, nel quartiere Salario, il 14 gennaio 1951. La piazzetta con il palazzo venne comunque interamente ricostruita in studio dal famoso scenografo francese Leon Barsacq[1].

La colonna sonora comprende, all'interno delle scene, dei pezzi eseguiti al Teremin.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo sul film

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema