Rolitetraciclina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Rolitetraciclina
Rolitetracycline.png
Nome IUPAC
(2Z,4S,4aS,5aS,6S,12aS)-4-(dimetilammino)-6,10,11,12a-tetraidrossi-2-{idrossi[(pirrolidin-1-ilmetil)ammino]metilene}-6-metil-4a,5a,6,12a-tetraidrotetracen-1,3,12(2H,4H,5H)-trione
Nomi alternativi
2-pirrolidin-metil-tetraciclina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C27H33N3O8
Massa molecolare (u) 527,566
Numero CAS [751-97-3]
Codice ATC J01AA09
PubChem 5282179
DrugBank DB01301
Indicazioni di sicurezza

La rolitetraciclina è un antibiotico facente parte del gruppo delle tetracicline.[1][2] Si tratta di un profarmaco, derivato della tetraciclina dalla quale è ottenuto per condensazione con pirrolidina e formaldeide a dare la relativa base di Mannich. Tale modifica è funzionale ad aumentare l'idrofilia del composto per renderlo solubile in acqua e permetterne la somministrazione endovenosa.

Stabilità e conservazione[modifica | modifica sorgente]

La rolitetraciclina è instabile in soluzioni acquose.[3]
Sia la base che il nitrato si idrolizzano con formazione di tetraciclina.
Si è osservato che più del 50% del nitrato e della rolitetraciclina base (in soluzione acquosa) viene idrolizzato in 3 ore a 25 °C e che il 15% della base ricostituita per uso iniettivo viene perduto in 21-25 ore a 5 °C.
La rolitetraciclina deve essere conservata in recipienti ben chiusi, al riparo dalla luce. Se la sostanza è utilizzata per preparazioni iniettabili deve essere conservata in recipienti sterili, chiusi ermeticamente.

Farmacodinamica[modifica | modifica sorgente]

La rolitetraciclina è un derivato idrosolubile della tetraciclina. Lo spettro di attività, il tipo di resistenza e gli usi sono simili a quelli della tetraciclina. Viene perciò usata nelle infezioni sostenute da batteri Gram-positivi, Gram-negativi, aerobi e anaerobi, nonché contro la Brucella e nelle diarree causate da Escherichia coli.[4] Il farmaco viene preferito quando è richiesta una concentrazione ematica iniziale elevata oppure quando non è consigliabile il trattamento orale.

Farmacocinetica[modifica | modifica sorgente]

La rolitetraciclina, a differenza delle altre tetracicline, non viene assorbita dal tratto gastrointestinale.
In seguito a somministrazione di 350 mg per via intramuscolare si raggiungono, entro 30-60 minuti, picchi plasmatici di 4-6 µg/ml.
Dopo somministrazione endovenosa le concentrazioni plasmatiche massime possono raggiungere i 20 µg/ml.
Il legame dell'antibiotico con le proteine plasmatiche è pari a circa il 50%.
L'emivita è compresa tra le 5 e 8 ore.
L'eliminazione dell'antibiotico avviene per il 50% con le urine e solo per una quota inferiore con la bile.[5][6][7]

Tossicologia[modifica | modifica sorgente]

Nel ratto il valore della DL50 è di 91 mg/kg per endovena.[8]

Usi clinici[modifica | modifica sorgente]

La rolitetraciclina è stata utilizzata nel trattamento della brucellosi,[9] delle infezioni delle alte vie respiratorie e delle sinusiti[10] e delle infezioni polmonari.[11][12][13] In letteratura se ne segnala l'uso anche in alcune infezioni veneree tra cui la gonorrea,[14][15]in infezioni intestinali comprendenti appendiciti perforate ed ascessi appendicolari[16][17]ed anche nelle infezioni ossee.[18]Il farmaco ha inoltre trovato impiego nelle infezioni biliari.[11]

Effetti collaterali e indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Nei soggetti trattati con il farmaco, particolarmente in seguito alle prime somministrazioni parenterali di rolitetraciclina, in infezioni sostenute da germi molto sensibili alle tetracicline, si è osservata la comparsa di brividi e, più raramente, di rigor, dovuti a reazione Herxheimer-simile.
Dopo l'iniezione si può provare un particolare sapore sgradevole in bocca, spesso simile a quello dell'etere.
Studi sperimentali sui maialini hanno dimostrato che la rolitetraciclina a dosaggi estremamente elevati (10-20 volte quelli normalmente utilizzati in terapia) può avere degli effetti di tipo vascolare con innalzamento transitorio della pressione arteriosa ed alterazioni elettrocardiografiche, in particolare dell'intervallo PQ.[19] Tali effetti non assumono rilevanza ai normali dosaggi utilizzati in terapia.[20]
L'iniezione endovenasa rapida può causare vertigini transitorie, vampate di calore, arrossamento del viso e, occasionalmente, insufficienza circolatoria periferica.
Studi sui topi hanno dimostrato che la rolitetraciclina, così come altre tetracicline, può determinare un incremento delle concentrazioni ematiche di AST, ALT e della bilirubina[21]
La somministrazione endovenosa di rolitetraciclina può esacerbare i sintomi della miastenia grave,[22][23] anche se l'effetto sembra sia dovuto alla presenza di ioni magnesio nella formulazione.[24][25]

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

L'antibiotico, per via parenterale, è controindicato in caso di insufficienza renale[26] e non se ne consiglia la somministrazione in gravidanza, nei bambini sotto i 12 anni d'età e nei pazienti affetti da miastenia grave.

Dosi terapeutiche[modifica | modifica sorgente]

La rolitetraciclina viene somministrata per via intramuscolare profonda, in genere in associata ad un anestetico locale,[27] o per via endovenosa lenta.[28][29]
Nell'adulto le dosi usuali sono di 350 mg per i.m. o di 275 mg per e.v. lenta (2-3 minuti), una volta al giorno.
Nelle infezioni più gravi la dose può essere somministrata fino a tre volte al giorno.
Nei bambini sono stati somministrati 10 mg/kg/die sia per intramuscolo che per endovena (deve essere tenuto comunque presente l'effetto delle tetracicline sui denti e sulle ossa).
L'antibiotico è presente in preparazioni per uso oftalmico impiegate nel trattamento di congiuntiviti di varia eziologia, in associazione con altri antibiotici quali cloramfenicolo e colistimetato, con corticosteroidi come betametasone fosfato, o con antivirali come idoxuridina.

Avvertenze[modifica | modifica sorgente]

La somministrazione intramuscolare ed endovenosa richiede che si presti attenzione ad evitare lo stravaso nei tessuti sottocutanei.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (NL) De Smit CP, [The Tetracyclines.I] in Pharm Weekbl, vol. 99, gennaio 1964, pp. 49–61, PMID 14135873.
  2. ^ Ory EM, The tetracyclines in Med. Clin. North Am., vol. 54, nº 5, settembre 1970, pp. 1173–86, PMID 4248510.
  3. ^ Hughes DW, Wilson WL, Butterfield AG, Pound NJ, Stability of rolitetracycline in aqueous solution in J. Pharm. Pharmacol., vol. 26, nº 1, gennaio 1974, pp. 79–80, PMID 4150946.
  4. ^ S. ZAKI, AS. ELYAN; A. EL-ANWAR, The effect of I. V. Reverin on aerobic intestinal flora. in J Egypt Med Assoc, vol. 45, 1962, pp. 976-81, PMID 14003100.
  5. ^ T. Dimmling, O. Vanderbeke, [Pharmacokinetics after oral and intravenous administration of tetracycline compounds (author's transl)]. in Med Klin, vol. 70, nº 7, febbraio 1975, pp. 279-85, PMID 804588.
  6. ^ R. Böcker, CJ. Estler, Distribution of pyrrolidinomethyl-tetracycline (rolitetracycline) and tetracycline in blood and various organs of mice measured by high pressure liquid chromatography. in Arzneimittelforschung, vol. 29, nº 11, 1979, pp. 1693-5, PMID 543877.
  7. ^ AG. Butterfield, DW. Hughes; WL. Wilson; NJ. Pound, Simultaneous high-speed liquid chromatographic determination of tetracycline and rolitetracycline in rolitetracycline formulations. in J Pharm Sci, vol. 64, nº 2, febbraio 1975, pp. 316-20, PMID 1127588.
  8. ^ Goldenthal EI, A compilation of LD50 values in newborn and adult animals in Toxicol. Appl. Pharmacol., vol. 18, nº 1, gennaio 1971, pp. 185–207, PMID 5542824.
  9. ^ (CS) Korbelár J, [Rolitetracycline (reverin) in the treatment of brucellosis] in Cas. Lek. Cesk., vol. 108, nº 16, aprile 1969, pp. 474–6, PMID 5779786.
  10. ^ (DE) Graeber F, Zaloudek D, [Ambulatory therapy of sinusitis with Reverin in otorhinolaryngologic practice] in MMW Munch Med Wochenschr, vol. 123, nº 2, gennaio 1981, pp. 59–60, PMID 6782452.
  11. ^ a b (DE) von Stransky B, Bottermann P, [Rolitetracycline in lung and biliary tract infections] in MMW Munch Med Wochenschr, vol. 121, nº 11, marzo 1979, pp. 397–8, PMID 34790.
  12. ^ G. FROSIO, [Indications for the use of intravenous pyrrolidinomethyltetracycline in the therapy of acute bronchopleuro-pulmonary disease]. in Osp Maggiore, vol. 51, febbraio 1963, pp. 126-47, PMID 13945828.
  13. ^ E. BONERA, M. BRUNELLI, [Note on the clinical use of pyrrolidinomethyltetracycline by venous route in chronic bronchopulmonary inflammation]. in Clin Ter, vol. 23, settembre 1962, pp. 539-44, PMID 13968772.
  14. ^ Wilcox RR, Rolitetracycline by injection and tetracycline phosphate complex by mouth given in a single session in the treatment of gonorrhoea in males in Acta Derm. Venereol., vol. 50, nº 2, 1970, pp. 154–6, PMID 4192321.
  15. ^ (CS) Danda J, Dbalý V, Hamáková K, Hejzlar M, Klíma J, Novotný F, [One-day treatment of gonorrhoea by rolitetracycline (RTTC) (author's transl)] in Cesk Dermatol, vol. 54, nº 2, aprile 1979, pp. 98–100, PMID 427891.
  16. ^ (DA) Lindahl F, [Acute perforative appendicitis and periappendicular abscess. Treatment with colistin and rolitetracycline] in Ugeskr. Laeg., vol. 131, nº 39, settembre 1969, pp. 1637–40, PMID 5365430.
  17. ^ C. PARENTI, [PYRROLIDINOMETHYLTETRACYCLINE IN SEPTIC SURGERY]. in Gazz Int Med Chir, vol. 69, giugno 1964, pp. 1066-82, PMID 14174318.
  18. ^ (FR) Leblanc JP, Rousseau B, Segal P, Gerard Y, Choisy H, Enger A, [Treatment of bone infections using intra-arterial injections of rolitetracycline] in Therapie, vol. 30, nº 5, 1975, pp. 685–94, PMID 1221559.
  19. ^ (DE) Tauberger G, Schoog M, Mehren W, Mergler G, Moussawi M, [On the circulation compatibility of doxycycline and rolitetracycline in conscious minipigs (author's transl)] in Arzneimittelforschung, vol. 28, nº 12, 1978, pp. 2235–7, PMID 582937.
  20. ^ Schölkens B, Gerhards H, Lindner E, Circulatory effects of intravenously administered rolitetracycline and other tetracyclines in animal experiments in Arzneimittelforschung, vol. 24, nº 3, marzo 1974, pp. 312–7, PMID 4210117.
  21. ^ Böcker R, Estler CJ, Müller S, Pfandzelter C, Spachmüller B, Comparative evaluation of the effects of tetracycline, rolitetracycline and doxycycline on some blood parameters related to liver function in Arzneimittelforschung, vol. 32, nº 3, 1982, pp. 237–41, PMID 7200783.
  22. ^ (DE) Wullen F, Kast G, Bruck A, [On side-effects of tetracycline administration in myasthenic patients] in Dtsch. Med. Wochenschr., vol. 92, nº 14, aprile 1967, pp. 667–9, DOI:10.1055/s-0028-1103818, PMID 6024540.
  23. ^ (JA) Igata A, [Antibiotics and myasthenia gravis] in Shinkei Kenkyu No Shimpo, vol. 15, nº 4, 1971, pp. 910–3, PMID 5168643.
  24. ^ (JA) Hashimoto Y, Sasaki H, Yoshinari M, Iwatsuki K, [Myasthenia gravis and antibiotics] in Masui, vol. 26, nº 2, febbraio 1977, pp. 143–8, PMID 557579.
  25. ^ (DE) Gibbels E, [Further observations on side effects of intravenous administration of reverin in myasthenia gravis pseudoparalytica] in Dtsch. Med. Wochenschr., vol. 92, nº 25, giugno 1967, pp. 1153–4, DOI:10.1055/s-0028-1103757, PMID 6026478.
  26. ^ (PL) Wójcicki J, Słuczanowski W, [Rolitetracycline pharmacokinetics in patients with chronic renal failure] in Pol. Arch. Med. Wewn., vol. 71, nº 4, aprile 1984, pp. 241–7, PMID 6483645.
  27. ^ Wieriks J, Schornagel HE, Animal reactions to, and tolerance of, two local anesthetic-free tetracycline preparations injected by various routes. A comparison of vendarcin with rolitetracycline in Chemotherapy, vol. 16, nº 2, 1971, pp. 85–108, PMID 5171279.
  28. ^ SMITH L, Rolitetracycline, an antibiotic for parental use. (Syntetrin, Velacycline) in JAMA, vol. 187, gennaio 1964, p. 141, PMID 14066734.
  29. ^ Giorgi M, Sardi A, [Microbiological and pharmacological characteristics of rolitetracycline chloramphenicol succinate] in Boll Chim Farm, vol. 106, nº 2, febbraio 1967, pp. 94–100, PMID 5608209.