Roland Buchs-Binz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Roland Buchs-Binz (Friburgo, 1941) è un ufficiale svizzero, appartenente alla Guardia Svizzera.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Roland Buchs-Binz, dopo la laurea in legge all'Università di Friburgo, entrò a far parte delle guardie svizzere pontificie a partire dal 1976, venendo nominato Maggiore poco dopo.

Nel 1982 venne nominato comandante dell'intero corpo col rango di Colonnello in un momento non facile per il corpo di guardia, scioccato dall'attentato dell'anno precedente a Giovanni Paolo II che ad ogni modo aveva visto impegnate in prima persona le guardie svizzere in difesa del pontefice.

Dopo aver ricoperto l'incarico per quindici anni, nel novembre del 1997 chiese ed ottenne dal papa il permesso di dimettersi dalla carica di comandante "per motivi famigliari" e fece ritorno alla nativa Friburgo ma per breve tempo. Dopo l'assassinio del suo successore, Alois Estermann, venne infatti richiamato in Vaticano per assumere temporaneamente la reggenza della carica di comandante, dal maggio al giugno del 1998 per poi pensionarsi definitivamente alla nomina di Pius Segmüller.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'ordine di San Silvestro Papa (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'ordine di San Silvestro Papa (Santa Sede)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Salvioni, Le guardie del Papa nelle pieghe della storia 21 gennaio 1506-21 gennaio 2006 : cinquecento anni di fedeltà della Cohors Helvetica, Still Grafix, Roma, 2005
Predecessore Comandante della Guardia Svizzera Pontificia Successore Flag of the Vatican City.svg
Franz Pfyffer von Altishofen 1982-1997 Alois Estermann I
Alois Estermann maggio-luglio 1998 Pius Segmüller II
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie