Roio del Sangro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roio del Sangro
comune
Roio del Sangro – Stemma
Panorama
Panorama
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia di Chieti-Stemma.png Chieti
Amministrazione
Sindaco Sabatino Ramondelli (Movimento per le Autonomie) dal 07/05/2012
Territorio
Coordinate 41°55′00″N 14°22′00″E / 41.916667°N 14.366667°E41.916667; 14.366667 (Roio del Sangro)Coordinate: 41°55′00″N 14°22′00″E / 41.916667°N 14.366667°E41.916667; 14.366667 (Roio del Sangro)
Altitudine 840 m s.l.m.
Superficie 11,81 km²
Abitanti 111[1] (31-12-2010)
Densità 9,4 ab./km²
Comuni confinanti Monteferrante, Rosello, Villa Santa Maria, Castiglione Messer Marino
Altre informazioni
Cod. postale 66040
Prefisso 0872
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 069077
Cod. catastale H495
Targa CH
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti roiesi
Patrono san Filippo Neri
Giorno festivo 26 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Roio del Sangro
Posizione del comune di Roio del Sangro all'interno della provincia di Chieti
Posizione del comune di Roio del Sangro all'interno della provincia di Chieti
Sito istituzionale

Roio del Sangro è un comune italiano di 124 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo. Fa anche parte della Comunità montana Medio Sangro.

È situato su di uno sperone di roccia ad 870 metri di altezza, a soli 30 minuti in macchina dal mare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nucleo originario è oscuro, ma c'è qualcuno che ipotizza che la località Vicenne derivi il nome da vicus.

Un documento dattiloscritto parla di mura romane e di un tempio di Marte.

Varie ipotesi fantasiose popolari fanno derivare il nome dallo spagnolo rojo cioè rosso per via di una invasione di formiche rosse nel XVII secolo, oppure da rojo de sangre ovverosia rosso di sangue per via di un'invasione di briganti o altri popoli, documenti preesistenti attestano l'inattendibilità di queste, se si può dire, assurde ipotesi.

In alcuni documenti (del 1595) viene chiamata come Royo, nome con cui viene citato per la prima volta nel 1309, nome derivante da Rodium, derivante forse da Podium, infatti in taluni documenti viene chiamato Podium cum Rogitello, poi diventato Rodium cum Rogitello (in altre parole Roio e il piccolo Roio che starebbe ad indicare che nella zona vi erano 2 centri abitati con lo stesso nome)[2].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa attuale presumibilmente sia stata frutto di una ricostruzione di una chiesa dedicata a Sant'Angelo e San Giovanni di Rodi o di un ampliamendo dell'Ottocento, mancano dati certi, tuttavia, su un architrave del portale laterale vi è una data: 1832. L'esterno è stato intonacato di recente, eccetto la parte della navata che dà sulla piazza. L'interno è basilicale a 3 navate ed abside quadrata. L'architrave forma un intradosso. Il campanile si trova in fondo alla navata. Vi è un quadro di Ferdinando Palmerio di Guardiagrele risalente al 1864 e raffigurante l'Assunta fra angeli e santi[3].
  • La chiesa di San Nicola di Bari, risalente al Cinquecento, ma una data iscritta sul portale indica come data il 1790, ma nessun elemento conservato può definire con certezza l'epoca reale di costruzione ed aggiunte successive[4], in stile romanico-rurale.
L'interno è a navata unica con abside rettangolare. Attualmente ne restano ruderi del perimetro della chiesa. Comunque doveva essere un edificio di piccole dimensioni realizzato in ciottoli spaccati e in bozze di pietra irregolari. Il coronamento non è identificabile dalle poche tracce. Dai muri, forse un tempo intonacati, spicca il portale dai stipiti in pietra addossato a paraste doriche a struttura rettangolare che sorreggono una trabeazione ad arco a sesto ribassato. Sopra vi sono delle volute ed una modanatura mistilinea che incorniciano un'iscrizione dedicatoria[4].
  • Una vecchia campana.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Per la sua lunga tradizione culinaria è considerato patria dei cuochi. All'entrata del paese è infatti presente un monumento dedicato al cuoco. Altre tradizioni importanti sono rappresentate dalle feste e sagre estive che attraggono nel paese numerose persone da tutta Italia vista la loro discendenza con il paesino. È noto infatti come l'emigrazione dei numerosi e ottimi cuochi provenienti da Roio in tutto il mondo abbia formato una grande comunità che ama ritrovarsi nei periodi festivi. Le feste principali sono le processioni di San Filippo Neri e San Rocco il 12 e il 13 di agosto, la tradizionale processione del venerdì santo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2007 2012 Giuseppe Cavorso lista civica Sindaco
2012 in carica Sabatino Ramondelli Movimento per le Autonomie Sindaco

Persone legate a Roio del Sangro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Un certo Nunzio Federigo Faraglia ne "I miei studi storici delle cose abruzzesi" pubblicato da Carabba Editore a Lanciano nel 1893 nella pagina 243 scrive Podium cum Rogitello tra Civitas Burrelli e Casale Piano (situato sulla montagna di Royo).
  3. ^ SangroAventino, Chiesa di Santa Maria Maggiore, 2004. URL consultato il 9 ottobre 2009.
  4. ^ a b SangroAventino, Chiesa di San Nicola, 2004. URL consultato il 9 ottobre 2009.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo