Roger Vitrac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Roger Vitrac (Pinsac, 17 novembre 1899Parigi, 22 gennaio 1952) è stato un commediografo francese.

Commediografo, ma anche poeta, giornalista e regista, Vitrac viene considerato una figura di secondo piano del surrealismo, ancorché un precursore del Théâtre Nouveau.

Trasferitosi a Parigi nel 1910, si appassionò ai testi poetici e teatrali di Lautréamont e Jarry, quindi fondò la rivista "Aventure" con gli amici Marcel Arland, François Baron, Georges Limbour e René Crevel. Incontrati André Breton e Louis Aragon nel 1921 si unì al gruppo della rivista "La révolution surréaliste", per poi staccarsi e insieme ad Antonin Artaud fondare nel 1926 il "Théatre Alfred-Jarry", dove rappresentò proprie opere. Il suo teatro, vicino a quello di Alfred Jarry, intreccia un'amara concezione dell'esistenza e una violenta critica dei valori borghesi con audacie espressive di gusto surrealista. Raggiunse successo soprattutto postumo grazie ad alcune regie di Jean Anouilh negli anni 1960 e viene considerato anche precursore del teatro dell'assurdo.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

  • Les Mystères de l'amour (1927)
  • Victor ou les enfants au pouvoir (1928), trad. Laura Goncalez, Victor, o I bambini al potere, Torino: Einaudi, 1966
  • Le Coup de Trafalgar (1934)
  • Le Camelot (1936)
  • Les Demoiselles du large (1938)
  • Le Loup-Garou (1940)
  • Le Sabre de mon père (1951)
  • Médor (1966)
  • Entrée libre (1967)

Controllo di autorità VIAF: 32004265 LCCN: n50013488