Roger Mortimer, I conte di Shrewsbury

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Roger Mortimer, I conte di Shrewsbury (... – 1094), di origine normanna, fu uno dei consiglieri di Guglielmo I d'Inghilterra, da lui si generò la stirpe dei Mortimer, estintasi nel 1425, che ebbe modo di avvicinarsi tramite i matrimoni alla famiglia reale. Le pretese derivanti da tali legami non si estinsero con il ramo maschile, ma vennero ereditate dagli York che si contrapposero ai Lancaster.

Non combatté alla battaglia di Hastings essendo presumibilmente rimasto in Normandia per mantenerne saldo il governo. Arrivato in Inghilterra si vide assegnate delle terre in punti ove era difficile difendere il paese, fra cui il territorio attorno ad Arundel, situato nell'attuale Sussex, posto sulla costa meridionale. Nel 1071 fu creato I conte di Shrewsbury e piano piano accumulò molte delle terre che costituiscono l'odierno West Sussex, facendo di lui uno degli uomini più ricchi del tempo ed era proprietario di un grande numero di castelli, non solo attorno ad Arundel, ma anche in tutte le terre che rientravano nel contado di cui era stato investito. Dopo la morte di Guglielmo nel 1087 Roger si allineò con i baroni nella rivolta del 1088, venne però persuaso dal nuovo re, Guglielmo II d'Inghilterra a servirlo salvando così tutte le sue proprietà che vennero invece confiscate agli altri ribelli. Alla sua morte, avvenuta nel 1094 le sue proprietà vennero equamente divise fra i suoi numerosi figli. Roger si era infatti sposato in prime nozze con Mabel Talvas (di Bellême) , figlia di importanti proprietari terrieri normanni, che venne uccisa nel 1077 dal proprio fratello che la accusava di avergli usurpato l'eredità. Da lei ebbe dieci figli (uno anche dal secondo matrimonio che entrò poi nella chiesa):