Rodney King

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rodney Glen King

Rodney Glen King (Sacramento, 2 aprile 1965Rialto, 17 giugno 2012) è stato un tassista afroamericano.

È divenuto celebre per essere stato vittima, il 3 marzo 1991, di un violento pestaggio da parte di diversi agenti del Los Angeles Police Department (da cui era stato fermato per eccesso di velocità); la successiva assoluzione dei poliziotti coinvolti, fu la causa scatenante della grande sommossa a sfondo razziale scoppiata in città tra l'aprile e il maggio dell'anno successivo.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

King è nato a Sacramento ed è cresciuto in Altadena. Suo padre, un alcolista, è morto nel 1984, a 42 anni.[1]

L'episodio del suo linciaggio, ripreso da un videoamatore di nome George Holliday, fu trasmesso dai maggiori network televisivi statunitensi e mondiali e fece tornare d'attualità la triste situazione del razzismo negli Stati Uniti d'America; gli agenti coinvolti testimoniarono di aver creduto che l'uomo fosse sotto l'effetto della sostanza allucinogena, la fenciclidina.[2] L'episodio innescò violenti disordini a Los Angeles con forti proteste nei confronti del locale dipartimento di polizia, accusato di esercitare metodi brutali, soprattutto verso le persone di colore.

Nel 1992, il regista afroamericano Spike Lee aprì il suo Malcolm X con le immagini del pestaggio subito da King, inserendo in sottofondo un duro discorso di Malcolm X contro il razzismo dei bianchi. Si parla di lui anche in una scena del film American History X dove il protagonista, Derek, parla del noto fatto di cronaca favorendo l'atteggiamento dei poliziotti fino ad infuriarsi impazzendo perché contestato dai familiari. Nel film Dark Blue - Indagini sporche, viene mostrato il pestaggio in diversi momenti del film, che è ambientato qualche giorno prima che venga emessa la sentenza nei confronti degli agenti responsabili. James Cameron ha raccontato che non solo il bar della scena dei biker (in Terminator 2) è dall’altra parte della strada dove gli agenti di polizia picchiarono Rodney King, ma che la scena è stata ripresa nella notte del pestaggio.

È stato trovato morto, sul fondo di una piscina, il 17 giugno 2012, all'età di 47 anni[3]: il caso venne archiviato come annegamento accidentale e l'autopsia effettuata sul cadavere rivelò tracce di alcol, marijuana, cocaina e PCP nel suo sangue.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Telegraph
  2. ^ (EN) Lou Cannon. Official Negligence: How Rodney King and the Riots Changed Los Angeles ISBN 0813337259 su Google Ricerca libri
  3. ^ Los Angeles, trovato morto Rodney King Il suo pestaggio scatenò le rivolte razziali, La Repubblica, 17 giugno 2012
  4. ^ Stan Wilson (23 agosto 2012). "Autopsy attributes Rodney King's death to drowning". CNN. Visitato il 23 August 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gruppo Surrealista di Chicago, I tre giorni che hanno sconvolto il Nuovo Ordine Mondiale. La sommossa di Los Angeles del 1992, Edizioni La Fiaccola, Ragusa

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 173548440 LCCN: n2008032573