Rodano (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rodano
Rodano
Il Rodano a Lione
Stati Svizzera Svizzera
Francia Francia
Lunghezza 812 km
Portata media 1,820 m³/s
Bacino idrografico 95.500 km²
Altitudine sorgente 1.853 m s.l.m.
Nasce Ghiacciaio del Rodano, Alpi Urane
Affluenti vedi sezione
Sfocia Mar Mediterraneo nella Camargue
Mappa del fiume

Il Rodano (Rhône in francese, Rôno in arpitano, Ròse in occitano, Rhone o Rotten in tedesco, Rhodanus in latino, Rhodanòs - Ροδανός in greco antico) è un importante fiume europeo. Lungo 812 km, nasce in Svizzera dove scorre per i primi 231 km, per poi proseguire in Francia per altri 581 km fino a sfociare nel Mar Mediterraneo. Con una portata media annua presso la foce di 1.820 m³/s è il principale fiume di Francia per volume d'acqua.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Rodano nasce in Svizzera a 1.753 m di altitudine dal ghiacciaio omonimo, comunque scorrendo dapprima verso ovest (l'alta vallata del Rodano corrisponde al cantone svizzero del Vallese). La valle si restringe notevolmente in corrispondenza di Martigny e il corso del fiume risale in direzione nord prima di gettarsi nel Lago Lemano.

All'uscita dal lago in corrispondenza della città di Ginevra riceve l'affluente Arve ed entra quindi in Francia proseguendo incassato per svariati km, ricevendo da destra il copioso apporto (123 m³/s) dell'Ain e giungendo in breve a Lione dove riceve le acque della Saona (oltre 470 m³/s), suo principale tributario di destra. Da qui, notevolmente arricchito d'acque, diventa navigabile.

Subito piega bruscamente verso sud, bagnando la cittadina di Vienne e ricevendo in breve da sinistra il grosso contributo (360 m³/s) dell'Isère, bagnando poi la città di Valence. Proseguendo il fiume riceve svariati apporti che ne accrescono ulteriormente la già notevole portata: da sinistra la Drôme (20 m³/s) e l'Ouvèze (25 m³/s); da destra l'Ardèche (65 m³/s) e il Gardon (32 m³/s), ancora da sinistra l'Eygues (6,5 m³/s) e soprattutto la Durance (170 m³/s), ultimo affluente in assoluto.

Proprio alcuni km prima di tale confluenza Rodano bagna la famosa città di Avignone, scorrendo pigro con andamento ad anse. Il fiume giunge poi alla fine del suo percorso gettandosi con un ampio delta (regione della Camargue) nel Mar Mediterraneo. Il bacino del fiume copre un'estensione totale di 95.500 km². Nel delta, che inizia subito dopo la città di Arles, il corso del Rodano si divide in due rami (Grand Rhône e Petit Rhône).

La confluenza del Rodano con l'Arve a Ginevra
Il fiume Rodano al centro della città di Arles
Il delta del Rodano nella regione della Camargue

Affluenti principali[modifica | modifica wikitesto]

Il Rodano, attraversando la Svizzera e la Francia, riceve affluenti in queste due nazioni.

In Svizzera[modifica | modifica wikitesto]

In Francia[modifica | modifica wikitesto]

Principali città attraversate[modifica | modifica wikitesto]

Idrologia[modifica | modifica wikitesto]

Il Rodano presenta un regime essenzialmente di tipo alpino con imponenti piene nella stagione tardo primaverile e estiva e magre invernali, ma è anche influenzato in parte dal regime pluviale Oceanico che interessa l'importante affluente Saona. Il modulo medio del fiume è molto elevato: è di circa 1.000 m³/s a Lione e di oltre 1.800 presso la foce, il che ne fa il principale fiume francese per volume d'acqua. In caso però di precipitazioni eccezionali il fiume può dar luogo a piene davvero impressionanti (anche di oltre 16.000 m³/s) a causa soprattutto dell'apporto torrentizio dei suoi tributari di destra, in particolare l'Ardèche e il Gardon.

Portata media mensile (in m³/s)
Stazione idrometrica : Beaucaire (1920-2005)

Fonte : Le Rhône à Beaucaire

Canali[modifica | modifica wikitesto]

Là dove il Rodano non risulta ancora navigabile - è il caso del Vallese - è stato costruito un canale nel XVII secolo, il Canale Stockalper"[1], a fianco del fiume, il cui scopo principale era quello di favorire il trasporto del sale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]