Rocque Joaquin de Alcubierre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rocque Joaquin de Alcubierre (Saragozza, 1702Napoli, 1780) è stato un ingegnere e archeologo spagnolo, che si occupò delle esplorazioni archeologiche delle città di Pompeii, Herculaneum e Stabiae.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rocque Joaquin de Alcubierre studiò nella sua città natale per poi entrare come volontario nel corpo degli ingegneri militari, svolgendo servizio a Barcellona, Madrid ed altre città spagnole.

Mentre lavorava al palazzo del re di Napoli ritrovò alcuni manufatti di epoca romana e, quindi, nel 1738 ottenne dal re l'autorizzazione per poter effettuare degli scavi. In seguito alle operazioni di scavo riportò alla luce una statua di Ercole ed un antico teatro: si trattava delle rovine di Ercolano. In seguito vennero riportati alla luce più di duecento tra affreschi e statue che vennero conservate al museo nazionale di Napoli.

Nel 1748 iniziò una nuova campagna di scavi in una zona che secondo le prime intuizioni doveva essere Stabiae, ma che invece più tardi venne identificata come Pompei. Nel 1749, insieme a Karl Jakob Weber, suo assistente, riportò alla luce la vera Stabiae ed in seguito eseguì esplorazioni nella zona di Sorrento, Capri, Cuma e Pozzuoli. Morì a Napoli nel 1780.

Controllo di autorità VIAF: 77392555