Roccagorga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roccagorga
comune
Roccagorga – Stemma Roccagorga – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Latina-Stemma.png Latina
Amministrazione
Sindaco Carla Amici (Partito Democratico) dal 07/06/2009
Territorio
Coordinate 41°32′00″N 13°09′00″E / 41.533333°N 13.15°E41.533333; 13.15 (Roccagorga)Coordinate: 41°32′00″N 13°09′00″E / 41.533333°N 13.15°E41.533333; 13.15 (Roccagorga)
Altitudine 287 m s.l.m.
Superficie 23,98 km²
Abitanti 4 766[1] (31-12-2010)
Densità 198,75 ab./km²
Comuni confinanti Carpineto Romano (RM), Maenza, Priverno, Sezze
Altre informazioni
Cod. postale 04010
Prefisso 0773
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 059021
Cod. catastale H413
Targa LT
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 602 GG[2]
Nome abitanti rocchigiani - roccagorgàni (arcaico)
Patrono sant'Erasmo
Giorno festivo 2 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Roccagorga
Posizione del comune di Roccagorga nella provincia di Latina
Posizione del comune di Roccagorga nella provincia di Latina
Sito istituzionale

Roccagorga è un comune italiano di 4.710 abitanti della provincia di Latina nel Lazio.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il territorio è prevalentemente collinare e montuoso. La natura del suolo è di tipo calcareo. Tale natura determina l'assenza di corsi d'acqua significativi e permanenti. I "fossi" presenti sul territorio hanno carattere torrentizio e la loro portata è direttamente proporzionale alla quantità di precipitazioni cadute nel periodo immediatamente precedente a quello di osservazione. La coltura agricola predominante nel territorio comunale è quella dell'ulivo, favorita dal clima mediterraneo, dal suolo calcareo e dall'esposizione prevalentemente meridionale dei pendii.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Classificazione climatica: zona D, 1602 GR/G Il clima è di tipo mediterraneo. È caratterizzato da estati calde e secche e da inverni miti e piovosi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Roccagorga è situata sullo sperone del Monte Nero, una collina dei Lepini meridionali, ha un’altitudine di 289 m. sul livello del mare.

Le origini risalgono al 796 d.C. a seguito della distruzione di Privernum, ma il suo sviluppo sullo sperone del secondo monte di Gorga data dalla fine del medioevo, intorno al primitivo Castello. Il nome deriva dalla matrona Gorga che nell' VIII secolo la tradizione si insediò insieme ai fuggiaschi Privernati sul monte Nero, creando il primo nucleo di.

È del XIII sec. il toponimo “Roccam Dompneburge et Aspranam” legato al feudo dei Conti di Ceccano, che aveva altri feudi nella zona. Nel punto più alto, di una rocca in posizione comunque strategica, fu costruita una robusta torre quadrangolare, che poteva comunicare mediante segnalazioni con le torri di Maenza, di Asprano e di monte Acuto.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia di bronzo al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al Merito Civile
«Il piccolo centro laziale, distintosi in diverse occasioni per il generoso spirito di solidarietà, nel corso dell'ultimo conflitto mondiale, subiva la perdita di alcuni concittadini ed una feroce rappresaglia da parte dei militari tedeschi che diedero fuoco ad una capanna dove, intimoriti, si erano rifugiati due ragazzi, assistendo imperterriti al rogo ed impedendo loro di uscire. Nobile esempio di spirito di sacrificio ed amor Patrio.»
— 16 aprile 1944 - (LT)[3]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

  • Eremo di Sant'Erasmo
  • Chiesa SS. Leonardo ed Erasmo

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

  • Palazzo Baronale

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica sorgente]

  • L'ultima domenica di maggio: "Pellegrinaggio all'Eremo di Sant'Erasmo"
  • 2 giugno festa Patronale: Sant'Erasmo
  • Prima Domenica di settembre: Sant'Antonio da Padova
  • Venerdì Santo: focaracci

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Musei[modifica | modifica sorgente]

  • EtnoMuseo dei Monti Lepini

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Sagra dell'uva fragola, a ottobre
  • Dal 16 agosto al 18 Fiera del bestiame (Sagra della carne di capra) località Prati zona artigianale
  • 1º giovedì di settembre: Fiera di Roccagorga

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1934 passa dalla provincia di Roma, alla nuova provincia di Littoria, costituita dal governo fascista dell'epoca.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Loreto Bevilacqua lista civica Sindaco
2009 in carica Carla Amici Partito Democratico Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=265205
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio