Roberto di Mowbray

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Roberto di Mowbray (... – 1125) creato conte di Northumbria nel 1086. Il suo cognome viene da Montbray un paese della Manche normanna, di cui Mowbray è la corruzione.

Di Robert di Mowbray si conosce solo l'anno della morte e poco altro prima di venire creato conte di Northumbria. Nel 1086 il contado di Northumbria era vacante e il titolo venne assegnato a Roberto. Nel 1088 quando Roberto II di Normandia invase l'Inghilterra Roberto si schierò con lui, il duca venne sonoramente sconfitto, ma Roberto, perdonato dal re, rimase al proprio posto. Il cuo contado era a nord, vicino al confine scozzese che attaccarono quelle terre più volte costringendo Roberto a combattere, nel 1093 Malcolm III di Scozia invase di nuovo la Northumbria, le forze del conte si spiegarono ed il re e suo figlio furono uccisi nella battaglia di Alnwick. Poco più tardi uno zio di Roberto morì lasciandogli tutte le sue proprietà e facendo di lui uno dei nobili più ricchi del regno. Nel 1095, poco dopo il suo matrimonio, Roberto insieme a Guglielmo di Eu aderì a una cospirazione per far passare la corona da Guglielmo II d'Inghilterra a Stefano d'Aumale, figlio di una sorella di Guglielmo il Conquistatore. Al momento di passare ai fatti molti nobili si trassero indietro lasciando Roberto e Guglielmo di Eu allo scoperto. La miccia si accese quando Roberto cercò di conquistare quattro navi norvegesi ormeggiate a Tyne, i mercanti andarono a lagnarsi dal re che ordinò al conte di presentarsi immediatamente a corte. Roberto ignorò quel richiamo e anche i successivi, e alla fine il re imbracciò le armi. Il conte si asserragliò nella fortezza di Bamburgh, le forze che si era portato dietro erano incredibilmente scarse e, dopo sei giorni, ferito a un ginocchio, fu costretto alla resa. A causa del suo coinvolgimento nella cospirazione venne condannato alla prigione a vita morendo nel 1125 ancora in catene. Dopo la sua cattura la moglie Matilde ottenne l'annullamento nel 1107 e al terzo matrimonio ebbe finalmente dei figli cui fu concesso di ereditare le proprietà ed il titolo di Roberto, essi abbandonarono dunque il cognome paterno per prendere quello di Mowbray.