Roberto Narducci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Roberto Narducci (Roma, 14 agosto 1887Roma, 10 febbraio 1979) è stato un architetto e ingegnere italiano.

Stazione di Roma Ostiense
Rovigo, palazzo delle Poste e Telegrafi
Prospetto esterno della stazione di Taormina-Giardini

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Roma il 14 agosto 1887 da una famiglia borghese. Dopo la licenza tecnica conseguita nel 1903-04 ottiene nel 1909 il diploma di decorazione architettonica al Museo artistico industriale romano; nello stesso anno supera il concorso ed entra come disegnatore presso le Ferrovie dello Stato.

Nel 1920-21 si iscrive al terzo anno della Regia Scuola Superiore di Architettura di Roma che lo porterà, nel 1923, al conseguimento della laurea in Architettura Civile. Nel 1930 consegue l'abilitazione alla professione d'Ingegnere.

Nella sua vita, come dipendente del Ministero delle Comunicazioni, progetta circa quaranta stazioni ferroviarie, di nuova edificazione oppure ricostruzioni postbelliche e una decina di edifici postali. Lavorerà spesso sotto le direttive di Angiolo Mazzoni, che fu fino al 1944 suo superiore gerarchico.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(elenco parziale)

Palazzi postali
Fabbricati viaggiatori di stazioni ferroviarie

Non datate:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda su Palazzo delle Poste e Telegrafi di Bari, archistoria.it
  2. ^ Franco Barbieri e Renato Cevese, Vicenza, ritratto di una città, Vicenza, Angelo Colla editore, 2004, p. 313, ISBN 88-900990-7-0.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Giacomelli, Roberto Narducci (1887-1979) architetto-ingegnere del Ministero delle Comunicazioni. E. Godoli e A. I. Lima, a cura di. Architettura ferroviaria in Italia Novecento. Dario Flaccovio Editore, 2004, ISBN 88-7758-597-8
  • A. Morgera, Roberto Narducci e la monumentalizzazione delle stazioni ferroviarie. I casi di Venezia Santa Lucia, Redipuglia e Roma Ostiense. 1934-1938, tesi di laurea, Trieste 2006, relatore P. Nicoloso, correlatore B. Boccazzi Mazza
  • A. Morgera (a cura di), La stazione di Redipuglia di Roberto Narducci, catalogo della mostra, Sentieri di Pace / Pro Loco di Fogliano Redipuglia, Fogliano Redipuglia 2007
  • M. Tomadin, Monumenti del moderno. La stazione ferroviaria di Redipuglia. Testi, restauro, riuso, Consorzio Culturale Monfalconese, 2008, ISBN 978-88-88134-38-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]