Roberto Lombardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Lombardi
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 1-11
Titoli vinti 0
Miglior ranking 221° (14 giugno 1976)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 1-9
Titoli vinti 0
Miglior ranking 965° (7 novembre 1988)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

Roberto Lombardi (Alessandria, 2 ottobre 1950Milano, 18 marzo 2010) è stato un giornalista, tennista, dirigente e telecronista sportivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Comincia a giocare a tennis fin da piccolo, è stato uno degli allievi di Giuseppe Cornara, allenatore che ha collaborato anche con Gianni Rivera e Corrado Barazzutti. Da juniores partecipa spesso a tornei di doppio insieme ad Ubaldo Scanagatta, con cui batté il doppio formato da Adriano Panatta e Roberto Matteoli, allora numeri uno d'Italia di categoria, e partecipa anche al Trofeo Bonfiglio, perdendo dalla coppia Pisecki-Hutka.[1] Una volta lasciata la categoria juniores non raggiunge mai grandi vertici, ma arriva comunque ad essere per un periodo di tempo il settimo giocatore italiano nel ranking mondiale perdendo tra l'altro una finale dei Campionati italiani contro lo stesso Barazzutti nel 1976[2], anno in cui ha toccato la 226ª posizione del ranking ATP e raggiunge la finale a San Benedetto del Tronto e gli ottavi a Firenze. L'anno seguente viene sconfitto in finale anche a Casale e Verona. Complessivamente partecipa per cinque volte agli Internazionali d'Italia (nel 1968 e poi dal 1975 al 1978).

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 nelle vesti di tecnico porta Diego Nargiso alla vittoria del torneo juniores di Wimbledon, collaborerà poi con il Centro Tecnico Federale di Riano dove seguì anche Paolo Canè e Stefano Pescosolido.

Nel 1981 Rino Tommasi assume la direzione dei servizi sportivi di Canale 5 e Lombardi entra a far parte della redazione che si occuperà dei servizi tennistici insieme a Gianni Clerici ed Ubaldo Scanagatta. Nel 1988, in seguito all'acquisizione dei diritti da parte di Mediaset per il torneo di Wimbledon, comincia anche la carriera di telecronista sportivo.[3] Nel 1991, sempre su invito di Tommasi, passa a Tele+[2] e successivamente a Sky. Scrive inoltre per il Corriere della Sera, La Stampa.

Nel 2001 torna anche a collaborare con la F.I.T. dirigendo la Scuola Nazionale Maestri che, dopo la sua morte, prenderà il suo nome e conducendo un programma sul canale satellitare SuperTennis.

Negli ultimi anni, pur costretto sulla sedia a rotelle e con una maschera d'ossigeno dalla Sclerosi laterale amiotrofica, non smetterà mai di cimentarsi nelle telecronache, fino alla morte che avverrà il 18 marzo 2010 all'Ospedale Niguarda di Milano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ubitennis.quotidianonet.ilsole24ore.com, È morto Roberto Lombardi, 18-03-2010. URL consultato il 20-03-2010.
  2. ^ a b gazzetta.it, Tennis italiano in lutto per Roberto Lombardi Un'altra vittima della Sla, 19-03-2010. URL consultato il 20-03-2010.
  3. ^ ubitennis.quotidianonet.ilsole24ore.com, Addio Robertino, Splendido compagno, 19-03-2010. URL consultato il 20-03-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]