Roberto Conti (matematico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Roberto Conti (Firenze, 29 aprile 1923Firenze, 30 agosto 2006) è stato un matematico italiano noto soprattutto per i suoi contributi alla teoria qualitativa e ai problemi ai limiti per equazioni differenziali ordinarie, e alla teoria dei controlli.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Allievo della Scuola normale superiore di Pisa, si laurea nel 1945 sotto la direzione di Leonida Tonelli ed Emilio Baiada. Svolge il suo anno di perfezionamento con Giovanni Sansone e discute la relativa tesi nel 1948.

Nel 1956 vince una cattedra di analisi matematica presso l'Università degli Studi di Catania e nel 1958 viene chiamato dall'Università di Firenze a coprire la cattedra omologa che era stata di Sansone. A Firenze insegna fino al 1993, quando lascia l'insegnamento per raggiunti limiti di età. Nel 1997 l'Università di Firenze lo nomina professore emerito.

Negli anni 1970 è il direttore del Gruppo nazionale analisi funzionale ed applicazioni. È a lungo il segretario e poi il direttore del Centro internazionale matematico estivo dell'Unione matematica italiana.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Andrea Bacciotti, Luciano Pandolfi (2007): Commemorazione di Roberto Conti, Boll. UMI La matematica nella società e nella coltura, s. VIII, vol. X-A pp. 585-602