Roberto Abbado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Roberto Abbado (Milano, 30 dicembre 1954) è un direttore d'orchestra italiano.

Figlio di Marcello e nipote di Claudio,[1] ha studiato pianoforte e composizione presso il Conservatorio di Milano. Si è poi perfezionato in direzione d'orchestra, col maestro Franco Ferrara, presso la Fenice di Venezia e l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,[2] dove fu l'unico studente a cui fu chiesto di dirigere la prestigiosa orchestra.

Diresse la sua prima opera, Simon Boccanegra, all'età di 23 anni nel luglio 1978 allo Sferisterio di Macerata,[3][4] ed iniziò ben presto a tenere concerti in svariati teatri d'opera italiani e non.

È stato direttore stabile della Münchner Rundfunkorchester (l'orchestra della radio di Monaco di Baviera) tra il 1991 e il 1998.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giuseppina Manin, Roberto Abbado: cultura ai giovani, Milano resista alla crisi, basta tagli, Corriere della Sera, 26 febbraio 2009. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  2. ^ Roberto Abbado - Direttore d’orchestra, Teatro Comunale di Bologna, settembre 2013. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  3. ^ Leonetta Bentivoglio, Roberto Abbado torna alle origini - Amo Boccanegra e la sua utopia, La Repubblica, 6 ottobre 2003. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  4. ^ Susanna Franchi, Roberto Abbado: le tre dimensioni dell’opera, Sistema Musica, ottobre 2003. URL consultato il 17 gennaio 2014.
  5. ^ ROBERTO ABBADO AL TEATRO MASSIMO, Ufficio Stampa Teatro Massimo di Palermo, 19 ottobre 2005. URL consultato il 17 gennaio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Roberto Abbado in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Controllo di autorità VIAF: 24794465 LCCN: nr91041532

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie