Robert Kilwardby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Kilwardby
cardinale di Santa Romana Chiesa
35 Roberto Kilwardby.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Nato 1215 circa
Nominato arcivescovo 11 ottobre 1272
Consacrato arcivescovo 26 febbraio 1273
Creato cardinale 12 marzo 1278
Deceduto 12 settembre 1279

Robert Kilwardby (1215 circa – Viterbo, 12 settembre 1279) è stato un cardinale inglese, appartenente all'ordine domenicano. È stato arcivescovo di Canterbury.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kilwardby studiò presso l'Università di Parigi, dove poi fu un insegnante di grammatica e di logica. Successivamente è entrato nell'Ordine domenicano e studiò teologia; divenne reggente all'Università di Oxford, probabilmente nel 1245). Fu nominato provinciale dei domenicani per l'Inghilterra nel 1261 e nell'ottobre 1272 papa Gregorio X lo nominò arcivescovo di Canterbury ponendo fine alla disputa per l'elezione. Fu consacrato il 26 febbraio 1273.

Kilwardby incoronò Edoardo I e sua moglie Eleonora come re e regina d'Inghilterra nel mese di agosto 1274, ma per il resto ebbe poca parte nella politica. Si è invece concentrato sui suoi doveri ecclesiastici, tra cui la carità ai poveri e donando ai Domenicani.

Nel 1278 papa Niccolò III lo nominò cardinale vescovo di Porto e Santa Rufina. Si dimise da Canterbury e lasciò l'Inghilterra, portando con sé documenti, registri e documenti della sede vescovile. Lasciò l'episcopato in un profondo debito ancora una volta, dopo che il suo predecessore aveva risanato il debito. Morì in Italia nel 1279 e fu sepolto nel convento domenicano a Viterbo.

È stato anche l'autore di una sintesi degli scritti dei Padri della Chiesa, organizzata in ordine alfabetico.

È stato affermato che Kilwardby era un avversario di Tommaso d'Aquino. Studiosi recenti, tuttavia, come Roland Hissette, hanno messo in discussione questa interpretazione[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Sono inclusi tra i suoi scritti alcuni commenti su Aristotele.

  • De ortu scientiarum
  • De natura relationis
  • Quaestiones de conscientia, de spiritu imaginativo, de relatione, de incarnatione, de paenitentia
  • De unitate formarum
  • De tempore
  • De universali
  • De natura theologiae
  • De imagine et vestigio Trinitatis
  • Tabulae super Originalia Patrum

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enquete sur les 219 articles condamnés a Paris le 7 mars 1277, LLouvain, Peeters, 1977

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dominic Aidan Bellenger e Stella Fletcher, Princes of the Church: A History of the English Cardinals, Stroud 2001. ISBN 0-7509-2630-9.
  • Janet Burton, Monastic and Religious Orders in Britain: 1000–1300, Cambridge UK: Cambridge University Press 1994. ISBN 0-521-37797-8.
  • C.T. Clanchy, From Memory to Written Record: England 1066–1307, Malden, MA: 1993. ISBN 978-0-631-16857-7.
  • Lagerund, Henrik & Thom, Paul (eds.), A Companion to the Philosophy of Robert Kilwardby, Leiden: Brill, 2012.
  • C.H. Lawrence, The English Church and the Papacy in the Middle Ages, Stroud 1965, pp. 117–156. ISBN 0-7509-1947-7.
  • John R.H. Moorman, Church Life in England in the Thirteenth Century, Cambridge, UK: Cambridge University Press 1955. OCLC 213820968.
  • José Filip Silva, Robert Kilwardby on the Human Soul: Plurality of Forms and Censorship in the Thirteenth Century, Leiden: Brill, 2012.
  • Thom, Paul, Logic and Ontology in the Syllogistic of Robert Kilwardby, Leiden: Brill, 2007.
  • Simon Tugwell, Kilwardby, Robert (c.1215–1279), in Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press 2004.