Robert Keith

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Keith nel film Amore provinciale (1953)

Robert Keith, nome d'arte di Rolland Keith Richey (Fowler, 10 febbraio 1898Los Angeles, 22 dicembre 1966), è stato un attore cinematografico, teatrale e televisivo statunitense.

Era il padre dell'attore Brian Keith.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Fowler (Indiana) dal matrimonio di Mary Della Snyder con James Haughey Richey, Robert Keith iniziò la carriera artistica nei cinematografi come cantante di accompagnamento al pianoforte durante le proiezioni delle pellicole mute[1], e in seguito divenne attore teatrale. Nel 1927 scrisse la pièce The Tightwad che venne rappresentata a Broadway grazie al produttore Lee Shubert, ma non ebbe grande successo malgrado la buona accoglienza da parte della critica[1]. Nel 1930 Keith fu chiamato a Hollywood dalla casa produttrice Universal Pictures, che lo scritturò come sceneggiatore e scrittore di dialoghi per i primi film sonori[1]. Per un certo periodo l'attore collaborò a film quali Peace on Earth con Lew Ayres e Andy Devine, e Destry Rides Again con Tom Mix, ma due anni più tardi tornò a New York per proseguire la carriera sul palcoscenico, distinguendosi in numerose rappresentazioni celebri, come The Great God Brown, The Children’s Hour e Mr. Roberts[1].

Dopo quasi due decenni di attività teatrale, Keith rientrò a Hollywood partecipando al film Boomerang - L'arma che uccide (1947) e, grazie al produttore Sam Goldwyn, ottenne il ruolo del padre di Susan Hayward nel melodramma sentimentale Questo mio folle cuore (1949)[1]. La carriera di Keith sul grande schermo riprese slancio e l'attore fu uno dei più noti e affidabili caratteristi degli anni cinquanta, a suo agio sia nel dramma come La 14ª ora (1951), Il selvaggio (1954), in cui interpretò lo sceriffo ottuso Harry Bleeker, e Come le foglie al vento (1956), sia nella commedia come Amore provinciale (1953), nel ruolo del giudice Gordon Kimbell, e nel musical come Bulli e pupe, in cui vestì i panni del tenente Brannigan, un poliziotto ottuso. L'aspetto autorevole e il volto dai baffetti sottili consentirono all'attore anche ruoli di militare in pellicole quali Essi vivranno (1953), I diavoli del Pacifico (1956) e Uomini in guerra (1957).

All'inizio degli anni sessanta Keith affrontò con successo anche l'attività sul piccolo schermo, comparendo in alcune serie televisive di successo, tra le quali sono da ricordare Alfred Hitchcock presenta (1962), Il fuggiasco (1964), L'ora di Hitchcock (1964) e Ai confini della realtà (1964).

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Dopo un primo matrimonio nel 1917 con Laura Corinne Jackson, Keith si risposò con l'attrice teatrale Helena Shipman, da cui nel 1921 ebbe il figlio Brian, divenuto in seguito celebre attore cinematografico e televisivo. Dopo il divorzio dalla Shipman, nel 1927 Keith si risposò con la celebre attrice Peg Entwistle (che morirà suicida nel 1932), da cui divorziò due anni dopo per convolare a quarte nozze nel 1930 con Dorothy Tierney. Questo matrimonio durò fino alla morte dell'attore, avvenuta a Los Angeles il 22 dicembre 1966.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Robert Keith è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Arthur F. McClure, Alfred E. Twomey e Ken Jones, More Character People, Citadel Press, 1984, pag. 100

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17417449 LCCN: no92022798