Robert Gulya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Robert Gulya (Gyöngyös, 10 novembre 1973) è un compositore ungherese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Robert Gulya scrive musica classica contemporanea e colonne sonore. Ha studiato nell‘Accademia Musicale Franz Liszt a Budapest, all’Università per la musica e le arti interpretative di Vienna ed anche all’Università della California, Los Angeles.[1] Le sue opere sono uscite per Editions Bim (Svizzera).[2] Tra l’altro, ha composto delle opere svariate per la chitarrista austriaca Johanna Beisteiner, come un Concerto per chitarra e orchestra.[3] Robert Gulya è il fondatore e propretore della impresa Interscore LTD.[4]

Premi[modifica | modifica sorgente]

  • 2008: AOF Film Festival, USA: Best Score Feature[5] per la colonna sonora Atom Nine Adventures (USA 2007, regia: Christopher Farley)
  • 1997: Terzo premio di International Composer’s Competition In Memoriam Zoltán Kodály[6], Budapest (Ungheria)
  • 1996: Premio Albert Szirmai, Budapest (Ungheria)
  • 1995: Primo premio di International Summer Academy Prague-Vienna-Budapest[7] (Austria)

Opere (lista incompleta)[modifica | modifica sorgente]

Opere classiche[modifica | modifica sorgente]

  • 1995: Burlesca per tuba e pianoforte
  • 1996: Ricordi di un mondo perduto – una storia della leggendaria Atlantide per orchestra e coro
  • 1997: Concerto per pianoforte e orchestra No. 1
  • 2000: Ballo de fatti/Fairy Dance per chitarra sola
  • 2000: Concert per tuba e orchestra
  • 2001: La voce del delfino per pianoforte
  • 2005: Umori per Quintetto di ottoni
  • 2006: Capriccio per chitarra e pianoforte
  • 2007: Preludi del firmamento / Night Sky Preludes per chitarra sola
  • 2008: Il Milonguero e la Musa (Tango), prima versione per chitarra e orchestra d’archi (musica per il videoclip omonimo)
  • 2009: Concerto per chitarra e orchestra. Esempio suonato da Johanna Beisteiner e l’Orchestra Sinfonica di Budapest sotto la direzione di Béla Drahos (Video, Gramy Records, 2010)
  • 2009: Il Milonguero e la Musa (Tango), seconda versione per flauto, chitarra e orchestra d’archi. Esempio suonato da Béla Drahos, Johanna Beisteiner e l’Orchestra Sinfonica di Budapest (Video, Gramy Records 2010)
  • 2010: Valzer per chitarra sola

Colonne sonore[modifica | modifica sorgente]

  • Truce (USA 2004, regia: Matthew Marconi)
  • The Boy Who Cried (USA 2005, regia: Matt Levin)
  • S.O.S. Love! (HU 2007, regia: Tamás Sas)
  • Atom Nine Adventures (USA 2007, regia: Christopher Farley)
  • 9 and a half dates (HU 2007, regia: Tamás Sas)
  • Themoleris (HU 2007, regia: Balázs Hatvani)
  • Bamboo Shark (USA 2008; regia: Dennis Ward)
  • Outpost (USA 2008; regia: Dominick Domingo)
  • Made in Hungaria (HU 2008, regia: Gergely Fonyo)
  • Illusions (HU 2009, regia: Zsolt Bernáth)
  • Night of Singles (HU 2010, regia: Tamás Sas)
  • Truly Father (HU 2010, regia: Emil Novák)
  • Thelomeris (HU 2011, regia: Balázs Hatvani). Esempio dell’introduzione City of Time
  • Gingerclown (Hu 2013, regia: Balázs Hatvani)
  • Tom Sawyer & Huckleberry Finn (USA 2014, regia: Jo Kastner)

Discografia (lista incompleta][modifica | modifica sorgente]

CD[modifica | modifica sorgente]

  • 1997: Winners of the First International Composers Competition[8] (Kodály Foundation, CD BR 0156, Budapest, Ungheria): album con il Concerto per pianoforte No. 1
  • 2001: Johanna Beisteiner - Dance Fantasy: album con Ballo dei fatti/Fairy Dance per chitarra sola
  • 2004: Johanna Beisteiner - Between present and past: album con il Capriccio per chitarra e pianoforte
  • 2007: Atom Nine Adventures (Original Motion Picture Soundtrack), Esempio nel sito web Moviescore Media
  • 2007: S.O.S. Love (Original Motion Picture Soundtrack)[9]

DVD[modifica | modifica sorgente]

  • 2010: Johanna Beisteiner - Live in Budapest: album con la prima esecuzione mondiale del Concerto per chitarra e orchestra e il tango Il Milongaro e la Musa, interpreti: Johanna Beisteiner e l’Orchestra Sinfonica di Budapest sotto la direzione di Béla Drahos

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Biografia di Robert Gulya nel suo sito web ufficiale
  2. ^ *Sito web delle Éditions BIM
  3. ^ Interview with Robert Gulya Robert Gulya parla sul suo lavoro con Johanna Beisteiner ed il concerto composto per lei. Video. Gramy Records. 2010. (ungherese con sottotitoli inglesi)
  4. ^ Sito web ufficiale di Interscore LTD con una biografia di Robert Gulya
  5. ^ 2008 AOF Results
  6. ^ Winners of the first international composers competition In memoriam Zoltán Kodály
  7. ^ Sito web di International Summer Academy Prague-Vienna-Budapest
  8. ^ Articolo sul disco scritto da Bob Barnett
  9. ^ Informazione nel sito web Magneoton

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 14486209 LCCN: no2004078238