Robert Fisk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Fisk

Robert Fisk (Maidstone, 12 luglio 1946) è un giornalista britannico.

È corrispondente dal Medio Oriente per il quotidiano britannico The Independent. Da circa 25 anni risiede nella capitale libanese Beirut.

Figlio di un ex soldato inglese della prima guerra mondiale, Robert Fisk studiò giornalismo in Inghilterra e in Irlanda. Lavorò come corrispondente in Irlanda, Ulster e Portogallo. Dal 1976 lavorò nel Medio Oriente, prima come corrispondente del The Times e successivamente come corrispondente per il quotidiano The Independent.

I suoi maggiori lavori riguardarono la guerra civile libanese (lanciato nel 1975), l'invasione sovietica dell'Afghanistan (1979), la guerra Iraq-Iran (1980-1988), l'invasione israeliana del Libano (1982), la guerra civile in Algeria e le guerre balcaniche. Seguì il conflitto israelo-palestinese, fu sul fronte della Prima Guerra del Golfo Persico (1990-1991) e la Seconda Guerra del Golfo Persico (2003).

Ha contribuito alla diffusione internazionale delle notizie riguardanti i massacri della guerra civile algerina, degli omicidi di Saddam Hussein, delle rappresaglie israeliane durante l'Intifada palestinese e le attività del governo degli Stati Uniti in Afghanistan e in Iraq.

Il New York Times lo descrive come "probabilmente il più famoso corrispondente estero britannico".[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bronner, Ethan, A Foreign Correspondent Who Does More Than Report, 19 novembre 2005. URL consultato il 19 luglio 2006.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84206273 LCCN: n83071178