Robert Emmet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Emmet

Robert Emmet (Dublino, 4 marzo 1778Dublino, 20 settembre 1803) è stato un patriota irlandese.

Membro dell'associazione United Irishmen, incontrò Napoleone e Talleyrand a Parigi nel 1802, dai quali seppe dell'ipotesi di invasione dell'Inghilterra. Rientrato a Dublino, organizzò un'insurrezione armata, che scoppiò il 23 luglio 1803, con l'uccisione del viceré Arthur Wolfe Kilwarden e del nipote. La rivolta fallì ed Emmet fu arrestato, processato e impiccato.[1]

Discendenti[modifica | modifica sorgente]

Tra i suoi discendenti, il commediografo statunitense Robert E. Sherwood (1896-1955).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Robert Emmet su treccani.it.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 57548500 LCCN: n83022127