Robert David Steele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert David Steele Vivas

Robert David Steele Vivas (New York, 16 luglio 1952) è un informatico statunitense, conosciuto per la sua promozione dell'open source intelligence (OSINT).[1].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Con il padre dirigente in una società petrolifera trascorre i suoi primi vent'anni tra l'America Latina e l'Asia. Steele ha un BA in Scienze Politiche; un MA in Relazioni Internazionali; e un MPA in Pubblica Amministrazione. Ha lavorato nell'ambasciata americana di El Salvador durante la guerra civile come funzionario politico e poi diretto a Washington un team sulla politica estera. Ha rappresentato i marines in diversi apparati di intelligence, continuando anche dopo il congedo da civile con la ricerca nell'intelligenza artificiale e nella strategia cognitiva.[2]

È comunemente associato[3] con l'open source intelligence movement e coniò i termini "virtual intelligence" e "information peacekeeping". Egli sostiene che l'U.S. intelligence necessita di riforme, e che il settore privato può eseguire un'elevata percentuale di servizi nell'U.S. open source intelligence e ridurre quindi i costi del Governo federale degli Stati Uniti d'America. Egli ritiene "l'Intelligenza collettiva" o "la saggezza della folla" (come Howard Rheingold definisce "smart mobs") che nei manifesti della sottocultura Hacker è considerata una "risorsa nazionale".

Steele è un sostenitore internazionale dell'OSINT, documentando entrambi i rapporti, anche se ignorato fin di recente, nella sua decennale esperienza da advocacy per una corretta impostazione degli interessi nazionali nell'OSINT dal 1988 ad oggi; sostiene pure che la CIA ha rifiutato di prendere sul serio le informazioni open source per decenni, e non dovrebbe essere incaricata di sviluppare nuove capacità che le sono completamente estranee alla sua attuale cultura basata sul segreto.[4]

Opere pubblicate[modifica | modifica sorgente]

  • On Intelligence: Spies and Secrecy in an Open World (AFCEA, 2000). ISBN 0-9715661-0-0.
  • The New Craft of Intelligence: Personal, Public, & Political (OSS, 2002). ISBN 0-9715661-1-9.
  • Peacekeeping Intelligence: Emerging Concepts for the Future (OSS, 2003). Contributing editor with Ben de Jong and Wies Platje. ISBN 0-9715661-2-7.
  • Information Operations: All Information, All Languages, All the Time (OSS, 2005). ISBN 0-9715661-3-5.
  • The Smart Nation Act: Public Intelligence in the Public Interest (OSS, 2006). ISBN 0-9715661-4-3.

Apparizioni video[modifica | modifica sorgente]

  • Steele è in prima linea nel documentario del 2007 American Drug War: The Last White Hope.
  • È apparso anche in due documentari francesi: Les Hackers (English translation: Hackers), del National Geographic Channel, CIA Guerres Secretes (di William Karel) e Le Monde selon Bush (English translation: The World according to Bush di William Karel), per il canale televisivo Paris Première.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wired article How to Restore Spies Credibility: Go Open Source published December 14, 2007
  2. ^ Alvin e Heidi Toffler, La guerra disarmata, da Robert D. Steele, p. 230.
  3. ^ Alvin e Heidi Toffler La guerra disarmata, da Robert D. Steele, p. 232.
  4. ^ Alvin e Heidi Toffler La guerra disarmata, da Robert D. Steele, p. 231.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 25840162

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie