Robert Byron

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Robert Byron (Londra, 26 febbraio 190524 febbraio 1941) è stato uno scrittore inglese di viaggi, conosciuto particolarmente per il suo "La via per l'Oxiana". Fu anche un notevole scrittore, critico d'arte e storico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Byron nacque nel 1905 e studiò a Eton e poi ad Oxford da dove fu espulso per i suoi atteggiamenti ribelli. Morì nel 1941, durante la seconda guerra mondiale, quando la nave su cui viaggiava verso l'Egitto, fu silurata da un U-Boat tedesco al largo di Capo Wrath in Scozia.

Il libro di Byron The Road to Oxiana è considerato da molti scrittori di viaggio (tra cui il famoso Bruce Chatwin) come uno dei migliori esempi di letteratura di viaggio. È il racconto di un viaggio di 10 mesi di Byron in Persia e Afghanistan negli anni 1933-34 in compagnia del suo amico scrittore Christopher Sykes. Byron, in passato, aveva viaggiato molto in varie parti del mondo: Monte Athos, India, Unione Sovietica, Tibet. Tuttavia fu durante questo viaggio in Persia ed Afghanistan alla ricerca delle origini dell'arte selgiuchide che egli inventò lo stile di scrittura di viaggio moderno per cui divenne famoso.

Il critico letterario Paul Fussell scrisse nel suo libro del 1982 Abroad: British Literary Traveling Between The Wars che La via per l'Oxiana è per i libri di viaggio quello che "l'Ulisse è per il romanzo tra le due guerre e che La terra desolata è per la poesia." Lo scrittore di viaggi Bruce Chatwin ha descritto il libro come "un testo sacro, al di là di ogni possibile critica" e portato la sua copia "ormai senza dorso e copertina" come guida e conforto in quattro viaggi attraverso l'Asia Centrale.

Tuttavia, ai suoi tempi, ai libri di viaggio di Byron furono di gran lunga preferiti quelli di scrittori come Peter Fleming ed Evelyn Waugh.

L'amore per l'architettura è un importante elemento negli scritti di Byron e si batté spesso per la cura e la tutela di edifici e templi storici. Fu uno dei fondatori del Gruppo Georgiano. Fu un pioniere del rinnovato interesse nella Storia Bizantina e fu chiamato 'uno dei primi e più brillanti filoelleni del ventesimo secolo'[1].

Partecipò all'ultimo Rally di Norimberga, nel 1938, con la famosa simpatizzante nazista Unity Mitford. Byron la conosceva data l'amicizia con sua sorella Nancy Mitford, ma egli fu sempre un fermo oppositore del nazismo.

Il grande amore di Byron, sebbene non corrisposto, fu per Desmond Parsons, fratello più giovane del sesto Conte di Rosse, che era considerato uno degli uomini più attraenti della sua generazione. Vissero insieme a Pechino, nel 1934, dove Desmond contrasse il morbo di Hodgkin del quale morì a Zurigo nel 1937 a soli 26 anni. Byron fu estremamente afflitto da questo evento.

Byron morì a 35 anni nel 1941 dopo che la sua nave, la S.S. Jonathan Holt, fu silurata da un U-Boat nel Nord Atlantico. Il suo corpo non fu mai ritrovato.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il principe Carlo d'Inghilterra ha letto prose di Byron al canale BBC Radio 4 in occasione del "giorno della poesia"[2] (ottobre 2006).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • L'Europa vista dal parabrezza (Europe in the Looking-Glass. Reflections of a Motor Drive from Grimsby to Athens), 1926
  • The Station, 1928 - visita ai monasteri greci di Monte Athos
  • The Byzantine Achievement, 1929
  • Birth of Western Painting. A History of colour, form and iconography. G. Routledge, 1930.
  • Il giudizio sull'architettura (The Appreciation of Architecture), 1932
  • Gente di pianura, dei della montagna. Prima la Russia, poi il Tibet. (First Russia, Then Tibet), 1933
  • La via per l'Oxiana (The Road to Oxiana), 1937 - viaggio in Persia e Afghanistan
  • Imperial Pilgrimage, 1937 - piccola guida di Londra da "London in your pocket series". London, London Passenger Transport Board, (1937)
  • Letters home edito da sua sorella Lucy Butler. London, John Murray, 1991. ISBN 0-7195-4921-3

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Norwich, Bisanzio, p. 417
  2. ^ BBC - Radio 4 - Today Programme Arts Report

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 2508588 LCCN: n81102634