Robert Bates

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Robert Hinrichs Bates (1942) è un economista statunitense.

Curatore nel 1981 del rapporto Bates, in cui ha evidenziato gli effetti perversi (come la creazione di rendite o l'incoraggiamento alla corruzione) delle politiche agrarie contro la fluttuazione dei mercati mondiali nell'esperienza post-coloniale africana[1], è attualmente professore alla Graduate School of Arts and Sciences dell'Università Harvard, membro dell'American Academy of Arts and Sciences dal 1991 e della Political Instability Task Force del governo statunitense, ricercatore dell'Africa Economic Research Consortium di Nairobi e professore associato dal 2000 della Scuola di economia di Tolosa.

In oltre quarant'anni di studi (influenzati specialmente dalle opere di Charles Tilly e David Friedman) e di ricerche sul campo (in Sudan, Uganda, Kenya, Colombia, Brasile e, quella più significativa, nelle campagne dello Zambia), si è guadagnato la reputazione di uno dei maggiori esperti di politica ed economia dei Paesi africani. Particolarmente noti a livello internazionale sono i suoi studi sulla politica economica e sullo sviluppo in tali nazioni[2] e, più in generale, sullo sfruttamento dei paesi del terzo mondo.[3]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Unions, parties, and political development. A study of mineworkers in Zambia, New Haven, Yale University Press, 1971. ISBN 0-300-01403-1.
  • Rural responses to industrialization. A study of village Zambia, New Haven, Yale University Press, 1976. ISBN 0-300-01920-3.
  • Agricultural development in Africa. Issues of public policy (con Michael F. Lofchie), New York, Praeger, 1980. ISBN 0-03-056173-6.
  • Markets and States in Tropical Africa. The Political Basis of Agricultural Policies, Berkeley, University of California Press, 1981. ISBN 0-520-05229-3.
  • Essays on the Political Economy of Rural Africa, Cambridge, Cambridge University Press, 1983. ISBN 0-521-24563-X.
  • Toward a political economy of development. A rational choice perspective, Berkeley, University of California Press, 1988. ISBN 0-520-06052-0.
  • Beyond the miracle of the market. The political economy of agrarian development in Kenya, Cambridge, Cambridge University Press, 1989. ISBN 0-521-43792-X.
  • Political and economic interactions in economic policy reform. Evidence from eight countries (con Anne O. Krueger), Oxford, Blackwell, 1993. ISBN 1-557-86340-7.
  • Africa and the disciplines. The contributions of research in Africa to social sciences and humanities (con Valentin Yves Mudimbe e Jean F. O'Barr), Chicago, University of Chicago Press, 1993. ISBN 0-226-03900-5.
  • Open-economy politics. The political economy of the world coffee trade, Princeton, Princeton University Press, 1996. ISBN 0-691-02655-6.
  • Analytic narratives (con Avner Greif, Margaret Levi, Jean-Laurent Rosenthal e Barry Weingast), Princeton, Princeton University Press, 1998. ISBN 0-691-00129-4.
  • Prosperity and violence. The political economy of development, New York, Norton, 2001. ISBN 0-393-05038-6.
  • Beyond the miracle of the market. The political economy of agrarian development in Kenya, Cambridge, Cambridge University Press, 2005. ISBN 0-521-61795-2.
  • When things fell apart. State failure in late-century Africa, Cambridge, Cambridge University Press, 2008. ISBN 9780-521-71525-6.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Federico Bonaglia e Kiichiro Fukasaku, Trading competitively. A study of trade capacity building in sub-saharan Africa, Parigi, OCSE, 2002, pp. 27, 35 e 171. ISBN 9-264-09958-1. Consultabile su Google libri.
  2. ^ a b Il mal d'Africa visto da Harvard in vita.it, Società Editoriale Vita S.p.A., 5 dicembre 2008. URL consultato il 24 novembre 2009.. È la recensione del volume When things fell apart, in cui Bates analizza il "crollo" degli stati africani negli anni novanta.
  3. ^ (EN) Robert Bates on the Politics of Coffee, Small-N Studies, and the Crumbling Definition of the State in Theory Talks, Peer Schouten, 19 dicembre 2008. URL consultato il 24 novembre 2009.
    Intervista a Bates sulle relazioni internazionali, la formazione degli stati e il suo metodo di lavoro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]