Ritratto di una Sforza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

.

Ritratto di una Sforza ("Bella principessa")
Ritratto di una Sforza ("Bella principessa")
Autore Leonardo da Vinci?
Data 1495 circa
Tecnica gesso e inchiostro su pergamena
Dimensioni 33 cm × 23,9 cm 
Ubicazione Collezione privata, Canada?

Il Ritratto di una Sforza (detto Bella principessa) è un dipinto a gesso e inchiostro, matita nera, matita rossa e biacca su pergamena (33x23,9 cm) attribuito a Leonardo da Vinci, databile al 1495 circa e conservato in una collezione privata, forse in Canada. Si tratta della più recente attribuzione che riguarda Leonardo, scaturita in seguito a una serie di indagini scientifiche del 2009 che avrebbero ritrovato un'impronta digitale sull'opera altamente compatibile con altre conosciute dell'artista, in particolare sul San Girolamo della Pinacoteca Vaticana.

Storia e descrizione[modifica | modifica sorgente]

Si ignorano le circostanze originarie della produzione del ritratto, che è applicato su un supporto ligneo su cui sono visibili due timbri della dogana francese. La prima pubblicazione risale al 1998, quando passò a un'asta di Christie's a New York, con l'attribuzione a un artista del XIX secolo, con una stima tra i 12.000 e i 16.000 dollari. Ceduto dalla vedova dell'antiquario fiorentino Giannino Marchig, in quell'occasione venne acquistata dal collezionista canadese Peter Silverman per un prezzo finale di 21.850 dollari.

In seguito prese strada l'ipotesi di un'attribuzione a Leonardo, che ha condotto a una serie di indagini scientifiche dai risultati sorprendenti. In alto a sinistra è stata infatti scovata, tramite una fotocamera multispettrale della Lumiére Technology Company, un'impronta digitale che è stata poi confrontata con altre conosciute di Leonardo: l'artista infatti notoriamente sfumava le sue opere con i polpastrelli, per raggiungere quel tipico effetto di luce soffusa e colori morbidamente amalgamati in cui era impossibile scovare qualsiasi traccia della pennellata. Se ne conoscono infatti sull'Annunciazione e sul San Girolamo e da quest'ultimo infatti è stata rilevata un'impronta di dito indice o medio che risulta compatibile con quella della "Bella principessa". Dopotutto il San Girolamo è ritenuto un'opera completamente autografa, dipinta dal maestro quando ancora era giovane e non aveva assistenti.

Si è proceduto anche a un esame al radiocarbonio del supporto, che ha confermato un'antichità della pergamena circoscrivibile entro il 1440 e il 1650, compatibile quindi con la produzione di Leonardo. L'esame ai raggi infrarossi, infine, ha evidenziato una serie di pentimenti e di similitudini con la Testa di donna di profilo di Leonardo nella Royal Library del Castello di Windsor. Il tratteggio che procede da sinistra è tipico di Leonardo

Si è cercato quindi di collocare l'opera nella biografia leonardiana, assegnandola, su base stilistica e cercando tracce documentarie, al primo soggiorno milanese dell'artista. L'opera potrebbe raffigurare Bianca Sforza (1482-1496), figlia naturale (poi legittimata) primogenita di Ludovico il Moro e Bernadina de Corradis, andata in sposa a Galeazzo Sanseverino, capitano delle armate di Ludovico il Moro, nel gennaio 1496 e morta nel novembre dello stesso anno. Nel Ligny Memorandum di Jean Perréal, artista di corte che visitò Milano nel 1494, è ricordato l'incontro con Leonardo, che più volte gli chiese ragguagli sull'uso del gesso e della pergamena, forse proprio perché doveva attendere a un'opera del genere. La scelta della pergamena potrebbe spiegarsi con la possibilità che il ritratto facesse parte di un libro di poesie, magari facendo da copertina, come testimonierebbero tre fori lungo il bordo.

Con la nuova attribuzione la quotazione del dipinto è vertiginosamente salita a 107 milioni di euro. L'opera è stata esposta per la prima volta, dal 20 marzo al 15 agosto 2010, nell'Eriksbergshallen di Goteborg, in Svezia; nel frattempo, stando alle fonti giornalistiche, il dipinto avrebbe cambiato proprietario, ma non è stato divulgato dove sia conservato. Sulla Principessa e le sue vicende ha scritto un libro Martin Kemp, professore emerito di storia dell'arte a Oxford, tra i massimi esperti di Leonardo.[1] È stato lui a proporre il nome di Bianca Sforza, per esclusione.

Gli ha fatto eco in Italia Carlo Pedretti, altro storico esperto leonardiano, che si è dimostrato perplesso ma non assolutamente scettico: in particolare non lo convince il vestito della donna, con un ricamo della manica non pertinente all'epoca rinascimentale, privo dei tipici lacci che rendevano le maniche intercambiabili; impeccabile, secondo lui, è invece l'acconciatura lombarda col "coazzone" tenuto da legacci, e il profilo della giovane, con l'occhio vivo ed espressivo, compatibile coi disegni leonardeschi del tempo. Nel 2008 hanno confermato l'attribuzione un gotha di studiosi, tra cui Nicholas Turner, Alessandro Vezzosi, Mina Gregori e Cristina Geddo.

Il ritrovamento del codice[modifica | modifica sorgente]

Nel settembre 2011 Martin Kemp e Pascal Cotte, basandosi sull’analisi dei fori di legatura, hanno identificato il codice da cui il foglio sarebbe stato strappato: si tratta di una copia di un incunabolo stampato a Milano presso Antonio Zarotto nel 1490, la Sforziada di Giovanni Simonetta (Commentarii rerum gestarum Francisci Sfortiae, nella traduzione di Cristoforo Landino), conservata a Varsavia presso la biblioteca nazionale polacca (Biblioteka Narodowa) con la segnatura Inc. F. 1378.[2] Il volume reca un frontespizio miniato opera di Giovanni Pietro Birago contenente allusioni alle nozze del suo probabile possessore, Galeazzo Sanseverino, con Bianca Sforza. Sequestrato durante il sacco di Milano del 1499, l’esemplare sarebbe passato nelle collezioni reali francesi per poi essere donato da Francesco I di Francia a Sigismondo I di Polonia in occasione delle sue nozze con Bona Sforza, nel 1518. La sua collocazione attuale si deve a Jan Zamoyski.[3][4] Tale ipotesi conferma, secondo i due studiosi, l’identità dell’effigiata.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Martin Kemp, Pascal Cotte, Leonardo da Vinci. The Profile Portrait of a Milanese Woman, con contributi di Peter Paul Biro, Eva Schwan, Claudio Strinati, Nicholas Turner, London, Hodder & Stoughton, 2010.
  2. ^ Polona
  3. ^ Sforziada Owners
  4. ^ Per gli altri esemplari noti dell’incunabolo si veda http://istc.bl.uk/search/search.html?operation=record&rsid=673797&q=0; un frontespizio miniato è presente anche nelle copie della British Library e della Bibliothèque nationale de France; i frammenti di un quarto si conservano al Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi.
  5. ^ Pascal Cotte, Martin Kemp, La Bella Principessa and the Warsaw Sforziad

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Stefano Bucci, L'impronta digitale sulla principessa «È di Leonardo», Corriere della Sera, 14 ottobre 2009, pag. 27.
  • Francesca Pini, Profilo da Principessa, il Leonardo ritrovato, Corriere della Sera, 28 settembre 2011, pag. 43.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]