Ritratto del cardinale Ludovico Trevisan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto del cardinale Ludovico Trevisan
Ritratto del cardinale Ludovico Trevisan
Autore Andrea Mantegna
Data 1459-1460
Tecnica tempera su tavola
Dimensioni 44,8 cm × 33,9 cm 
Ubicazione Gemäldegalerie, Berlino

Il Ritratto del cardinale Ludovico Trevisan è un dipinto tempera su tavola (44,8x33,9 cm) di Andrea Mantegna, databile al 1459-1460 e conservato nella Gemäldegalerie di Berlino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'identificazione del cardinale Ludovico Trevisan è confermata da varie copie dell'opera, come quella già nella collezione Bromley Davenport correlata del nome dell'uomo, dei suoi titoli e del suo stemma, oppure da una medaglia attribuita a Cristofoto di Geremia, o ancora da un'incisione inserita nel 1630 da J. P. Tommasini nell'Illustrium virorum elogia, in cui si riporta anche come il ritratto appartenesse al padovano Francesco Leone.

Il cardinale Trevisan, poi noto anche come Scarampi Mezzarota, partecipò al concilio di Mantova nel 1459, e il ritratto venne commissionato al Mantegna quando si trovava ancora a Padova, poco prima di stabilirsi definitivamente a Mantova.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Il cardinale è ritratto in una posa di tre quarti su sfondo scuro, con forti effetti di chiaroscuro che enfatizzano la volumetria della figura, facendone una sorta di busto alla romana tradotto in pittura. Lo sguardo serio e concentrato e il dettaglio delle labbra serrate sottolineano il carattere risoluto dell'uomo. Il volto è caratterizzato da un'attenta indagine fisiognomica, che registra l'età avanzata dell'uomo, senza dimenticare gli attributi del suo status sociale, indicati dalla veste, minutamente descritta anche nelle pieghette della stoffa, e nella chierica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tatjana Pauli, Mantegna, serie Art Book, Leonardo Arte, Milano 2001. ISBN 9788883101878
  • Alberta De Nicolò Salmazo, Mantegna, Electa, Milano 1997.