Ritorno a Eden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritorno a Eden
Titolo originale Return to Eden
Paese Australia, Stati Uniti d'America
Anno 1983-1986
Formato serial TV
Genere drammatico, soap opera
Stagioni 2
Puntate 3 + 22
Durata 90 min. (ep., s. 1)/45 min. (ep., s. 2)
Lingua originale Inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1.33:1
Colore colore
Audio sonoro
Crediti
Ideatore Michael Laurence
Regia Karen Arthur (s. 1)
Kevin James Dobson (s. 1)
Michael Falloon (s. 2)
Tim Burstall (s. 2)
Kevin James Dobson (s. 2)
...
Sceneggiatura Michael Laurence (s. 1-2)
Christine McCourt (s. 2
David Phillips (s. 2)
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Dean Semler (s. 1)
Montaggio David Huggett (s. 1)
Musiche Brian May
Scenografia Owen Williams (s. 1)
Costumi Robyn Richards (s. 1)
Produttore Hal McElroy
Michael Laurence
Tim Sanders
Casa di produzione Hanna-Barbera Australia/McElroy & McElroy/Network Ten/Eden Productions
Prima visione
Prima TV Australia
Dal 27 settembre 1983
Al 6 giugno 1986
Rete televisiva Network Ten
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal luglio 1987
Al 1987
Rete televisiva Canale 5

Ritorno a Eden (Return to Eden) è un serial televisivo australiano, creato da Michael Laurence[1][2] e prodotto tra il 1983 e il 1986 dalla McElroy & McElroy/Eden Productions[3][4][5], che vede come protagonisti gli attori Rebecca Gilling e James Smillie .[1][2][3][6][7][8][9][10][11][12][13].
Nel cast figurano inoltre Wendy Hughes (prima stagione), Peta Toppano (seconda stagione), James Reyne (prima stagione) e Daniel Albinieri.[1][2][3][6][7][8][9][10][11][12][13]

Il serial si compone di una miniserie in 3 puntate, prodotta nel 1983 e che si può considerare come la prima stagione, e del serial vero e proprio, prodotto nel 1986 con un cast in gran parte rivoluzionato e che si compone di 22 episodi.[1][2][3][6][7][8][10][14][15][16][17][18][19]

In Australia, la fiction è stata trasmessa da Network Ten.[3][6]
La prima stagione/miniserie è stata trasmessa per la prima volta dal 27 settembre[1] (o 29 settembre[6][14][16]) al 13 ottobre 1983[14][16], la seconda stagione dall'11 febbraio[2] (o 9 febbraio[10] o 10 febbraio[15][17]) al 6 giugno 1986[6][15][17]

In Italia la fiction è stata trasmessa per la prima volta da Canale 5[3] a partire dal luglio del 1987[20].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[7][8][9][11][12][16][18][21][modifica | modifica wikitesto]

Sydney, Australia: Stephanie Harper, una donna di mezza età erede di un immenso patrimonio, sposa in terze nozze il giovane tennista di fama internazionale Greg Marsden, pluricampione a Wimbledon.
Il matrimonio viene celebrato nonostante il parere contrario dei figli di Stephanie, Dennis e Sarah: i due infatti dubitano sulle reali intenzioni di Greg, e non a torto, visto che quest'ultimo progetta di uccidere la Harper, per impossessarsi del suo patrimonio.

Durante la luna di miele a Eden, la tenuta di proprietà di Stephanie, i neo-sposi effettuano una gita in barca sul fiume: nel corso dell'escursione, Marsden getta la Harper in acqua, facendola finire tra le fauci di alcuni coccodrilli.

Convinto che la moglie sia morta e dopo aver fatto passare l'accaduto per un incidente, Marsden entra in possesso delle proprietà della Harper, godendosi la sua relazione con Jilly Stewart, amica di Stephanie.

Stephanie però è sopravvissuta e si ristabilisce grazie alle cure del Dott. Dan Marshall, che in seguito le ricostruisce il volto sfigurato, facendola diventare, tra l'altro, una bellissima donna.

Dopo un po' di tempo, la Harper può fare così ritorno nell'alta società di Sydney sotto le mentite spoglie della modella Tara Welles con l'intenzione di vendicarsi di Greg, che ovviamente non la può riconoscere.

Nel frattempo, Stephanie/Tara vive una storia d'amore con il Dottor Marshall.

Seconda stagione[7][8][12][17][19][modifica | modifica wikitesto]

Sono passati sette anni e Stephanie si è risposata con Dan ed è proprietaria del più grande impero economico di tutta l'Australia.

Nel frattempo, Jilly Stewart, ex-amica di Stephanie, esce di prigione con l'intento di uccidere quest'ultima, alleandosi con Jake Sanders.

Produzione e backstage[modifica | modifica wikitesto]

  • La prima stagione è stata girata tra Sydney, Arnhem Land e il Queensland[22], mentre la seconda stagione è stata girata prevalentemente a Sydney, con gli interni girati nei McElroy & McElroy Studios[23]

Titoli della fiction nei vari Paesi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e IMDb: Ritorno a Eden (1983)
  2. ^ a b c d e IMDb: Return to Eden (1986)
  3. ^ a b c d e f g Antonio Genna - Il mondo dei doppiatori: Ritorno a Eden
  4. ^ Return to Eden (TV Mini-Series 1983) - Company credits - IMDb
  5. ^ Return to Eden (TV Series 1986– ) - Company credits - IMDb
  6. ^ a b c d e f TV Rage: Return to Eden
  7. ^ a b c d e f Fernsehserien: Rückkehr nach Eden
  8. ^ a b c d e f Wunschliste: Rückkehr nach Eden
  9. ^ a b c d MyMovies: Ritorno a Eden (1983)
  10. ^ a b c d National Film & Sound Archive: Return to Eden
  11. ^ a b c d Notre Cinéma: La Vengeance aux deux visages (1983)
  12. ^ a b c d Cinédestin
  13. ^ a b TV Rage: Return to Eden - Cast
  14. ^ a b c TV Rage: Episode List > Season 1
  15. ^ a b c TV Rage: Return to Eden - Episode List > Season 2
  16. ^ a b c d TV Rage: Return to Eden - Episode Guide > Season 1
  17. ^ a b c d TV Rage: Return to Eden - Episode Guide > Season 2
  18. ^ a b Rückkehr nach Eden - Teil 1
  19. ^ a b Rückkehr nach Eden - Teil 2
  20. ^ Daniela Brancati, L' ESTATE, ASPETTANDO LA GUERRA D' AUTUNNO, in: La Repubblica, 26 giugno 1987
  21. ^ IMDb.com: Return to Eden (1983) - Plot Summary
  22. ^ IMDb: Ritorno a Eden (1983) - Luoghi delle riprese
  23. ^ IMDb: Return to Eden (1986) - Luoghi delle riprese
  24. ^ IMDb: Return to Eden(1986) - Date di uscita
  25. ^ SERIALU.NET: Возвращение в Эдем

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei serial televisivi trasmessi in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione