Ritchie Blackmore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Non ho mai sentito un chitarrista suonare come Ritchie Blackmore. »
(Bryan Adams[1])
Ritchie Blackmore
Ritchie nel 1970, durante un concerto con i Deep Purple
Ritchie nel 1970, durante un concerto con i Deep Purple
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Hard rock[2]
Heavy metal[2]
Folk rock[2]
Musica celtica[2]
Musica rinascimentale[3]
Periodo di attività 1960 – in attività
Strumento Chitarra
Gruppo attuale Blackmore's Night
Gruppi precedenti Deep Purple
Rainbow

Ritchie Blackmore, nome completo Richard Hugh Blackmore (Weston-super-Mare, 14 aprile 1945), è un chitarrista inglese, fra i più celebri e influenti della storia del rock, ritenuto fra i più importanti per aver contribuito sotto diversi aspetti e/o generi musicali alla definizione della chitarra hard rock ed heavy metal. Ha militato nei Deep Purple e nei Rainbow, gruppo da lui fondato; dal 1997 è impegnato nel progetto Blackmore's Night, assieme alla moglie Candice Night.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Di origini gallesi per ramo paterno[4], a due anni si trasferisce a Heston nei pressi dell'Aeroporto di Heathrow, dove trascorre la sua infanzia ed adolescenza[5]. In questo periodo comincia ad appassionarsi alla musica, ascoltando Radio Luxembourg[6], attraverso la quale conosce brani come Rock Around the Clock di Bill Haley o Hound Dog di Elvis Presley, che sono tra i suoi primi dischi acquistati[6], ma soprattutto rimane folgorato da artisti come Buddy Holly e Duane Eddy, ovvero le sue prime influenze chitarristiche[6], anche se la visione di Tommy Steele nel programma televisivo della BBC Six-Five Special (1957-58[7]), a detta dello stesso Blackmore, fu decisiva per il suo approccio al Rock 'n' roll[8]. Intorno agli undici anni entra in possesso della sua prima chitarra, regalatagli dal padre[6], il quale gli impone di prendere lezioni da un'insegnante di musica classica, che Ritchie frequenta per circa un anno[6]. Verso la fine degli anni cinquanta, come molti altri connazionali della sua generazione, viene influenzato dalla musica Skiffle[9], ed in particolare da artisti come Lonnie Donegan e Wally Whyton[9], tant'è che il primo complessino nel quale entra, ovvero il 2 I's Junior Skiffle Group[9], è specializzato in questo stile musicale; in questo gruppo tuttavia, per abbondanza di chitarristi nonché giudicato di talento inferiore dagli altri membri[9], è relegato a suonare "strumenti poveri" come la dog box o la washboard[9]. In quel periodo Blackmore però privilegia l'ascolto e lo studio di chitarristi come Jimmy Bryant e Speedy West o Scotty Moore e James Burton[10]; fondamentale per la sua formazione di musicista è pure la frequentazione del suo vicino di casa Big Jim Sullivan, al tempo uno dei più apprezzati chitarristi di studio del mondo discografico britannico[10], che perfeziona la sua conoscenza delle tecniche strumentali del rock 'n' roll[11]. Il gruppo preferito del giovane Ritchie all'epoca dei suoi quindici anni sono i Nero & the Gladiators[12], celebri per il loro singolo In the Hall of the Mountain King, nei quali milita il chitarrista Colin Green[12]; ma il giovane musicista non trascura lo studio di importanti figure "extra rock" quali Les Paul, Django Reinhardt o Wes Montgomery[13].

Prime esperienze professionali[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver fatto parte di alcune band giovanili amatoriali come i Dominators[14], nel 1961 approda nei Mike Dee & the Jaywalkers, il suo primo complesso professionale[15], presto scritturato dall'agenzia George Cooper Organization[13]. Con questa formazione Blackmore registra il primo singolo Stolen Hours / My Blue Heaven per la Decca Records[16], che però rimarrà inedito[13], inoltre ha la possibilità di accompagnare Gene Vincent in tre concerti[17]. Nell'aprile del 1962, dopo un'intensa tournée, il gruppo si scioglie[18], ma dal maggio all'ottobre successivo[19] Blackmore sostituisce Bernie Watson negli Screaming Lord Sutch & the Savages[19]: ha quindi la prima grande occasione per mostrare il suo già notevole talento con una band di ottimi elementi[19]. Questa esperienza sarà fondamentale per la sua crescita come musicista nonché come uomo di spettacolo, in quanto dal leader del gruppo Ritchie apprende molti segreti del mestiere per tenere avvinta l'attenzione del pubblico[20]. Concluso il suo periodo con i Savages, il chitarrista entra subito negli Outlaws[21], al tempo ritenuti uno dei migliori gruppi rock britannici[21], coi quali rimarrà fino all'inizio del 1964[22]. Questa band, dal repertorio dapprima esclusivamente strumentale[23], effettua numerose tournée sia da attrazione principale quanto collettive, dove ha tra l'altro occasione di fungere da band di supporto per solisti del calibro di Jerry Lee Lewis e Gene Vincent[24]. Gli Outlaws partecipano al film musicale Live It Up! (uscito nel dicembre del 1963[25]) oltre ad innumerevoli session d'incisione per la RGM Productions di Joe Meek[26], sia come artisti principali quanto come turnisti per diversi cantanti pop tra i quali Heinz Burt, Glenda Collins e Freddie Starr[26]. In alcune occasioni il solo Blackmore è impiegato dal produttore per alcune registrazioni (tra le quali merita segnalare quella per Tommy Scott & The Senators, ovvero la futura popstar Tom Jones[27]), molte delle quali ad oggi ancora non pubblicate[28]. Prima di lasciare la band per formare i Wild Ones, ovvero il complesso fisso di Heinz Burt, il chitarrista fa in tempo ad incidere il singolo Keep A-Knocking / Shake With Me: secondo il celebre deejay britannico John Peel, il lato b del 45 giri rappresenta il primo esempio di heavy metal apparso su disco[29].

Con i Wild Ones (in seguito rinominati Wild Boys[30]) suona dall'Aprile 1964[31] al Febbraio 1965[32], prendendo parte all'incisione del brano Questions I Can't Answer[33], pubblicato nel Novembre 1964[34]; separatosi artisticamente da Burt milita per circa un mese con Neil Christian & The Crusaders[35], gruppo nel quale incontra Arvid Andersen e Jimmy Evans[35], futuri sodali in vari progetti artistici. Nel Marzo successivo rientra nei Savages portando con sé Andersen e Evans, per poi uscirne nuovamente circa due mesi dopo[36], facendo in tempo a prendere parte alle registrazioni del singolo The Train Kept A Rollin' / Honey Hush con la produzione ancora di Joe Meek[36], ed uscito per la CBS nel Giugno dello stesso anno[36].

Successivamente collabora, con alcuni ex membri degli Outlaws, all'incisione di vari brani sotto la produzione di Derek Lawrence[37], ex collaboratore di Meek; con la denominazione di Sessions, registra To Know Him Is to Love Him col trio femminile inglese delle Mermaids, prodotto da Kim Fowley[38]. Altri singoli incisi in questo periodo sono Satan's Holiday / Earth Shaker[38] (il lato B è il primo brano ufficialmente attribuito a Blackmore come autore[38]), pubblicati a nome Lancasters[38], e Little Brown Jug / Getaway, realizzato a nome del solo chitarrista[38]: sia Satan's Holiday quanto Getaway sono cover non dichiarate del classico In the Hall of the Mountain King[38], tanto caro al musicista inglese.

Inizia successivamente una stretta collaborazione con i colleghi Andersen e Evans dapprima come band di supporto di Jerry Lee Lewis per un ingaggio di quattro settimane allo Star-Club di Amburgo[39]); quindi i tre musicisti rientrati in Inghilterra e ribattezzatisi The Three Musketeers costituiscono un power trio ante litteram[40], col quale tornano nella città marittima tedesca per esibirsi nuovamente nel locale che aveva visto gli esordi dei Beatles nonché al Top Ten[41] fino al Gennaio 1966[42]. Segue un periodo altalenante tra soggiorni in patria, alternati a brevi ritorni in Germania[43], caratterizzato dalla partecipazione ad alcune incisioni, sempre sotto la direzione di Derek Lawrence, per conto terzi, tra i quali il cantante Ronnie Jones e i Soul Brothers[43]; in seguito i tre rientrano nei Crusaders, andando in tournée tra l'Aprile e il Luglio successivo[43].

Poco dopo su invito del batterista Ian Broad, ex sodale nei Wild Boys, Blackmore giunge in Italia con Andersen ed il giovane chitarrista ritmico Billy Gray, per un previsto ingaggio di un mese in un locale di Riccione[44], che però viene subito annullato[44]. Spostatisi a Milano, i quattro, battezzatisi The Trip, vengono scritturati come gruppo d'accompagnamento di Riki Maiocchi, da poco divenuto solista, per una serie di concerti[44]. Sulla durata del soggiorno italiano di Blackmore e sulle esibizioni di questo periodo esistono versioni discordanti: secondo Andersen solo in una serata il complesso accompagnò l'ex componente dei Camaleonti[45], effettuandone il resto senza il cantante[45], mentre per il numero di Novembre 1966 della rivista Noi Giovani[45], i quattro avrebbero suonato come backing band a Maiocchi per una tournée durante tutto il mese precedente (Ottobre), in locali come il meneghino Paips o il torinese Le Roi[45]; infine il chitarrista si ricorda di aver suonato in Italia solo per tre settimane[45]. Lasciati i compagni, per il ritorno forzato a Londra, determinato dalla richiesta di divorzio da parte della prima moglie[45], Ritchie dapprima rifiuta nuovamente di diventare membro fisso dei New Tornados[46], quasi certamente limitandosi ad incidere con loro due brani (No More You and Me ed Early Bird) rimasti inediti per circa 25 anni, quindi nel Dicembre suona per la terza volta nei Savages[47], rinominatisi Lord Caesar Sutch & The Roman Empire[47]; con quest'ultimi apre alcuni concerti dei Cream[48] e va in tour in Svezia dal Gennaio[49] all'inizio di Febbraio del 1967[50].

Per la terza volta nuovamente nei Crusaders, si reca ancora in tournée in Germania (Aprile dello stesso anno)[50], dove decide di trattenersi per quasi un anno[51], durante il quale registra My Baby Left Me e Yakety Yak per la casa discografica Deutsche Vogue[51], che verranno pubblicati come singoli nel 1968, esclusivamente sul mercato tedesco[51]: la formazione comprende Neil Christian, Arvid Andersen, Jimmy Evans e Nicky Hopkins[51]. In questa fase il chitarrista soggiorna ad Amburgo convivendo con la spogliarellista Bärbel "Babs" Hardie, che diverrà poi la sua seconda moglie[52]; inizialmente si limita a partecipare ad alcune jam session con i gruppi in cartellone allo Star Club[53], successivamente fonda una propria band, i Mandrake Root[53], della quale da principio fa parte il batterista Ricky Munro[53]. Il complesso subisce numerosi cambi di formazione, senza mai esibirsi dal vivo[54], come unica testimonianza della sua esistenza rimane il brano omonimo, che verrà successivamente inserito nel primo album dei Deep Purple.

Sciolto il gruppo, Blackmore rientra nella capitale britannica nell'inverno del 1967 accettando l'offerta di Chris Curtis, ex batterista dei Searchers, in cerca di validi musicisti per dar vita ai Roundabout[55], progetto nel quale è coinvolto anche il tastierista Jon Lord[56]. A causa di seri disturbi psichici, Curtis è costretto ad abbandonare il mondo della musica[55], così i due rimasti soli decidono di fondare la loro band, cercando altri musicisti per completare l'organico[55].

Successo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Deep Purple.

Nel 1968, ad appena 23 anni, fonda i Deep Purple insieme a Rod Evans (voce) Ian Paice (batteria), Jon Lord (tastiere) e Nick Simper al basso. La band è destinata a diventare insieme ai Led Zeppelin uno dei gruppi creatori dell'hard rock e con anche i Black Sabbath uno dei precursori dell'heavy metal. Blackmore vive lì il suo periodo di massima popolarità e contribuisce ad alcune delle opere più note del rock, come Deep Purple in Rock, Fireball o Machine Head, vere e proprie pietre miliari. Tra i famosi brani firmati Blackmore Smoke on the Water si distingue per il celeberrimo riff di chitarra entrato ben presto nell'immaginario collettivo. Ritchie diventa così uno dei chitarristi più importanti del periodo, a tutt'oggi difficilmente imitabile, e durante i concerti del gruppo può mostrare le sue impressionanti capacità di virtuoso. Sono famosi i diverbi tra Blackmore e lo storico cantante della Mark II, Ian Gillan. I due non si sono mai amati e la presenza dell'uno ha spesso allontanato l'altro dalla band per periodi più o meno lunghi.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Rainbow (gruppo musicale) e Blackmore's Night.

Nel 1975, Blackmore abbandona i Deep Purple e crea il suo nuovo progetto: i Rainbow. Anche questo gruppo è destinato alla fortuna e ospiterà, tra i vari musicisti che vi militeranno, anche Ronnie James Dio. Nel 1984 i Deep Purple si riuniscono e Blackmore scioglie i Rainbow per ritornarvi. Il nuovo debutto sarà segnato da Perfect Strangers. Tuttavia, nel '94 sempre per una lite con Gillan si ritira definitivamente dalla band e ricrea i Rainbow. La reunion dura solo un anno ma porta all'album Stranger in Us All. Dal 1997 sino ad oggi si dedica insieme a Candice Night al gruppo dei Blackmore's Night, il cui nome deriva da un gioco di parole tra il suo cognome e quello della moglie.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Volendo parlare dello stile chitarristico di Blackmore dobbiamo certamente suddividere la sua carriera in almeno tre periodi. Quello dei suoi primi anni, ovvero dal 1963 al 1974,il secondo periodo che va dal 1975 al 1996 circa, ed infine il periodo più recente dal 1997 ad oggi. Il Blackmore del primo periodo risente di un forte orientamento blues. Il suo modo di suonare è basato su un fraseggio nervoso, fatto di bending ed un ampio utilizzo di legati e cromatismi. Ha un approccio fortemente pentatonico, nel quale però si muove con estrema maestria. Frequenti sono le frasi dove le pentatoniche vengono fuse al modo dorico, come frequente è l’utilizzo di triadi minori e maggiori. Dosa l'utilizzo della leva e il suo suono, tranne rarissimi casi, è quasi sempre frutto di una semplice distorsione, grintosa ed incisiva. Nota la sua tecnica di pizzicare ripetutamente la corda durante l'esecuzione di un bending. Un classico esempio di tale tecnica la troviamo nell'assolo di "Smoke on the water", dell'album "Machine Head", del 1972, dal minuto 3:40 al minuto 3:45. Il suo suono risulta sempre molto caldo, con un grande attacco. Sempre presente inoltre nel Blackmore di questo periodo, è una forte vena funky, anche se sempre dosata con intelligenza, mai troppo esplicita ed ingombrante. Nelle sue note si riconoscono le influenze del contemporaneo Jimi Hendrix, dal quale però si distingue in maniera netta, proponendo uno stile del tutto originale, gettando così le basi per la chitarra Hard-rock degli anni avvenire. Il secondo periodo di Blackmore, che va sino al 1996 circa, è caratterizzato da un progressivo abbandono del suo fraseggio tipico dei primi anni con i Deep Purple. L'approccio è più tecnico, ed il suono più in linea con i parametri dell'hard-rock moderno, utilizzando effettistiche di vario tipo, come phaser, octaver ed altri effetti. I suoi soli si articolano su frasi più veloci e tecniche, conservando tuttavia un timbro del tutto personale. L'approccio non è più prettamente ancorato alle pentatoniche e lo si sente spesso combinare infatti quest’ultime ad altre scale. Si può ascoltare un crescente utilizzo della leva e di un fraseggio perfettamente in linea con gli standard dell’hard-rock anni ‘80 e ‘90(parliamo in questo caso in particolare dei suoi lavori con i Rainbow). Da ascoltare ,per comprendere a pieno lo stile di questo suo secondo periodo, è sicuramente “Wolf to the moon”, la traccia di apertura dell’album “Stranger in Us All” del 1995. Da segnalare è anche l’assolo al minuto 3:22 del pezzo “Stagazer” dei Rainbow, 1976. Qui si notano tutti i tratti distintivi del Blackmore in “periodo Rainbow”. L’assolo presenta una serie di energici pull-off in velocità sulla scala di “B” frigio  dominante (B, C, D # E, F #, G, A). Nota anche come scala “Snake-charmer” essa si caratterizza per il suo esotico sapore orientaleggiante. Infine il Blackmore più recente, dal 1997 ad oggi, utilizza spesso strumenti tipicamente rinascimentali. Suonando in un gruppo “Medieval rock” utilizza ovviamente scale e sonorità del tutto differenti da quelle utilizzate con i Deep Purple , mentre si possono scorgere  in piccola parte sonorità, nella scelta di scale e  arpeggi, più vicine all’ultimissimo periodo Rainbow . Anche su strumenti acustici si può notare però l’utilizzo di tecniche proprie della chitarra elettrica come Hammer-on e pull-off. I suoi soli sono molto lineari e melodici, contornati, in un contesto fortemente folk, di un fresca ed intelligente vena moderna, retaggio ,di certo, del suo passato da chitarrista rock elettrico. Caposcuola della chitarra Hard-rock Blackmore mostra in quest’ultimo periodo, insieme alla compagna Candice Night, anche delle ottime doti compositive, proponendo una miscela di melodie ed armonie rinascimentali abilmente combinate con elementi rock e pop, riscuotendo un notevole successo di pubblico e divenendo una delle band “Medieval-rock” di maggiore riferimento nel panorama mondiale. 

Strumentazione[modifica | modifica wikitesto]

La prima chitarra posseduta in assoluto da Blackmore era una Framus acustica regalatagli dal padre[57]. Dopo il periodo di studio classico, Blackmore decide di acquistare il suo primo set elettrico: una chitarra elettrica Hofner Club 50 collegata ad un amplificatore Watkins Dominator[58]. Successivamente passa a suonare una Gibson ES-335 rosso ciliegia di seconda mano (acquistatagli sempre dal padre)[59] che utilizzerà fino alle registrazioni dei primi album coi Deep Purple: un Fender Twin collegato ad un effetto Echo della Vox completano il suo equipaggiamento dell'epoca[59]. A partire dall'inizio degli anni '70, il "menestrello" riceve da Eric Clapton la sua prima Fender Stratocaster che sostituirà completamente la vecchia chitarra semiacustica e che diventerà un suo vero e proprio "marchio di fabbrica". Da quel momento inizierà a modificare le sue Stratocaster applicando una tastiera "scalloped", cioè incavata al fine di favorire i bending e i vibrato, e scollegando il single coil centrale. Per quanto riguarda gli amplificatori impiega un Vox AC30 durante le prime incisioni con i Deep Purple[60], fino alla fine degli anni sessanta quando lo sostituisce con un Marshall[60] sia per le registrazioni in studio che Live. Agli inizi del 1994 ha iniziato a utilizzare degli Engl completamente valvolari fino alla nascita del modello Engl Ritchie Blackmore Signature E650.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Pre Deep Purple[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963 Just Like Eddie (Heinz)
  • 1989 Rock Profile (Ritchie Blackmore)
  • 1991 Rock Profile Vol. 2 (Ritchie Blackmore)
  • 1991 The Derek Lawrence Sessions Take 1
  • 1992 The Derek Lawrence Sessions Take 3
  • 1994 Dreams Do Come True - The 45's Collection (Heinz)
  • 1994 Take It! Sessions 63/68 (Ritchie Blackmore )
  • 2005 Getaway - Groups & Sessions (Ritchie Blackmore )

Come ospite[modifica | modifica wikitesto]

Con i Deep Purple[modifica | modifica wikitesto]

Studio[modifica | modifica wikitesto]

Live (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Con i Rainbow[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia dei Rainbow.

Studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Con i Blackmore's Night[modifica | modifica wikitesto]

Studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Compilation[modifica | modifica wikitesto]

Live VHS/DVDs[modifica | modifica wikitesto]

Apparizioni in film[modifica | modifica wikitesto]

  • 1991 Deep Purple - Heavy Metal Pioneers
  • 1995 Rock Family Trees - Deep Purple
  • 2002 Classic Albums - Deep Purple's Machine Head
  • 2006 Rainbow - In Their Own Words (archive footage)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Frase citata a pag.350 in Jerry Bloom, Ritchie Blackmore. La biografia non autorizzata, versione italiana pubblicata da Tsunami Edizioni con la traduzione di Eleonora Ossola, Iª Ediz. Milano Febbraio 2013 ISBN 978-88-96131-49-7.
  2. ^ a b c d allmusic.com - Ritchie Blackmore
  3. ^ Bloom, 2013, pp. 317-321
  4. ^ pag.11 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata op. cit.
  5. ^ pag.12 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  6. ^ a b c d e pag.13 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  7. ^ scheda del programma tv Six-Five Special sul sito IMDb [1].
  8. ^ pag.14 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  9. ^ a b c d e pag.16 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  10. ^ a b pag.19 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  11. ^ pagg.19-20 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  12. ^ a b pag.23 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  13. ^ a b c pag.30 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  14. ^ pag.26 Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  15. ^ pag.28 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  16. ^ pag.32 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  17. ^ pagg.33-34 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  18. ^ pag.34 Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  19. ^ a b c pag.33 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  20. ^ pag.37 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  21. ^ a b pag.40 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  22. ^ pag.75 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  23. ^ pag.71 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  24. ^ pag.53 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  25. ^ pag.69 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  26. ^ a b pag.42-44 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  27. ^ pagg.46-47 di Ritchie Blackmore, op. cit.
  28. ^ per una lista dettagliata di supposte partecipazioni di R. Blackmore ad incisioni altrui (note come The Tea Chest Tapes), vd. pag.360 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit.
  29. ^ pag.73 di Ritchie Blackmore - La biografia non autorizzata, op. cit., vd. nota 14.
  30. ^ pag.79 di Ritchie Blackmore , op. cit
  31. ^ pag.75 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  32. ^ pag.82 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  33. ^ pag.78 di Ritchie Blackmore , op. cit
  34. ^ pag.81 di Ritchie Blackmore , op. cit
  35. ^ a b pag.85 di Ritchie Blackmore , op. cit
  36. ^ a b c pag.86 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  37. ^ pagg.86-88 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  38. ^ a b c d e f pag.87Ritchie Blackmore , op. cit.
  39. ^ pag.89 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  40. ^ pagg.89-91 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  41. ^ pag.90 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  42. ^ pag.91 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  43. ^ a b c pag.92 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  44. ^ a b c pag.93 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  45. ^ a b c d e f pag.94 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  46. ^ pagg.88-89 e 95-96 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  47. ^ a b pag. 96 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  48. ^ pag.97 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  49. ^ pagg.98-99 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  50. ^ a b pag.99 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  51. ^ a b c d pag.101 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  52. ^ pagg.100-01 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  53. ^ a b c pag.102
  54. ^ pag.103 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  55. ^ a b c pag.107 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  56. ^ pag.105 di Ritchie Blackmore , op. cit.
  57. ^ Bloom, 2013, p. 13
  58. ^ pag.21 di Ritchie Blackmore op. cit.
  59. ^ a b pag.30 di Ritchie Blackmore, op. cit.
  60. ^ a b dati ricavati dal sito Woody Tone.com [2].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jerry Bloom, Ritchie Blackmore. La biografia non autorizzata, Milano, Tsunami Edizioni, 2013, ISBN 978-88-96131-49-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 24794790 LCCN: n87149149