Risoluzione 194 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La risoluzione 194 dell'Assemblea Generale dell'ONU è stata approvata l'11 dicembre 1948, verso la fine della guerra arabo-israeliana. La risoluzione esprime apprezzamento per gli sforzi dell'Inviato delle Nazioni Unite Folke Bernadotte dopo il suo assassinio da parte dei membri della Banda Stern. Si occupa della situazione nella regione della Palestina, al momento, stabilire e definire il ruolo di una Commissione di Conciliazione delle Nazioni Unite come organizzazione per facilitare la pace nella regione.

La risoluzione si compone di 15 articoli, il più citato dei quali sono:

  • Articolo 7: protezione e il libero accesso ai Luoghi Santi
  • Articolo 8: la smilitarizzazione e il controllo delle Nazioni Unite su Gerusalemme
  • Articolo 9: il libero accesso a Gerusalemme
  • Articolo 11: chiede il ritorno dei profughi

Reazioni[modifica | modifica sorgente]

Molti degli articoli della risoluzione sono stati ampiamente ignorati da tutte le parti interessate sino a questo giorno, poiché le raccomandazioni dell'Assemblea Generale non sono giuridicamente vincolanti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]