Risk (gioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Risk
Regole
N° giocatori 2–6
Requisiti
Età 14+
Preparativi 5–15 minuti
Durata 60–480 minuti
Aleatorietà Elevata, legata alle probabilità di carte e dadi, tuttavia riducibile con accorgimenti tattici

Risk è un gioco di strategia da tavolo, prodotto dalla Parker Brothers (ora divisione della Hasbro) ed è l'edizione originale sul quale si fonda la versione italiana RisiKo!. È stato inventato dal regista francese Albert Lamorisse e la prima edizione risale al 1957 con il nome La Conquête du Monde (La conquista del mondo).

Risk è un gioco a turni da 2 a 6 giocatori ed è giocato su una plancia dove è raffigurata la carta politica del mondo al tempo dell'età napoleonica, divisa in 42 territori che sono raggruppati in sei continenti. I giocatori controllano le armate con le quali tentano di strappare i territori agli avversari. Scopo del gioco è la "dominazione totale" sul globo, cioè controllare tutti i territori eliminando gli altri partecipanti. Attraverso un'opportuna griglia, Risk ignora le limitazioni quali la vastità dei territori e la logistica propria di lunghe campagne.

Contenuto e sua evoluzione nel design[modifica | modifica sorgente]

Benché l'ideatore del gioco fosse francese, questi lo creò quando era in vacanza in Olanda. Ci sono ancora dispute, comunque, sul Paese nel quale è stato ideato.

Ogni versione di Risk contiene un dato numero di armate dal colore diverso, ed ogni set è composto da tre tipi di pedine: le unità di fanteria rappresentano una singola armata, quelle di cavalleria cinque armate e le unità d'artiglieria dieci armate. I tre tipi di pedine sono semplicemente una comoda convenzione per rappresentare la grandezza di una specifica unità. Il gioco comprende cinque dadi (nella versione italiana, RisiKo!, i dadi sono sei): due per il difensore e tre per l'attaccante.

Sono inoltre incluse 72 carte, delle quali 42 rappresentano un particolare territorio ed il simbolo di una delle unità d'armata: una sola di queste carte viene assegnata al giocatore se questi ha conquistato almeno un territorio nel suo ultimo turno. Se inoltre si entra in possesso di tre carte recanti lo stesso simbolo o tre carte con simboli diversi, si può godere di un rinforzo extra all'inizio del proprio turno. Altre 2 carte hanno la funzione di "jolly" e possono sostituire qualsiasi delle 42 carte appena descritte. Le rimanenti 28 descrivono diversi e precisi obiettivi: ad ogni giocatore ne viene data una e dovrà portare a compimento il suo obiettivo per vincere.

Nelle prime edizioni i pezzi erano cubetti di legno rappresentanti un'armata ciascuno, mentre pochi pezzi a forma di piramide raffiguravano dieci armate, ma nelle ultime versioni le pedine sono in plastica colorata e più economica del legno. Negli anni ottanta le pedine raffiguravano in numero romano le unità ( I, III, V e X), mentre dal 1993 vengono fabbricati i pezzi odierni. L'edizione per collezionisti, in occasione del 40º anniversario dalla nascita del gioco, contiene pedine in metallo; inoltre, la linea che collegava l'"East Africa" con il "Middle East" è stata rimossa, ma per errore di produzione.

Mentre l'edizione europea di Risk ha incluso la variante "Secret Mission Risk" per qualche tempo, la versione statunitense non l'ha aggiunta sino al 1993. Nel 2005 un'edizione speciale ha reintrodotto i cubetti di legno.

Preparazione[modifica | modifica sorgente]

Ogni giocatore prende un numero predefinito di armate che dipende da quanti sono i partecipanti:

  • 40 armate (2 giocatori);
  • 35 armate (3 giocatori);
  • 30 armate (4 giocatori);
  • 25 armate (5 giocatori);
  • 20 armate (6 giocatori).

Poi a turno vengono occupati i territori da una sola armata, dopodiché verranno rinforzate le difese a discrezione di ogni giocatore. Infine, un rapido lancio di dadi per stabilire chi comincerà la partita e l'ordine dei turni.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

giochi da tavolo Portale Giochi da tavolo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giochi da tavolo