Riserva forestale di Sinharaja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riserva forestale di Sinharaja
Sinharaja Forest Reserve
Tipo di area Parco nazionale
Class. internaz. II
Stati Sri Lanka
Superficie a terra 88,64 km²
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Gnome-globe.svg Riserva della biosfera
Riserva forestale di Sinharaja
(EN) Sinharaja Forest Reserve
Sinharaja29.jpg
Tipo Naturali
Criterio (ix) (x)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1988 (come patrimonio)
1978 (come riserva)
Scheda UNESCO (EN) Patrimonio
(FR) Patrimonio
(EN) Riserva

La Riserva forestale di Sinharaja è un parco nazionale dello Sri Lanka. Ha un'importanza internazionale ed è stato inserito tra le riserve della biosfera e tra i Patrimoni dell'umanità dall'UNESCO.

La vegetazione della foresta vergine
Fauna comune

La collinosa foresta vergine fa parte dell'ecoregione nota come Sri Lanka lowland rain forests, e si salvò dallo sfruttamento commerciale grazie alla sua inaccessibilità. Venne dichiarata Riserva della biosfera nel 1978, e patrimonio dell'umanità nel 1988. Il nome del parco significa Regno del Leone.

La riserva misura soli 21 chilometri da est ad ovest, e 7 da nord a sud, ma è un tesoro per quanto riguarda le specie endemiche tra cui alberi, insetti, anfibi, rettili, uccelli e mammiferi.

A causa della densa vegetazione l'osservazione delle specie viventi è più difficoltosa rispetto ai terreni asciutti come il Yala. Non vi sono elefanti, ed anche i leopardi non superano i 15 esemplari. Il mammifero più comune è il Purple-faced Langur.

Un fenomeno interessante è quello che vede gli uccelli spostarsi in stormi formati da diverse specie, guidati dagli impavidi drongo del paradiso e dai chiassosi Garruli della giungla di Sulawesi. Delle 26 specie endemiche di uccelli, le 20 forestali possono essere osservate nel parco, inclusi i rari malcoha facciarossa, i cuculi fagiani di Sri Lanka e le gazze azzurra di Sri Lanka.

I rettili comprendono le vipere verdi e le Hump-nosed Viper, oltre a numerose specie di anfibi, soprattutto rane delle piante.

Tra gli invertebrati si possono ricordare le farfalle Troides helena e le inevitabili sanguisughe.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità

Coordinate: 6°25′N 80°30′E / 6.416667°N 80.5°E6.416667; 80.5