Riserva della biosfera di El Vizcaíno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 27°47′32″N 114°13′40″W / 27.792222°N 114.227778°W27.792222; -114.227778

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Gnome-globe.svg Riserva della biosfera
Santuario delle balene di El Vizcaíno
(EN) Whale Sanctuary of El Vizcaino
Pelícano en Mulegé.jpg
Tipo Naturali
Criterio (x)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1993
Scheda UNESCO (EN) Patrimonio
(FR) Patrimonio
(EN) Riserva

La Riserva della biosfera di El Vizcaíno è un'area naturale protetta del Messico. Dal 1993 è iscritta tra le riserve della biosfera e tra i patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

La riserva si trova al centro della penisola di Baja California, tra l'Oceano Pacifico ed il Golfo di California. Copre un'area di 25000 km² ed è la più grande zona protetta di tutta l'America Latina.

Primi abitanti[modifica | modifica wikitesto]

I Cochimi abitarono per primi questa regione oltre 11000 anni fa. Si trattava di popoli nomadi provenienti da nord. Questi vagabondi vissero al riparo delle grotte nella catena montuosa di Sierra San Francisco. Gli escursionisti che visitano queste montagne possono ancora ammirare le loro pitture rupestri.

Specie uniche della Baja[modifica | modifica wikitesto]

Animali e piante di questo territorio si sono adattati alle condizioni estreme desertiche con poche piogge, venti forti ed un ecosistema che ha prodotto migliaia di specie animali e vegetali endemiche, non rintracciabili in nessuna altra zona del mondo.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Tra le specie endemiche ci sono una serie di animali notturni quali coyote, roditori e lepri; altri hanno imparato a succhiare l'acqua dalle piante succulente. Tra i mammiferi spiccano le antilocapre, uno dei più veloci sulla Terra. In questa regione si possono trovare gli ultimi esemplari di Antilocapra Americana Peninsularis, una specie endemica. El Vizcaino è anche l'habitat del bighorn, del cervo mulo e di dozzine di uccelli, alcuni dei quali migratori. I più importanti sono: falchi pescatori, cormorani, ardeidi e gabbiani, oltre a quattro specie di tartarughe marine. Su costa e isolotti si trovano numerosi mammiferi marini, come elefanti marini e leoni marini.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]