Riserva della biosfera delle farfalle monarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 19°36′23″N 100°14′30″E / 19.606389°N 100.241667°E19.606389; 100.241667

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Riserva della biosfera delle farfalle monarca
(EN) Monarch Butterfly Biosphere Reserve
Tipo Naturali
Criterio (vii)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2008
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La Riserva della biosfera delle farfalle monarca è una riserva della biosfera situata nella parte orientale dello stato di Michoacán, anche se in alcuni tratti sfora nel territorio dello stato del Messico, nel Messico centrale.

Nel 2008 è stata inserita tra i patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Un esemplare adulto di farfalla monarca

La riserva venne creata per proteggere l'habitat invernale delle farfalle monarca, e copre oltre 56.000 ettari di terreno.[2]

Durante l'inverno 2007-2008, sono stati registrati dodici colonie o santuari di farfalle ettari, la stessa cifra dell'inverno precedente e sette volte quella del 2004-2005. Otto di queste dodici colonie si trovano all'interno del parco. Quattro di loro sono aperte al pubblico, e si tratta di:

Gli altri santuari si trovano presso San José Villa de Allende e Ixtapan del Oro, e non sono promossi a livello turistico a causa del rischio di arrecare danno a queste farfalle.[3]

Nonostante la riserva soffra ancora di numerosi problemi con le infrastrutture, soprattutto per alcune discariche e negozi nelle vicinanze, sono stati fatti molti miglioramenti, per la maggior parte nella riserva di El Rosario. Tra queste migliorie si trovano dei sentieri ben segnati, con pattuglie di ronda e gradini in pietra o cemento nelle parti più scoscese, per combattere l'erosione. Le escursioni a cavallo sono state soppresse a causa dell'erosione che causavano.[2]

Durante l'inverno 2008-2009 è stato pianificato un censimento delle farfalle presenti, attraverso l'uso di piccoli adesivi che non impediscono il volo. L'obbiettivo è quello di determinare l'esatta rotta migratoria primaverile, che le spinge fino agli Stati Uniti ed al Canada.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda UNESCO
  2. ^ a b c Luis Romo, Ultimas noticias de la Reserva a la Biosfera Mariposa Monarca in México Desconocido, vol. 374, aprile 2008, pp. 24-29.
  3. ^ Gerardo Novo, Jorge de la Luz, The State of Mexico, Mexico City, Ediciones Nueva Guia, 2002, p. 88, ISBN 968-5437-26-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]