Corrente di risacca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Risacca)

La corrente di risacca (dallo spagnolo resaca[1][2]) detta anche di riflusso o di ritorno, è un tipo di corrente marina molto pericolosa.

Si tratta di un intenso flusso d'acqua causato dal moto ondoso del mare, che si forma davanti alla spiaggia. L'accumulo d'acqua lungo la costa provoca un aumento di pressione, che deve essere compensato da un flusso di ritorno che si dirige dalla riva verso il largo ad elevata velocità, trascinando con sé tutto ciò che incontra.

Come si formano[modifica | modifica sorgente]

Processo di formazione.

Tali correnti si creano prevalentemente negli specchi di mare davanti alle spiagge sabbiose soprattutto quando sono delimitate da promontori rocciosi, formando spesso dei canaloni sul fondale che rendono ancora più pericoloso il loro manifestarsi.

Pericoli[modifica | modifica sorgente]

Alcune volte, a causa della loro forza, si possono rivelare molto pericolose. Si viene risucchiati e trascinati senza tregua verso il largo. La loro elevata velocità, anche oltre 9 km/h, rende difficile mettersi in salvo anche ai nuotatori più esperti.

Come riconoscerle[modifica | modifica sorgente]

Guardando la superficie dell'acqua si può intuire l'esistenza di una corrente diretta verso il largo. In quei punti la superficie dell'acqua è insolitamente liscia e ondulata; inoltre, le onde sono come spezzate in presenza di una forte corrente di ritorno. Si può anche riconoscere la presenza di queste correnti guardando il profilo della spiaggia, che tenderà ad assumere la forma di una sequenza di insenature più o meno grandi a seconda della forza della mareggiata piuttosto che quella lineare tipica della bonaccia. I punti pericolosi, cioè quelli di risucchio, corrispondono ai confini tra un'insenatura e l'altra e sono da evitare durante il bagno o il nuoto.

Come mettersi in salvo[modifica | modifica sorgente]

Nel caso in cui si finisse in una tale corrente, il metodo più giusto per difendersi è nuotare parallelamente alla costa, senza sprecare preziose energie cercando di raggiungere direttamente la riva, cercando quindi di uscire dalla testa. Contrastare una tale forte corrente è infatti estremamente lungo e faticoso, molto meglio uscirne lateralmente quanto prima.

Luoghi interessati[modifica | modifica sorgente]

I luoghi in cui si manifestano queste correnti, sono spesso noti e ben segnalati da cartelli di pericolo, anche se è sempre meglio non entrare in acqua quando il mare è molto agitato o quando è presente la bandiera rossa di pericolo di fare il bagno.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cfr. il lemma "risacca" nel Dizionario Treccani
  2. ^ Cfr. il lemma "risacca" sull'Enciclopedia Sapere

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dario Giorgio Pezzini, Il manuale di salvamento per bagnini di salvataggio ed istruttori SNS 2008, 3ª ed., Genova, Società Nazionale di Salvamento, 2008.
  • (EN) B. Chris Brewster, Open Water Lifesaving: The United States Lifesaving Association Manual, 2ª ed., Pearson Custom Publishing, 2003, ISBN 0-536-73735-5.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]