Ripartitore di frenata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il ripartitore di frenata o ripartitore elettronico di frenata (in inglese detto anche EBD Electronic Brakeforce Distribution) è un dispositivo presente in alcune automobili che ha lo scopo di rendere la frenata più sicura.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Durante la frenata il carico sulle ruote dell’autovettura spesso non è eguale, specie se la decelerazione è elevata; questo può provocare un possibile bloccaggio delle ruote posteriori che essendo più “scariche” hanno una minore aderenza con l’asfalto. Se tale fenomeno dovesse dunque verificarsi porterebbe a una completa mancanza di direzionalità della vettura con conseguente testa-coda. Il ripartitore di frenata evita questo inconveniente, specie in curva, alleggerendo la forza frenante su una o entrambe le ruote posteriori evitandone il bloccaggio. Questa funzione è normalmente presente su vetture dotate di ABS essendo elemento di completezza di tale dispositivo di sicurezza automobilistica.

Tipi[modifica | modifica sorgente]

I ripartitori di frenata possono essere:

  • meccanici costituiti da un rubinetto, che parzializza i condotti e determina la resistenza del circuito;
  • elettronici dispositivi che permettono di trattare i circuiti dei freni in modo differenziato.

Ripartizione[modifica | modifica sorgente]

Inoltre questi sistemi possono avere una partizione:

  • Fissa, la partizione della frenata non è modificabile
  • Regolabile, si può modificare la partizione della frenata
    • Manuali, utilizzato nelle competizioni dove è abolita l'automatizzazione, come in Formula 1 e il pilota decide di quanto spostare la frenata sull'asse anteriore o posteriore.
    • Automatici, si ha un dispositivo elettronico o meccanico che regola in modo automatico la pressione massima esercitabile su ogni circuito del freno e quindi la forza frenante su ogni ruota.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]