Rino Barillari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saverio Barillari

Saverio Barillari detto Rino (Limbadi, 8 febbraio 1945) è un fotografo italiano. È soprannominato "The King of Paparazzi".[1][2][3][4][5][6][7][8][9]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Inizia aiutando lo zio che proiettava film nelle arene. All'età di 14 anni scappa di casa e va a Roma con un amico. Trova lavoro aiutando gli "scattini" presso la Fontana di Trevi. Di lì a poco, compra una macchina fotografica, una Comet Bencini. Vende i negativi delle foto scattate di giorno ad agenzie giornalistiche come Associated Press, UPI e ANSA.

Iniziando giovanissimo, ha fotografato molti personaggi della "Dolce vita" a cavallo tra il 1959 e 1960[7]: Liz Taylor, Ingrid Bergman, Jacqueline Kennedy, Barbra Streisand, Brigitte Bardot, Ava Gardner, Silvana Pampanini, Virna Lisi[7], Sophia Loren, Marcello Mastroianni, Claudia Cardinale, Marlon Brando, Vittorio Gassmann, Anna Magnani, Alberto Sordi, Aldo Fabrizi, i Beatles, Robert De Niro, Sylvester Stallone, Al Pacino, Francis Ford Coppola, Micheal Jackson, Demi Moore, Angelina Jolie, Elton John, Matt Damon, Madonna, Maradona e Lady Gaga.[7][8]

Una rissa con Peter O'Toole in Via Veneto gli porta la notorietà. È il 1963, l'attore gli spacca un orecchio e il padre del giovane Barillari sporge denuncia perché minorenne[10]. Vari, di lì in poi, gli scontri, con personaggi dello spettacolo: Liz Taylor, Barbara Streisand[11], Mickey Rourke[12], Claudia Schiffer[13], e altri[14].

Dagli anni sessanta in poi Barillari si occupa di cinema, degli anni di piombo e di vari episodi di cronaca nera lavorando per Il Tempo e dal 1989 per Il Messaggero.

È stato nominato docente honoris causa in fotografia presso la Xi'an International University nell'ottobre 2011.[15][16] Il 24 luglio 2012 riceve la lettera di incarico da Huang Teng rettore della Xi'an International University. Il 9 dicembre 2012 partecipa alla trasmissione condotta da Paolo Bonolis "Avanti un altro!"

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri[17]»
— Roma, 2 giugno 1998
Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri[18]»
— Roma, 27 dicembre 1992

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Mostre[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jerusalem Post, Remembering the Italian Hollywood
  2. ^ Professional Photographer, Profile: Rino Barillari, the Paparazzi don
  3. ^ RT, Moscow welcomes 'king of paparazzi'
  4. ^ The Guardian, [1](cit. "King of paps")
  5. ^ Panorama, Barillari, gli amori di Hollywood molti costruiti a tavolino
  6. ^ Bruno Vespa, L'amore e il potere. Da Rachele a Veronica, un secolo di storia italiana, 2007, Mondadori
  7. ^ a b c d The King of Paparazzi, occhio alle ragazze del Nuoto. E' l’estate delle sorelle d’Italia - Adnkronos Cronaca
  8. ^ a b Il Messaggero, [2]
  9. ^ Vouge, [3]
  10. ^ La Principessa Il Cavaliere E Le Botte Al Paparazzo - Repubblica.It » Ricerca
  11. ^ Millardet, schiaffi da saloon
  12. ^ Mel Gibson meglio di Rourke: offre da bere ai paparazzi
  13. ^ Spazzali ironico: eppure prima amava la stampa
  14. ^ Profile: Rino Barillari, the Paparazzi don
  15. ^ Rino Barillari all'Università di Xian la Cina a lezione dal King - Il Messaggero
  16. ^ Radio Monte Carlo Podcast
  17. ^ Quirinale.it
  18. ^ Quirinale.it
  19. ^ Sophia Loren Archives - Credits - Photographers
  20. ^ The king Barillari diventa il mago Cagliostro, Affaritaliani.it, 10 gennaio 2011

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]