Rim Banna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rim Banna
Nazionalità Israele Israele
Genere World music
Pop
Periodo di attività 1985 – in attività
Sito web

Rim Banna (Nazaret, 8 dicembre 1966) è una cantautrice palestinese, divenuta famosa a livello internazionale soprattutto grazie alla sua collaborazione all'album Lullabies from the Axis of Evil del 2003.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cantante, musicista e attivista per la causa palestinese, Rim Banna è nata a Nazaret il 6 dicembre 1966. Dopo aver frequentato la Nazareth Baptist School, ha iniziato la carriera di cantautrice alla fine degli anni '80, registrando sia brani originali che reinterpretazioni di canzoni palestinesi, incidendo anche album per bambini.

In quanto attivista, molte delle sue canzoni fanno riferimento alla sofferenza causata al popolo palestinese dall'occupazione dei territori da parte di Israele. Le sue interpretazioni musicali in lingua araba sono spesso accompagnate da musica di carattere occidentale, relegando l'utilizzo di strumenti e tecniche tipicamente mediorientali solo ad alcuni brani.

Riconoscimento internazionale[modifica | modifica wikitesto]

La popolarità di Rim Banna in Europa arriva dopo la collaborazione all'album Lullabies from the Axis of Evil (traducibile con "Ninne nanne dall'Asse del Male"), prodotto nel 2003 dal musicista norvegese Erik Hillestad. Per il disco la cantante duetta con Kari Bremnes, partecipando anche ad uno show in Oslo. Avvalendosi della collaborazione di diverse cantanti provenienti dal cosiddetto "Asse del male" (Iraq, Iran, Corea del Nord, ecc), l'album in lingua inglese voleva essere un messaggio contro la guerra facilmente recepibile da un pubblico occidentale.

Successivamente Rim Banna pubblica The Mirrors of My Soul, un album dedicato a tutti i prigionieri politici detenuti nelle carceri israeliane. I brani eseguiti con la collaborazione di un quintetto norvegese hanno una connotazione musicale pop prettamente occidentale, anche se il messaggio di fondo relativo alla sofferenza dei palestinesi oppressi è rimasto del tutto invariato rispetto ai lavori precedenti della cantautrice.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 225749217