Rifugio Marinelli Bombardieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rifugio Marinelli Bombardieri
Stato Italia Italia
Altitudine 2.813 m s.l.m.
Località Lanzada
Catena Massiccio del Bernina (nelle Alpi Retiche occidentali)
Coordinate 46°20′40.27″N 9°54′19.32″E / 46.344519°N 9.905367°E46.344519; 9.905367Coordinate: 46°20′40.27″N 9°54′19.32″E / 46.344519°N 9.905367°E46.344519; 9.905367
Mappa di localizzazione: Italia
Inaugurazione 1880
Dati logistici
Proprietà Cai, sezione di Sondrio
Gestione Giuseppe della Rodolfa - Guida Alpina www.dellarodolfa.it - www.rifugiomarinellibombardieri.it
Periodo di apertura Da giugno a settembre
Capienza 210 posti letto
Sito Internet

Il rifugio Marinelli Bombardieri è un rifugio situato nel comune di Lanzada (SO), in Valmalenco, nel massiccio del Bernina (Alpi Retiche occidentali), a 2.813 m s.l.m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio, di proprietà del CAI di Sondrio, fu costruito nel 1880 e denominato rifugio Scerscen dal vallone in cui si trova. Fu uno dei primi rifugi costruiti in tutte le Alpi Retiche. Dopo la morte del suo ideatore, Damiano Marinelli, nel 1882 venne intitolato a lui. Nel tempo fu soggetto a numerosi ampliamenti (1906, 1915, 1917, 1925 e 1938), finché, dopo la seconda guerra mondiale, per impulso di Luigi Bombardieri venne raddoppiato. Alla sua morte, in seguito alla tragica caduta dell’elicottero che lo trasportava nel 1957, il suo nome venne aggiunto nell’intitolazione del rifugio.

Caratteristiche e informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio ospita fino a 186 persone ed è aperto dalla fine del mese di giugno alla meta' del mese di settembre.

Accessi[modifica | modifica wikitesto]

Da Lanzada si raggiunge in auto Campo Moro (1.970 m). Di qui il rifugio è raggiungibile in 3 ore e mezza.

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Traversate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]